fbpx

Il dolore al fianco destro 

Il dolore al fianco destro 

Foto: 123rf

Il dolore al fianco destro per il runner è un sintomo sempre difficile da decifrare. Spesso anche il runner esperto finisce per rimbalzare da un ambulatorio all’altro.

Il dolore al fianco destro nell’atleta insorge prevalentemente per due motivi: l’utilizzo intenso del glicogeno muscolare negli atleti che si riscaldano per un tempo insufficiente e l’accumulo di microcalcoli minerali o lipidici all’interno della cistifellea.

Spesso la diagnosi sfugge per la temporaneità del problema, che non si presenta sempre, a ogni ora del giorno, ma soltanto in corrispondenza del momento di disidratazione connesso con lo sforzo fisico prolungato. Così, quando si arriva a effettuare un’ecografia addominale, solitamente in grado di evidenziare i microcalcoli o il fango biliare eventualmente presenti, questa risulta invariabilmente negativa. Quando l’atleta si è reidratato e il pomeriggio successivo si reca in ospedale per effettuare l’esame, spesso la sabbietta biliare è già tornata in soluzione ed è del tutto invisibile a livello ecografico.”

Le cause del dolore al fianco destro: il ruolo del fegato

Per capire la causa del dolore al fianco destro bisogna cominciare a fare attenzione a quando si manifesta: all’inizio dell’attività oppure dopo un certo tempo.

Il dolore a inizio attività è dovuto alla brusca chiamata in gioco del fegato. Quando il muscolo viene sollecitato con la corsa, le cellule muscolari utilizzano come carburante il glucosio stivato nel fegato sotto forma di glicogeno. Il meccanismo è rapido, ma non immediato. Se l’azione di corsa è da subito intensa, senza un adeguato tempo di riscaldamento, il tessuto muscolare chiede la collaborazione del fegato, che deve così impegnarsi in modo istantaneo per arricchire il sangue di glucosio. Tale brusca chiamata in causa può provocare, in atleti sensibili, una sensazione di dolore al fianco destro. Il rimedio, in questo caso, è la gradualità nello sviluppo dello sforzo. 

Le cause del dolore al fianco destro: il rischio di microcalcoli 

La seconda importante causa di dolore al fianco destro ha invece cause più complesse. È connessa con la presenza di microcalcoli all’interno della cistifellea (o colecisti). La presenza di un calcolo, ovvero di un “sassolino” all’interno di un viscere può creare un rigonfiamento del viscere stesso (se si posiziona sul foro di uscita) o un blocco del dotto di deflusso del liquido, in questo caso la bile. Il rigonfiamento del viscere o del dotto genera un dolore intenso che può costringere l’atleta anche a fermarsi.

La prevenzione

La prevenzione del dolore al fianco destro deve prevedere una corretta idratazione sia prima sia durante lo sforzo. I farmaci utilizzati per prevenire questo problema sono l’acido ursodesossicolico (da utilizzare solo su indicazione del medico) e l’acido citrico, di solito sotto forma di citrato di magnesio. Senza un’adeguata prevenzione della disidratazione non c’è farmaco che possa funzionare. La sottostima del problema può portare ad una stabilizzazione del calcolo, con dolori anche da fermo e potenziali danni al pancreas. 

Il ruolo dell’alimentazione

Per favorire il lavoro della cistifellea è importante mangiare regolarmente per permettere un corretto svuotamento della bile ed evitarne un’eccessiva concentrazione. Infatti i succhi biliari vengono progressivamente concentrati nella colecisti che poi con l’arrivo del chimo dallo stomaco vengono liberati nel duodeno favorendo la digestione dei grassi. I problemi nascono quando la bile rimane per troppo tempo nella cistifellea diventando progressivamente più densa o formando microcalcoli, che per essere espulsi costringono la cistifellea e il coledoco a un grande sforzo e a intense contrazioni fino allo spasmo con conseguente fastidio al fianco destro, fino a una colica biliare vera e propria. 

Rimedi: l’inositolo, il magnesio e i fitoterapici

Quando si parla di fegato non si può non parlare dell’inositolo. Questa semplice vitamina idrosolubile, detta anche vitamina B7, è di grande aiuto nel favorire tutti i processi metabolici epatici a partire dai processi di pulizia del fegato. Si utilizzeranno anche 2-3 grammi al giorno distribuiti nel corso della giornata per cicli terapeutici di circa 10-15 giorni ripetibili nel corso dell’anno.

All’inositolo è possibile affiancare alcuni fitoterapici con un’azione di drenaggio biliare: l’Uncaria tormentosa, l’Achillea millefolium, l’Echinacea angustifolia, l’Equisetum arvense, la Melissa officinalis, il Taraxacum officinale e la Betula albasvolgono. Utilizzate singolarmente o in combinazione e nei giusti dosaggi, per una forte azione disintossicante. Si seguiranno cicli di una decina di giorni che potranno essere ripetuti con efficacia nei periodi di maggior allenamento.

Per prevenire gli spasmi è inoltre di grande aiuto il magnesio per la sua azione detensiva sulla muscolatura liscia viscerale. Prima di una gara o di un allenamento impegnativo l’utilizzo di 50-100 mg di magnesio pidolato (oxiprolinato) riduce gli spasmi prevenendo il dolore al fianco destro. 

Indietro
Pagina 1 di 2
Avanti

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Cefalea del runner: le cause del mal di testa

Una delle patologie più diffuse tra gli sportivi è la cefalea. Si può presentare in diverse forme e con diverse cause che spaziano dall’alimentazione scorretta (carenze, sovraccarichi, sensitivity, digiuni) fino all’emicrania da sforzo. Il problema è comunque diffuso e complesso e non può essere affrontato attraverso l’uso di farmaci. Cerchiamo di capirne di più con […]

Dita a martello e corsa

Per dita a martello si intende una piccola deformazione delle dita del piede che spesso complica la vita a chi ama correre, rendendo doloroso il gesto della corsa. Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala […]

A dieta in estate? Sì, ma senza troppe rinunce

Molte persone, tra cui anche alcuni sportivi, pensano che in estate, durante le vacanze non si debba rinunciare a nulla e si possa mangiare e bere tutto quello che capita. Nulla di più errato. Se infatti è vero che la vacanza deve rappresentare un momento di maggiore libertà, non ha tuttavia alcun senso farsi coscientemente […]

News Allenamento Equipment Salute Correre