fbpx

Piano di allenamento: classico o “modulato”?

Piano di allenamento: classico o “modulato”?

Foto: 123rf

Il programma di lavoro per preparare una corsa può essere organizzato seguendo due metodi, uno più consolidato, per questo definito “classico”, e uno di più recente adozione, il cosiddetto metodo “modulato”. Orlando Pizzolato valuta pregi e difetti di entrambi i sistemi. 

A livello di programmazione dell’allenamento ci sono due scuole di pensiero:

• Il metodo “classico”, che segue le indicazioni dettate dal mitico allenatore neozelandese Lydiard, prevede che la preparazione sia suddivisa in determinate fasi di allenamento; in ogni fase si lavorerà per sviluppare una specifica qualità fisiologica e tecnica;

• il metodo “modulato”, di più recente adozione, prevede che ciclicamente si continuino ad allenare tutte le caratteristiche tecniche e fisiologiche. 

Nel metodo classico (Lydiard) si procede dal lavoro aerobico, nel quale si agisce sulla cosiddetta resistenza di base, e si evolve verso l’apice della condizione di forma attraverso la fase del potenziamento e quella della preparazione specifica (miglioramento del ritmo gara).

Nel metodo modulato, una volta raggiunto un discreto livello di efficienza generale, si procede con moduli regolari di allenamento durante i quali sono presenti tutti i mezzi specifici relativi alla distanza che si sta preparando.

Differenze di tempi e di efficacia

L’allenatore Lydiard prevedeva tempi lunghi di preparazione, tanto che il cosiddetto periodo di costruzione poteva durare due-tre mesi, con la conseguenza di far arrivare l’atleta al picco di forma all’incirca dopo 5-6 mesi dall’inizio della preparazione. Nell’allenamento modulato, invece, si ripete più volte uno schema di lavoro. Di solito, il programma dell’allenamento modulato comprende una seduta di resistenza, una di capacità e una di potenza aerobica, oltre a una sessione di potenza e di capacità anaerobica, che possono essere sostituite da una corsa in salita. Questa serie di 5 sedute è inserita in un modulo di 12-15 giorni.

Partendo dalla considerazione che gli effetti dell’allenamento si deteriorano quando uno stimolo non viene ripetuto con una specifica costanza, il metodo della periodizzazione “alla Lydiard” presenta dei punti di vulnerabilità. Ad esempio, se le sedute di corsa in salita (previste nel periodo di potenziamento), che determinano positivi effetti sulla forza, non vengono mantenute nella pianificazione, questa qualità si deteriora progressivamente, tanto che dopo un mese di mancata sollecitazione i miglioramenti si annullano. Ciò vale anche per altri aspetti tecnici e fisiologici.

Indietro
Pagina 1 di 2
Avanti

Articoli correlati

Come migliorare la tecnica di corsa

Una buona tecnica può giocare un’enorme differenza non solo in questione di performance, ma anche sul vostro personale rapporto con la corsa e soprattutto è un importante strumento di prevenzione degli infortuni. La domanda nasce quindi spontanea: come si può migliorare la tecnica di corsa? Oggi vi presentiamo uno degli esercizi più sottovalutati nell’acquisizione e […]

Come suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute di allenamento curate da Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero Affrontare l’instabilità Dopo la sessione specifica: […]

Mente e corsa: che tipo di cervello serve per allenarsi duramente? 

Pietro Trabucchi, psicologo specialista dell’endurance, analizza su Correre i meccanismi che coinvolgono mente e corsa e cosa interviene durante la preparazione. Si parla molto del ruolo della mente sul rendimento in gara, molto meno di quanto il nostro cervello condizioni pure le sedute di allenamento, dalla cui riuscita dipende l’esito della gara stessa. Pietro Trabucchi, […]

Recupero attivo e corsa rigenerante

La corsa rigenerante è una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento, nonostante gli ottimi riscontri di chi invece l’ha adottata. Scopriamo come. Il rischio di ogni runner è di pensare solo all’allenamento dedicandosi senza tregua alla ricerca di ogni novità e di ogni possibile suggerimento con l’obiettivo di […]

News Allenamento Equipment Salute Correre