fbpx

Salute del runner: gli infortuni più frequenti. Secondo: Fratture da stress

Foto: 123rf
Chi non ha mai corso in modo continuativo, chi si è dedicato ad altre discipline o chi inizia a correre in età avanzata, non ha solitamente uno spessore osseo consolidato capace di sopportare i carichi di un allenamento impegnativo. In questi casi, un incremento repentino della corsa può essere sufficiente a determinare fratture da fatica che interessano, il più delle volte, piede e tibia. 

Una premessa è necessaria: un aspetto che il runner tende a sottovalutare è quello della consistenza delle proprie ossa. Da un punto di vista metabolico l’osso necessita di carico, ovvero rimane in salute quando viene attraversato dalle forze legate alla posizione eretta del corpo. 

Quando l’osso risulta debole 

Chi non ha mai corso in modo continuativo, chi si è dedicato ad altre discipline o chi inizia a correre in età avanzata, non ha solitamente un trofismo osseo consolidato capace di sopportare i carichi di un allenamento impegnativo. In questi casi, un incremento repentino della corsa può essere sufficiente a determinare fratture da fatica che interessano, il più delle volte, piede e tibia. In particolare, in corrispondenza delle inserzioni tendinee, l’osso può essere sede di micro-eventi fratturativi con strascichi non trascurabili, soprattutto se non si ottiene una diagnosi precoce con relativa sospensione temporanea dell’attività della corsa. 

Per questo, chi risulta osteoporotico, ad esempio, può trovare giovamento nell’attività fisica, ma alcune attività intense, tra queste soprattutto la corsa, possono mettere a repentaglio ulteriormente l’integrità dell’osso. Il consiglio, in questi casi, è di limitare l’attività sportiva a cammino, nuoto, bicicletta come primi passi per allenare le ossa a sopportare in seguito carichi più importanti. 

Attenzione a tibia e calcagno

In alcuni casi, in particolare a livello del calcagno nel punto di inserzione della fascia plantare, sullo scafoide, dove abbiamo l’inserzione del tibiale posteriore e a livello metatarsale, si possono verificare condizioni di tipo “pre-fratturativo” in cui non vi è una vera e propria interruzione della corticale (la parte superficiale e molto consistente dell’osso), ma siamo in presenza di una marcata sofferenza dell’osso testimoniata dagli esiti della risonanza magnetica. 

>> Leggi anche: Gli infortuni più frequenti, primo: distorsione alla caviglia

Articoli correlati

Dolore al tendine d’Achille: prevenire e curare l’usura

Il tendine d’Achille nella corsa, ovvero uno dei punti più delicati e a rischio di lesioni e dolore del nostro piede. Quali sono le cause di infortunio? Ecco quando e come intervenire. Dolore al tendine d’Achille: che cosa è successo? La forma del calcagno Corsa e dolore al tendine d’Achille: quando non rimane che operarsi […]

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Gli infortuni del runner: impara a gestirli

Un periodo di stop può diventare un’occasione per diventare un runner migliore. Ecco i consigli dei nostri esperti su come si gestiscono gli infortuni del runner. Dobbiamo farcene una ragione: l’infortunio può far parte della vita del runner. Escludere che possa accadere è impossibile, ignorarne l’esistenza è inutile. Tutti i consigli degli allenatori sono impostati […]

Ricominciare a correre dopo un infortunio

Non solo cominciare a correre. La pausa d’agosto è utilizzata anche da molti appassionati che desiderano ricominciare a correre dopo un infortunio. Soprattutto dopo i 30-35 anni, bastano 10 giorni di stop e il muscolo perde in fretta la capacità di sostenere il lavoro eccentrico tipico della corsa ovvero quella caratteristica che lo porta a […]