fbpx

Ripetute, odi et amo

Ripetute, odi et amo

Anche se correte solo per il vostro benessere, senza ambizioni agonistiche, evitate il più possibile di allenarvi sempre allo stesso modo. Indipendentemente dal vostro livello atletico, è utile inserire una parte di sedute settimanali svolte ad alta intensità, le famose ripetute. Alla base di ogni allenamento che si rispetti: ecco cosa sono e a cosa servono

Ripetute: cosa sono?

Sono prove intense dalla lunghezza variabile tra qualche centinaio di metri e qualche chilometro, intervallate da un recupero da fermi o correndo in souplesse. Questo cambiamento vi permetterà di rompere la monotonia di uno stimolo fisico troppo ripetitivo e sempre uguale. Da un punto di vista fisiologico, innalzano lo stato di fatica e abituano il cuore e i muscoli a “lavorare” in condizioni di difficoltà respiratorie, muscolari e coordinative. Attenzione però a non eccedere con gli allenamenti in soglia anaerobica e sopra, per evitare sindromi da affaticamento.

Le ripetute lunghe non mirano all’addestramento e alla stimolazione della velocità, ma sono molto importanti per l’allenamento della tenuta e della potenza aerobica. In un piano di allenamento bilanciato queste vanno necessariamente affiancate da sedute veloci, fondo medio e lungo svelto.

Come preparare una gara

Se preparate una gara sui 10 km, potreste alternare una settimana di ripetute corte di 500 m e una settimana di ripetute lunghe sui 1.000 m, con recupero di 1’30” o 2’.

Per preparare una mezza maratona, spingetevi sino a ripetute sui 3.000 m, con recupero attivo di 500 m. Se poi il vostro obiettivo è la maratona, dovrete fare i conti con ripetute sino a 5.000, intervallate da un chilometro di recupero attivo.

L’alternanza di lavori intensi e lavori leggeri vi farà raggiungere una buona condizione fisica, evitando un affaticamento organico eccessivo. Se decidete di aumentare il volume settimanale e già svolgete due sedute di allenamento intenso a settimana (come ripetute o fartlek in settimana e gara breve alla domenica), fatelo con lavori sotto soglia aerobica.

Articoli correlati

Piano di allenamento: classico o “modulato”?

Il programma di lavoro per preparare una corsa può essere organizzato seguendo due metodi, uno più consolidato, per questo definito “classico”, e uno di più recente adozione, il cosiddetto metodo “modulato”. Orlando Pizzolato valuta pregi e difetti di entrambi i sistemi.  A livello di programmazione dell’allenamento ci sono due scuole di pensiero: • Il metodo […]

Come migliorare la tecnica di corsa

Una buona tecnica può giocare un’enorme differenza non solo in questione di performance, ma anche sul vostro personale rapporto con la corsa e soprattutto è un importante strumento di prevenzione degli infortuni. La domanda nasce quindi spontanea: come si può migliorare la tecnica di corsa? Oggi vi presentiamo uno degli esercizi più sottovalutati nell’acquisizione e […]

Come suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute di allenamento curate da Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero Affrontare l’instabilità Dopo la sessione specifica: […]

5 consigli per correre in estate

Correre in estate: cosa portare con sé e cosa lasciare a casa perché il periodo e il luogo della vacanza diventino “mezzi” per scoprire e apprezzare un nuovo modo di correre, uscendo dalla routine e dando ascolto soltanto alle nostre sensazioni Finalmente, per molti, si avvicinano le meritate vacanze, quel tanto atteso momento in cui […]

News Allenamento Equipment Salute Correre