Fabio D'Annunzio

Pizzolato su Correre di agosto: ecco gli allenamenti per andare forte sui 10 km

Cosa deve fare un runner per andare più forte? Orlando Pizzolato risponde a questa domanda nel suo articolo tecnico su Correre di agosto, partendo da una considerazione oggettiva: “La risposta più esatta è talmente banale da risultare sconcertante: per correre forte basta far girare rapidamente le gambe”. Già, ma quanto velocemente? “Quel che serve per raggiungere il proprio ritmo limite spiega Orlando aggiungendo subito un esempio : se un runner può valere 40’ sui 10 km, il ritmo limite è di 4 minuti al chilometro (velocità: 15 km/h).” L’esempio è, appunto, di un corridore che “Può valere” 40’ sui 10 km, ma ancora non li riesce a fare. “Deve quindi abituarsi scrive Pizzolato a quel ritmo con una serie di allenamenti, come ad esempio, 1.000 m in 240 secondi da ripetere dieci volte.” Il recupero dovrà essere deciso dal runner con l’obiettivo di riuscire a completare tutte e dieci le ripetute. Nel testo Pizzolato precisa quale livello di efficienza aerobica il runner deve aver raggiunto prima di dedicarsi a questo allenamento, per non rischiare che l’allenamento stesso risulti inutile o addirittura dannoso, ed espone poi un programma di dieci settimane di lavoro che conducono alla gara di 10 km: “La tabella che propongo è davvero semplice, elementare nella sua struttura, ma diventa impegnativa da seguire quando, nel tempo, ci si avvicina al clou della forma fisica”.

Articoli Correlati

Eyob Faniel
Great Manchester Run: l’azzurro Faniel secondo alle spalle di Kiplimo
Atletica e bambini
Pizzolato: atletica, miti d’altri tempi e giovani di oggi
“Io credo in te”: la borsa di studio di Pizzolato a Francesco Guerra e Rebecca Lonedo
Le ripetute: Quanto ci costa un allenamento?
Le basi dell’allenamento: ripetute, odi et amo
E’ più impegnativo scalare l’Everest o correre il miglio in meno di 4 minuti?
Fondo lento
Come arricchire il fondo lento