fbpx

Il piede dell’ ultratrailer: tutto quello che c’è da sapere

Parlare di piede e biomeccanica nell’ ultratrailer vuol dire prendere in considerazione molti degli aspetti che caratterizzano la corsa in situazioni estreme. Queste condizioni impegnano oltremodo il piede da un punto di vista articolare e legamentoso e possono creare facilmente traumi distorsivi in relazione ai terreni accidentati o a situazioni di sovraccarico funzionale nella corsa in discesa. A questi due elementi si aggiunge la frequente possibilità di microtraumi da impatto legati alla irregolarità del suolo.

Tipi di corsa e loro effetti

Vediamo punto per punto le principali caratteristiche della corsa dell’ ultratrailer:

  • corsa in discesa in condizioni estreme con tempi di appoggio lunghi;
  • corsa in salita con passo naturalmente corto;
  • corsa su terreno disconnesso con notevole impegno articolare delle articolazioni tibio- tarsica e sotto-astragalica;
  • corsa con appoggio su superficie irregolare, con possibili traumi da impatto sulla pianta del piede;
  • corsa con improvvisi cambi di direzione legati al percorso e importanti effetti torsionali sulle articolazioni di tutto l’arto inferiore. Alla luce di tutte queste peculiarità, gli effetti sull’impegno dei vari distretti anatomici possono essere i seguenti:
  • situazione di stress del muscolo del tibiale posteriore, deputato al controllo del movimento di pronazione del piede, nella corsa in discesa;
  • notevole impegno muscolare del muscolo tricipite della sura, ovvero il polpaccio, nella corsa in salita;
  • stress articolare delle articolazioni tibio-tarsica e sotto-astragalica, spesso costrette a lavorare ai gradi estremi della loro mobilità, con relativo impegno legamentoso;
  • microtraumi in particolare a livello delle articolazioni dei metatarsi, che sono sistematicamente esposte a trauma da impatto quando la superficie di appoggio non è regolare;
  • in relazione ai cambi di direzione con raggi di curva molto stretti, va da sé che la capacità di ridurre al minimo l’ampiezza del passo e di velocizzare l’esecuzione del gesto risulta determinante per limitare gli effetti negativi da un punto di vista torsionale. Caviglia, ginocchio e anca sono impegnate di continuo;
  • va fatta infine una considerazione di carattere generale legata alle condizioni dei praticanti dopo ore di esercizio. La stanchezza può giocare un ruolo determinante ai fini dell’efficienza della reattività muscolare e laddove vi sono dei passaggi impegnativi è più frequente la possibilità di gesti non eseguiti al meglio, con conseguenze negative. L’imprevisto può essere anch’esso un fattore aggravante.
Scelta delle scarpe

Per l’ ultratrailer è particolarmente importante optare per delle calzature specialistiche, che devono fornire:

  • un buon grip a livello della suola;
  • un efficiente effetto ammortizzante;
  • caratteristiche generali di stabilità;
  • limitato dislivello antero-posteriore dell’intersuola;
  • capacità di adeguarsi a terreni a superficie irregolare;
  • duttilità della tomaia, necessaria quando l’appoggio del piede non è su superficie piana.
Sulle caviglie

Eventuali bendaggi possono essere giustificati, a scopo preventivo, in chi ha subito distorsioni. Devono essere eseguiti con bende apposite, per garantire una stabilità aggiuntiva a livello articolare. Vere e proprie cavigliere possono limitare la funzionalità del piede e sono consigliabili solo in caso di accertate instabilità croniche della caviglia.

Articoli correlati

Franco Collé vince la SwissPeaks Trail

04 Settembre, 2020

Il recordman del Monte Rosa trionfa nella SwissPeaks Trail, la durissima kermesse svizzera sulla distanza di 314 km. Primo a pari merito lo svizzero Jonas Russi. Il valdostano Franco Collé ha vinto la SwissPeaks Trail che quest’anno, causa Covid, si è disputata su una distanza “ridotta” di 314 km (22.500 metri di dislivello positivo) con […]

Coronavirus – Annullata la Lavaredo Ultra Trail

25 Marzo, 2020

La quattordicesima edizione della gara italiana di trail più famosa nel mondo era in calendario da venerdì 26 a domenica 28 giugno, sul percorso ricavato su quelle montagne italiane che tutto il mondo ci invidia: le Dolomiti. Niente Lavaredo Ultra Trail per questo 2020. La più importante gara del trail running italiano getta la spugna: […]

Corse estreme sulla Terra

22 Febbraio, 2020

“Perché ho iniziato a correre? Ho iniziato perché io, uomo di mare, volevo stare in mezzo alla natura impervia e dare del tu alla montagna della quale mi ero innamorato da ragazzino.” Questa è la motivazione che ha portato Stefano Gregoretti a dedicare il libro Ultratrail alle sue esperienze di viaggio e di corse estreme […]