fbpx

Recupero attivo e corsa rigenerante

Recupero attivo e corsa rigenerante

La corsa rigenerante è una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento, nonostante gli ottimi riscontri di chi invece l’ha adottata. Scopriamo come.

Il rischio di ogni runner è di pensare solo all’allenamento dedicandosi senza tregua alla ricerca di ogni novità e di ogni possibile suggerimento con l’obiettivo di lavorare sempre più per migliorare. La mia percezione è che si stia sempre più mettendo da parte uno degli aspetti fondamentali che, assieme a un allenamento corretto e ben programmato, concorrono all’ottenimento dei propri obiettivi e al miglioramento della performance: il recupero. Se è vero, infatti, che molta attenzione va posta nella corretta strutturazione di una seduta, è vero anche che la fase di recupero non andrebbe mai ignorata o sottovalutata. È quell’elemento fondamentale che ci permette di raccogliere i frutti dei nostri allenamenti senza stressare il nostro corpo ma, anzi, permettendogli di rigenerarsi e di “crescere” in vista delle sedute successive.

Si fa presto a dire recupero

Il termine recupero è, però, di per sé generico. Tra runner lo usiamo per indicare una varietà di situazioni, dal semplice riposo al sonno, al massaggio o anche al ripristino di liquidi e sali tramite l’assunzione di integratori. Qui voglio focalizzare l’attenzione su una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento. Una volta inclusa nel nostro piano di lavoro, posso però assicurare che cambierà per sempre i nostri risultati: la corsa rigenerante.

Questa metodologia rientra nel metodo “correre naturale” e sono talmente convinto che sia fondamentale da consigliarla a ogni tipo di runner. Dagli amatori ai professionisti, ritenendola addirittura uno dei segreti irrinunciabili per migliorare la propria performance.

Indietro
Pagina 1 di 4
Avanti

Articoli correlati

Allenamento progressivo, istruzioni per l’uso 

L’allenamento progressivo è fonte di miglioramento sotto diversi punti di vista Allenamento progressivo: cos’è e per chi Progressivo: ritmi e distanze L’allenamento progressivo i 4 punti cardine Un lavoro evoluto Per i neo-runner stanchi dei soliti ritmi lenti, l’allenamento progressivo rappresenta uno stimolo fonte di miglioramento sotto diversi punti di vista. Un utile “ripasso”, invece, […]

Ammortizzazione: correre sull’asfalto

La strada asfaltata è la superficie più pericolosa per il piede del runner, ma anche quella dove ci si allena e si gareggia più spesso. Chi vuole correre sull’asfalto deve conoscerne i rischi e dedicare tempo alle esercitazioni per un corretto appoggio del piede. Quello che accade al runner nella fase di appoggio del piede […]

Marcell Jacobs campione del mondo!

19 Marzo, 2022

Marcell Jacobs campione del mondo. Dopo i trionfi olimpici, l’azzurro delle Fiamme Oro conquista anche il titolo mondiale nei 60 metri ai Mondiali indoor di Belgrado con il tempo di 6″41 che è record europeo. Battuto in finale lo statunitense Christian Coleman per soli tre millesimi (6.41 per l’argento), bronzo all’altro americano Marvin Bracy con 6.44. Mai nessun azzurro aveva […]

Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Chi corre piano non sempre va lontano… La corsa lenta non è sempre una buona idea. Il nostro corpo funziona un po’ come le macchine di grossa cilindrata, se le facciamo circolare solo in città a 30 km orari tendono ad ingolfarsi. Lo stesso succede a chi corre: modificare il gesto tecnico rallentandolo eccessivamente può […]

Allenamento Salute News Equipment Correre