Ripetute, odi et amo

Ripetute, odi et amo

Anche se correte solo per il vostro benessere, senza ambizioni agonistiche, evitate il più possibile di allenarvi sempre allo stesso modo. Indipendentemente dal vostro livello atletico, è utile inserire una parte di sedute settimanali svolte ad alta intensità, le famose ripetute. Alla base di ogni allenamento che si rispetti: ecco cosa sono e a cosa servono

Ripetute: cosa sono?

Sono prove intense dalla lunghezza variabile tra qualche centinaio di metri e qualche chilometro, intervallate da un recupero da fermi o correndo in souplesse. Questo cambiamento vi permetterà di rompere la monotonia di uno stimolo fisico troppo ripetitivo e sempre uguale. Da un punto di vista fisiologico, innalzano lo stato di fatica e abituano il cuore e i muscoli a “lavorare” in condizioni di difficoltà respiratorie, muscolari e coordinative. Attenzione però a non eccedere con gli allenamenti in soglia anaerobica e sopra, per evitare sindromi da affaticamento.

Le ripetute lunghe non mirano all’addestramento e alla stimolazione della velocità, ma sono molto importanti per l’allenamento della tenuta e della potenza aerobica. In un piano di allenamento bilanciato queste vanno necessariamente affiancate da sedute veloci, fondo medio e lungo svelto.

Come preparare una gara

Se preparate una gara sui 10 km, potreste alternare una settimana di ripetute corte di 500 m e una settimana di ripetute lunghe sui 1.000 m, con recupero di 1’30” o 2’.

Per preparare una mezza maratona, spingetevi sino a ripetute sui 3.000 m, con recupero attivo di 500 m. Se poi il vostro obiettivo è la maratona, dovrete fare i conti con ripetute sino a 5.000, intervallate da un chilometro di recupero attivo.

L’alternanza di lavori intensi e lavori leggeri vi farà raggiungere una buona condizione fisica, evitando un affaticamento organico eccessivo. Se decidete di aumentare il volume settimanale e già svolgete due sedute di allenamento intenso a settimana (come ripetute o fartlek in settimana e gara breve alla domenica), fatelo con lavori sotto soglia aerobica.

Articoli correlati

Recupero attivo e corsa rigenerante

La corsa rigenerante è una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento, nonostante gli ottimi riscontri di chi invece l’ha adottata. Scopriamo come. Il rischio di ogni runner è di pensare solo all’allenamento dedicandosi senza tregua alla ricerca di ogni novità e di ogni possibile suggerimento con l’obiettivo di […]

Come suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute di allenamento curate da Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero Affrontare l’instabilità Dopo la sessione specifica: […]

Il fascino di correre sulla neve

In alcune località è già arrivata, in altre il meteo la annuncia come imminente. Stiamo parlando della neve, che con il suo candore affascina grandi e piccini. Ammettetelo: quanto è romantico e suggestivo correre sulla neve, in silenzio, mentre soffici fiocchi imbiancano il paesaggio circostante? Nei paesi nordici correre sulla neve è normale, nel senso […]

Allenarsi con le ciaspole, in forma sulla neve

Un modo diverso di vivere la montagna, ma anche un ottimo potenziamento. Le racchette da neve diventano uno dei migliori alleati della stagione invernale. Consigli per allenarsi con le ciaspole e vivere al meglio questa avventura Forse si fa fatica a crederlo ma è proprio così: le ciaspole, ossia le racchette per camminare sulla neve, […]