Minimaliste: siamo al minimo

Minimaliste: siamo al minimo

11 Luglio, 2015

Alcuni anni fa erano diventate una vera e propria moda e sembravano destinate a erodere in breve tempo una robusta fetta di mercato alle calzature più tradizionali. Ora, invece, l’orizzonte di vendita di questi modelli “essenziali” appare in contrazione nel running tecnico, dove si registra un ritorno del comfort e dell’ammortizzazione. Ecco comunque lo “stato dell’arte” di un’ottima idea tutta italiana.

Dopo l’analisi di Huber Rossi che ha affrontato i pro e contro sull’utilizzo delle scarpe minimaliste, passiamo la parola a Filippo Pavesi, l’esperto per Correre di calzature tecniche. Sul numero di luglio il dibattito è aperto ed è sviscerato in ogni dettaglio.

Alcuni dei più apprezzati specialisti del running, hanno sfornato intere collezioni di modelli minimalisti. “Avendo provato (con somma cautela) diverse scarpe minimal, di quasi tutti i tipi e un po’ di tutti i marchi, posso confermare che correre con le migliori di queste è un gran bell’andare – rivela Pavesi – la sensazione di sentire il piede libero, che si protende a cercare il terreno nell’imminenza dell’impatto, per poi andare a spingere in libertà, è entusiasmante. Ma, d’altro canto, devo anche ammettere che ho imparato che i miei tendini di Achille entrano ben presto in grossa crisi”.

D’altro canto, più in generale, pare che la pretesa di sostituire le scarpe minimaliste alle altre scarpe da running possa oggi dirsi sostanzialmente accantonata. Una ragione è che la maggior parte di coloro che corrono cerca soprattutto il confort, che deriva innanzitutto dalla maggior ammortizzazione possibile. Per questo, da alcuni anni, il pendolo dell’evoluzione delle scarpe sportive sta oscillando in direzione della massima ammortizzazione; infatti, con sempre maggior frequenza, arrivano sul mercato nuovi modelli attrezzati con suole di spessore anche doppio, o comunque maggiorato, in favore dell’ulteriore aumento di confort e ammortizzazione.

Leggi l’articolo di Huber Rossi sulle minimaliste

Articoli correlati

Vietato saltare il defaticamento

Insieme al riscaldamento e allo stretching, il defaticamento rappresenta una parte fondamentale dell’allenamento. Anche se le evidenze scientifiche sono minori e meno univoche, diversi fattori ne fanno intuire la forte utilità pratica. Importante quindi dedicare tempo e attenzioni al defaticamento. Il defaticamento consiste in una corsa a bassa intensità, della durata di pochi minuti, da […]

Come dormire bene per correre meglio

La qualità del sonno è fondamentale per migliorare la salute e la performance sportiva: ecco alcuni consigli su come dormire bene e correre meglio “Chi dorme non piglia pesci“. Non sempre è così: in realtà il sonno è una parte fondamentale della salute di una persona. Le ore di sonno servono infatti a dare ristoro […]

Appoggio del piede nella corsa: qual è il migliore?

Quello dell’appoggio del piede nella corsa è un argomento che non passa mai di moda. In genere sono presenti tre grandi gruppi di appartenenza legati alla prima zona del piede che tocca il suolo durante la stance phase (fase di appoggio a terra durante il ciclo della corsa): rearfoot striker: sono i runner in cui […]

Abc del running: come il corpo si adatta alla corsa

L’adattamento alla corsa è fondamentale per il nostro fisico in tante situazioni. Quando ci si avvicina per la prima volta al running ma anche quando si vogliono migliorare le prestazioni. La corsa, soprattutto negli ultimi anni, sta riscuotendo un enorme successo e sempre più persone si avvicinano con passione a questa disciplina. Succede molto spesso […]