fbpx

Speciale trail: quando l’ansia sale in quota

25 Marzo, 2015

Anche se ci siamo preparati a puntino e abbiamo preso tutte le precauzioni del caso può succedere che la quota ci giochi un brutto scherzo: ma sono davvero gli effetti dell’altitudine oppure è ansia pre-gara?

Ogni essere vivente cerca disperatamente di adattarsi ai cambiamenti del proprio ambiente. L’aumento dell’altitudine comporta una minore pressione parziale dell’aria, il che significa essere esposti all’ipossia (carenza di ossigeno). Persino a questo stato di minor disponibilità di ossigeno gli animali contrappongono delle strategie di adattamento. Non sono solo gli umani, infatti, a dover acclimatarsi per sopportare la quota.

Per stare bene in quota occorre quindi che abbia luogo quella serie di adattamenti compensatori che chiamiamo acclimatazione. Di questo sono ben consapevoli tutti i trailer. Anche se non c’è bisogno dei lunghi e laboriosi processi di acclimatazione necessari a salire a quote himalaiane, pure per essere performanti in media montagna occorre un po’ di adattamento. Se teniamo alla prestazione è quindi corretto programmare un pochino di acclimatazione prima di effettuare una prova impegnativa o una gara in alta o media montagna.

Spesso però i naturali processi di adattamento sono complicati oppure ostacolati da aspetti emozionali. Ce lo spiega in modo approfondito Pietro Trabucchi, psicologo dello sport, nel numero di marzo di Correre

La mente può intervenire a complicare processi di adattamento altrimenti molto semplici. Prima di una scalata, tanta gente dorme malissimo nel rifugio o ha continue nausee, confondendo gli effetti della quota con quelli dell’ansia. I trailer ansiosi spesso confondono e sovrappongono quello che è ansia pre-gara con gli effetti reali dell’altitudine. Alla fine si crea un mix letale per la prestazione.

Articoli correlati

Fare progressi nelle prestazioni

13 Novembre, 2020

Il successo di un piano di allenamento efficace, afferma il nostro direttore Orlando Pizzolato, sta nei miglioramenti prestazionali. Se alla fine della preparazione non si corre più veloci sulla propria distanza-obiettivo significa che quel piano non è adatto a noi. Uno dei primi punti su cui è fondamentale soffermarsi per fare progressi nelle prestazioni è […]

A 95 anni Fagnani si ferma: basta con le ultramaratone

07 Dicembre, 2019

Dopo aver partecipato a più di cento tra maratone e ultramaratone, all’età di 95 anni Walter Fagnani ha detto basta e ha deciso di appendere le scarpe al chiodo. Ma, specifica, solo per quanto riguarda le lunghe distanze. A maggio di quest’anno, a 94 anni e 8 mesi, ha percorso quella che con ogni probabilità […]

Quando è la sfida ad accendere la motivazione

10 Gennaio, 2018

È un’esperienza abituale quella di pensare: “Quando ho uno scopo in mente riesco ad allenarmi meglio”. Un obiettivo, in particolare se sotto forma di sfida, favorisce coinvolgimento, interesse, disciplina: è abbastanza raro ad esempio che qualcuno che corre per divertimento si metta a fare ogni settimana, con regolarità, le ripetute. UN CASO EMBLEMATICO È significativa […]

Sogni da runner, la nostra dream list: 7 – Marathon des Sables

20 Agosto, 2017

Se dovete sognare, fatelo in grande. Vale nella vita e vale anche nel trail. Montagne, deserti, spiagge, foreste. Sono tante le gare che meritano i nostri sogni. Nel numero di Correre di agosto ve ne proponiamo dieci, scelte dal nostro inviato nel pianeta trail, Leonardo Soresi. Qui scopriamo, passo dopo passo, quelle che hanno fatto la leggenda. Oggi è la […]