fbpx

Tutti i limiti del pensiero positivo

Foto Giancarlo Colombo

Immagina, puoi” recitava alcuni anni fa uno dei claim pubblicitari più inconsistenti che sia mai stato concepito. Non c’è che dire: il pensiero positivo appesta la storia dell’umanità dalla notte dei tempi. E con l’espressione pensiero positivo indico un fenomeno preciso: la convinzione che basti avere fantasie di successo per raggiungere i propri obiettivi.

Tra sogno e realtà 
Molta gente ne è sicura. Se il pensiero positivo vi attrae, fate un piccolo esperimento: invece di allenarvi duramente, state seduti a immaginarvi mentre tagliate il traguardo della maratona di New York. Oppure, quando siete in piena crisi metabolica e dovete respirare affannosamente anche solo per camminare, fatevi una bella fantasia positiva sulle vostre gambe che scattano come molle. Mi raccomando però, ricordatevi di telefonare per raccontarmi come è andata.
La mentalità “immagina, puoi”, l’idea che sognare un evento equivalga a poterlo realizzare, è semplicemente ridicola.
Certo, diffondere una mentalità di questo tipo fa gioco a diversi tipi di interesse.

Più fantasie, meno rendimento
Con buona pace di tutti, è comunque il metodo scientifico a mettere una pietra tombale sul pensiero positivo. Una serie di ricerche prodotte negli ultimi anni ha trovato una correlazione costante tra fantasie positive e diminuzione del rendimento.

il pensiero positivo ostacola le prestazioni perché ci rilassa e prosciuga l’energia di cui abbiamo bisogno per agire in
concreto. Se ci autoinganniamo pensando di avere raggiunto i nostri obiettivi, sentiamo meno la spinta a darci da fare nella realtà. Le
persone che fantasticano positivamente per il futuro non lavorano duro come quelli con fantasie più limitate e questo li conduce a prestazioni più povere.

Non resta che lavorare
Le fantasie a occhi aperti rappresentano quindi un buon metodo per ispirarsi o per rilassarsi. Ma per raggiungere gli
obiettivi, non c’è altro che il duro lavoro. Ricordatevene, la prossima volta che qualche guru da strapazzo vi proporrà di “visualizzarvi mentre tagliate il traguardo vincitori” come alternativa a una sana sessione di prove ripetute.

Articoli correlati

Corsa per la serenità

08 Febbraio, 2020

In un’intervista uscita l’anno scorso su Correre Federico Mancin, trentacinquenne professionista del digitale, ci aveva raccontato sua storia di uscita dal tunnel della depressione e di rinascita verso la serenità grazie alla scoperta della corsa. Corsa che era venuta a essere, per lui, un simbolo della felicità e della tranquillità ritrovate dopo un momento buio, […]

A 95 anni Fagnani si ferma: basta con le ultramaratone

07 Dicembre, 2019

Dopo aver partecipato a più di cento tra maratone e ultramaratone, all’età di 95 anni Walter Fagnani ha detto basta e ha deciso di appendere le scarpe al chiodo. Ma, specifica, solo per quanto riguarda le lunghe distanze. A maggio di quest’anno, a 94 anni e 8 mesi, ha percorso quella che con ogni probabilità […]

Quando è la sfida ad accendere la motivazione

È un’esperienza abituale quella di pensare: “Quando ho uno scopo in mente riesco ad allenarmi meglio”. Un obiettivo, in particolare se sotto forma di sfida, favorisce coinvolgimento, interesse, disciplina: è abbastanza raro ad esempio che qualcuno che corre per divertimento si metta a fare ogni settimana, con regolarità, le ripetute. UN CASO EMBLEMATICO È significativa […]

Così lo stress ti fa ingrassare

Perché le persone stressate tendono a mangiare di più e a scegliere cibi meno sani? Ed è solo questo il motivo per cui chi è sotto stress tende a ingrassare (oggi si parla addirittura di stress-induced obesity)? Uno degli effetti immediati dello stress è quello sul metabolismo. Il nostro sistema nervoso si attiva di fronte […]