fbpx

Vietato andare piano

È un po’ come per le macchine di grossa cilindrata: se vengono fatte circolare solo in città a 30 chilometri all’ora tendono a ingolfarsi e il motore non riesce a esprimere le sue potenzialità, fino a essere utilizzato male. È un po’ così anche per chi corre. Mutare troppo il gesto tecnico, rallentandolo eccessivamente, può avere effetti negativi.

Correre piano è un’idea relativa a quanto è per noi il veloce, ma è certo che più si abbassa la velocità di crociera, tanto più si allunga il tempo di appoggio del piede sul terreno. Il prolungarsi oltremodo di tale tempo comporta un’esaltazione degli eventuali difetti biomeccanici del piede stesso e quindi tutta una serie di stress, talvolta mal sopportati.

L’utilità dell’andare piano è legata alla possibilità di correre più a lungo, e quindi a un dispendio energetico minore, però bisogna sempre chiedersi se tale necessità allenante non è almeno parzialmente sostituibile con andature a velocità variabile, o comunque con un ritmo non eccessivamente lento.

Nei programmi di allenamento il cosiddetto lungo lento può rappresentare un passaggio obbligato in vista di una preparazione per la maratona. Uno dei sistemi migliori per evitare danni è optare per un percorso che invita naturalmente a dei cambi di ritmo, al fine di rompere uno schema motorio spesso foriero di effetti negativi.

Su Correre di maggio il nostro specialista Luca De Ponti elenca e spiega i più comuni effetti negativi e le potenziali patologie causate dall’alterazione biomeccanica del gesto atletico, come ad esempio la sindrome della bendelletta ileo-tibiale, l’infiammazione del tibiale posteriore, la periostite della tibia, le fasciti plantari.

Articoli correlati

Il piede dell’ ultratrailer: tutto quello che c’è da sapere

Parlare di piede e biomeccanica nell’ ultratrailer vuol dire prendere in considerazione molti degli aspetti che caratterizzano la corsa in situazioni estreme. Queste condizioni impegnano oltremodo il piede da un punto di vista articolare e legamentoso e possono creare facilmente traumi distorsivi in relazione ai terreni accidentati o a situazioni di sovraccarico funzionale nella corsa […]

Occhio all’anca: ecco come evitare problemi

L’anca del runner Una delle verifiche inevitabili dopo anni di corsa riguarda la funzionalità e l’efficienza dell’articolazione dell’ anca. Se essa gode di buona salute avremo infatti un lasciapassare per tanti altri anni di attività, se ci sono dei segni evidenti di usura è bene capire come comportarsi. Il ruolo dell’anca L’anca, ovvero l’articolazione coxo-femorale, […]

Se corri piano non sempre vai lontano…

Correre piano non è sempre una buona idea. Il nostro corpo funziona un po’ come le macchine di grossa cilindrata, se le facciamo circolare solo in città a 30 km orari tendono ad ingolfarsi. Lo stesso succede a chi corre: modificare il gesto tecnico rallentandolo eccessivamente può avere effetti negativi. Quando parliamo di ritmi lenti […]

Tendine rotuleo e running: tutto quello che c’è da sapere

Il tendine rotuleo, piuttosto grosso, costituisce anatomicamente la parte terminale del quadricipite e sopporta la forza contrattile espressa da questo muscolo. Nella corsa svolge un’importante azione eccentrica di allungamento, favorendo l’ammortizzazione nell’impatto con il terreno: la plasticità del suo comportamento determina l’armonia del gesto atletico. La forza espressa dal quadricipite e la relativa collaborazione del […]