fbpx

Corsa per la serenità

08 Febbraio, 2020

In un’intervista uscita l’anno scorso su Correre Federico Mancin, trentacinquenne professionista del digitale, ci aveva raccontato sua storia di uscita dal tunnel della depressione e di rinascita verso la serenità grazie alla scoperta della corsa. Corsa che era venuta a essere, per lui, un simbolo della felicità e della tranquillità ritrovate dopo un momento buio, oltre che un’occasione per ritornare a stare bene anche dal punto di vista fisico. Ci aveva parlato del suo blog (runnerextralarge.com) e del suo profilo Instagram (runner_extralarge), entrambi molto seguiti da persone per cui lui, un po’ a sorpresa, era diventato una fonte di ispirazione e stimoli. E ci aveva anche rivelato di avere scritto un libro, Corri che ti passa. Se devi ripartire, fallo correndo, a scopo benefico, in favore di Aism (l’associazione italiana per la lotta alla sclerosi multipla).

Un libro che parla a tutti

Il volume oggi ritorna in libreria in una nuova veste, pubblicato da Anteprima Edizioni, con cinque capitoli inediti dedicati principalmente alla preparazione della sua prima mezza maratona. Si tratta, però, un libro che parla a tutti. Che racconta di vita prima ancora che di sport. Della possibilità di ritrovare un serenità che si credeva persa e di come questo possa accadere anche grazie alla corsa. Un’attività in grado realmente di far ritrovare se stessi anche quando tutto sembra perduto e ansia e stress paiono muri insormontabili. Una storia in cui il running diventa prima rifugio e poi passione. La corsa ˗ e la fatica che ne consegue ˗ si fanno così ancora una volta metafora della vita, in un lungo e tortuoso percorso di cambiamento e rivincita, in una trasformazione che offre nuova speranza, fino al raggiungimento di un traguardo sportivo. Il primo di molti.

Le parole di Federico

«Quando mi sono reso conto che la corsa aveva cambiato qualcosa di importante nella mia vita, aiutandomi a uscire da un periodo buio e portandomi a stare meglio da ogni punto di vista, mi sono trovato di fronte a un bivio. Non dire nulla, facendo credere alle persone intorno a me di essermi avvicinato al running solo per dimagrire, perché ero in forte sovrappeso. Oppure uscire allo scoperto e raccontare la mia storia. Parlare di un momento della mia vita in cui sono stato molto fragile e vulnerabile. Ho scelto la seconda via e questo ha innescato un meccanismo che mi ha portato, con non poca sorpresa e con una responsabilità che ancora mi stordisce un po’, a dare una mano a persone che si sono trovate in situazioni simili.»

Leggi anche: Lo sport è inclusione

Articoli correlati

La caduta dei campioni

20 Marzo, 2021

Sembravano destinati a un futuro luminoso di vittorie. Poi si sono persi, a un soffio dal salto decisivo. Quello che li avrebbe consacrati ai posteri come leggende dello sport. Sono i grandi sportivi raccontati ne La caduta dei campioni, volume edito da Einaudi. Le storie sono a opera delle firme della rivista web L’ultimo uomo. […]

Nutrire la forza

23 Gennaio, 2021

Potenzialmente, siamo tutti degli atleti straordinari, forti e versatili, resistenti e veloci, capaci di correre, nuotare, arrampicarci, saltare e di fare gioco di squadra, ossia cooperare tra di noi come nessun’altra specie. Spesso però ce ne dimentichiamo, perché il nostro stile di vita attuale non corrisponde più alle abitudini che hanno plasmato il nostro DNA. […]

Lo sport di domani

16 Gennaio, 2021

A che cosa ci riferiamo quando parliamo di sport? E come ne parliamo? Quando diciamo “educazione fisica”, per esempio, intendiamo le due ore settimanali di scuola oppure la formazione di un cittadino che impara il rispetto dell’avversario e altri valori importanti? Lo sport, infatti, è cultura. Per affermare questo principio nella realtà però servono un patto morale collettivo e […]

Orizzonti perduti

21 Novembre, 2020

È un gioco di specchi, fughe e depistaggi questo libro. Un gran bel viaggio nel passato. Le pagine di Orizzonti perduti non sono però informazioni e ricordi in un elenco logico e cronologico. I fatti hanno un’anima e Paolo Benini riesce a dare un senso di gioiosa malinconia a un tempo davvero lontano e del […]