fbpx

Quando si torna ai box: il defaticamento

21 Marzo, 2015

Insieme al riscaldamento e allo stretching, il defaticamento rappresenta una parte fondamentale dell’allenamento. Anche se le evidenze scientifiche sono minori e meno univoche, diversi fattori ne fanno intuire la forte utilità pratica. Su Correre di marzo è il Dott. Huber Rossi a spiegarci, in modo molto dettagliato e approfondito quanto è importante dedicare tempo e attenzioni al defaticamento.

Il defaticamento consiste in una corsa a bassa intensità, della durata di pochi minuti, da inserire a fine allenamento o dopo la gara. In alcuni casi il defaticamento può rappresentare un supplemento di allenamento, contribuendo ad aumentare il carico di chilometri settimanale.

I vantaggi apportati dal defaticamento sono:

1. facilitazione del ritorno venoso;
2. riduzione dei tempi di smaltimento dell’acido lattico prodotto dai muscoli in esercizio;
3. riduzione dei tempi di smaltimento dei prodotti di rifiuto del metabolismo aerobico e anaerobico e riduzione del Doms (Delayed Onset Muscolar Soreness, o dolore muscolare tardivo);
4. recupero progressivo della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna e del lavoro della muscolatura respiratoria;
5. riduzione delle tensioni muscolari e tendinee e delle aderenze tra i tessuti, in azione combinata allo stretching.

Il defaticamento deve permettere un gesto biomeccanico e un intervento muscolare non troppo differenti da quelli della gara o dell’allenamento. Deve essere tranquillo, ma non eccessivamente lento rispetto al ritmo del riscaldamento. Allo stesso tempo l’intensità non deve essere eccessiva.

Dopo il defaticamento è utile praticare stretching statico con lo scopo di ridurre la tensione muscolare e le aderenze tra le fasce muscolari e connettivali. Si tratta di una pratica adottata anche dai campioni degli altipiani africani che, pur senza aver studiato alcun trattato di fisiologia, a fine allenamento inseriscono diversi esercizi di leggera mobilità articolare.

In generale lo stretching dopo la corsa aiuta il defaticamento e il recupero.

Articoli correlati

Il Manuale del running di Huber Rossi

02 Giugno, 2021

Il Manuale del running – Dal benessere alla performance è il libro in 224 pagine di Huber Rossi per Editoriale Sport Italia Quanto bisogna allenarsi per migliorare la salute e la performance? Quali sono le regole fondamentali per allenarsi in modo corretto? Quali sono gli strumenti di allenamento per il running? Cos’è e come si […]

L’importanza dello stretching: quale e quando

18 Dicembre, 2016

In qualsiasi disciplina sportiva lo stretching assume un ruolo prioritario nella fase di riscaldamento: in genere, dopo una fase di corsa blanda di 10-15 minuti e prima dello svolgimento di esercizi specifici legati allo sport praticato, vengono eseguiti alcuni esercizi di allungamento muscolare auto-assistiti, che dovrebbero permettere il raggiungimento di una condizione pre-gara migliore. Le […]

Minimaliste: siamo al minimo

11 Luglio, 2015

Alcuni anni fa erano diventate una vera e propria moda e sembravano destinate a erodere in breve tempo una robusta fetta di mercato alle calzature più tradizionali. Ora, invece, l’orizzonte di vendita di questi modelli “essenziali” appare in contrazione nel running tecnico, dove si registra un ritorno del comfort e dell’ammortizzazione. Ecco comunque lo “stato […]

Correre scalzi per ridurre lo stress

10 Luglio, 2015

Rinunciare a calzature iperprotettive per correre come natura ci ha fatto. Il barefoot running e le scarpe minimaliste potrebbero indurre adattamenti posturali in grado di ridurre i traumi per le strutture osteoarticolari, diminuendo così l’incidenza degli infortuni da sovraccarico. Scopriamone di più su Correre di luglio grazie a Huber Rossi che approfondisce questo interessante tema […]