Preparare una gara di 10 km in 4 settimane

Preparare una gara di 10 km in 4 settimane

Foto 123rf

Un periodo decisamente corto per effettuare un pieno ciclo di preparazione (costruzione, potenziamento, finalizzazione), ma utile, appunto, a chi ha la necessità di non disperdere quanto fatto fino a ora. Si tratta di sfruttare, richiamandolo, il lavoro svolto in precedenza e utilizzarlo per preparare una gara di 10 km in quattro settimane. Qui proponiamo la prima delle quattro settimane di programma.

Allenarsi senza un obiettivo-gara. È un po’ come viaggiare senza una meta, ma è capitato a molti appassionati nel periodo in cui le corse su strada erano state sospese e in quello in cui le gare venivano spostate o annullate a ridosso della data prevista.

Questi runner si sono ritrovati in una buona condizione organica generale, che però non hanno potuto sfruttare per partecipare a una gara. A loro era rivolto il programma di allenamento (più breve del solito) proposto da Lorenzo Falco su Correre di luglio (n. 441, pagine 30-34): sfruttare, richiamandolo, il lavoro svolto in precedenza per preparare in quattro settimane una gara di 10 km. Un periodo decisamente corto per effettuare un pieno ciclo di preparazione (costruzione, potenziamento, finalizzazione), ma utile, appunto, a chi ha la necessità di non disperdere quanto fatto fino a ora. Qui vi proponiamo in sintesi la prima settimana di lavoro, non prima, però, di aver aggiunto una precisazione, necessaria anche se un po’ antipatica: questo programma non è adatto a chi parte (o riparte) da zero, né per il podista esperto, ma fuori condizione.

1. Prima settimana – Obiettivo: capire se il ritmo gara sia sostenibile

Vediamo come lavorare:

• prima di cominciare, è importante stabilire il ritmo ipotetico che si vuole tenere nella gara di 10 km: il passo deve essere verosimile, realizzabile e non troppo lontano da un recente personale sulla stessa distanza;

• il lavoro è articolato in 4 uscite settimanali: la seduta 1, la seduta 2 e la seduta 4 sono “obbligatorie”, la seduta 3 è facoltativa;

La tabella della 10 km in 4 settimane:

1. 10 km di corsa lenta: gli ultimi 500 m in maggiore allungo, senza contrarvi, per dare maggiore brillantezza al movimento di gambe.

2. 1 minuto di corsa lenta alternato a 1 minuto di corsa più impegnata, da ripetere per 14 volte (totale: 28’): correte a sensazione, su un percorso senza troppi saliscendi. Questa seduta vi “sveglierà” le gambe e dovrete gestire il “fiatone”.

3. (seduta facoltativa) 10 km di corsa lenta di recupero, senza affanni e senza progressioni

4. 6 volte i 1.000 m al ritmo di gara fissato per la corsa di 10 km, con 2’ di recupero da fermi tra una prova e l’altra.

Note

1. Verifica al termine della prima settimana: tra i lenti e il lavoro di qualità settimanale, raggiungerete una maggiore consapevolezza sulla fattibilità del ritmo di gara che avete scelto. Nel caso in cui risultasse troppo alto, il consiglio è: “non impiccatevi”, cioè abbassate l’andatura e valutate come vi sentite.

2. Nel programma di questa prima settimana di lavoro ricompare una parola antica: “fiatone”, affanno. È uno degli aspetti fondamentali nell’allenamento delle “distanze corte” della corsa su strada (5-15 km): il modello prestativo di una corsa sui 10 km è “misto” e interviene una forte componente anaerobica, che è il fulcro della prestazione stessa: in sostanza, per correre bene le gare corte bisogna abituarsi a correre con il “fiatone” e a soffrire nelle prove di velocità.

La seconda settimana del programma “10 km: al via in quattro settimane” verrà pubblicata su Correre.it martedì 24 agosto.

Articoli correlati

Ripetute, odi et amo

Anche se correte solo per il vostro benessere, senza ambizioni agonistiche, evitate il più possibile di allenarvi sempre allo stesso modo. Indipendentemente dal vostro livello atletico, è utile inserire una parte di sedute settimanali svolte ad alta intensità, le famose ripetute. Alla base di ogni allenamento che si rispetti: ecco cosa sono e a cosa […]

Recupero attivo e corsa rigenerante

La corsa rigenerante è una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento, nonostante gli ottimi riscontri di chi invece l’ha adottata. Scopriamo come. Il rischio di ogni runner è di pensare solo all’allenamento dedicandosi senza tregua alla ricerca di ogni novità e di ogni possibile suggerimento con l’obiettivo di […]

Come suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute di allenamento curate da Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero Affrontare l’instabilità Dopo la sessione specifica: […]

Il fascino di correre sulla neve

In alcune località è già arrivata, in altre il meteo la annuncia come imminente. Stiamo parlando della neve, che con il suo candore affascina grandi e piccini. Ammettetelo: quanto è romantico e suggestivo correre sulla neve, in silenzio, mentre soffici fiocchi imbiancano il paesaggio circostante? Nei paesi nordici correre sulla neve è normale, nel senso […]