fbpx

Qual è il momento giusto per correre?

Qual è il momento giusto per correre?

foto: 123rf
  1. Correre al mattino? In pausa pranzo? Alla sera?
  2. Quale tra queste soluzioni è la migliore?
  3. Correre al mattino
  4. Correre nella pausa pranzo
  5. Correre alla fine della giornata

Correre al mattino? In pausa pranzo? Alla sera?

Con l’ora legale poco dopo, la luce comincerà a occupare sempre più ore, dal mattino presto alla sera tardi. Questo causa molti cambiamenti nelle abitudini dei runner, suddivisi nelle tre tribù dei “grilli”, che preferiscono correre al mattino presto, delle “salamandre”, che scelgono (o non possono fare altro che) correre nella pausa pranzo, quindi nel momento più caldo della giornata, e delle “capinere”, che si allenano più volentieri alla fine del pomeriggio o alla sera.

Quale tra queste soluzioni è la migliore?

Una risposta valida per tutti non esiste. Conviene scegliere in base a quando abbiamo tempo e alla nostra natura.
È il nostro “orologio biologico” a decidere se siamo mattinieri o se raggiungiamo il top della condizione psicofisica in un altro momento della giornata. L’orologio biologico, in sintonia con l’alternarsi di giorno e notte, regola la veglia e il sonno, induce la secrezione di alcune sostanze biologiche, controlla la temperatura e influisce su molti dei nostri comportamenti. Si parla, a questo proposito di “ritmi circadiani”.
Una volta deciso quando correre, in base alla scelta bisogna organizzare l’alimentazione di tutta la giornata, non solo il pasto più vicino al momento della corsa.

Correre al mattino

Correre al mattino ha il vantaggio di far affrontare la giornata con le pile molto cariche, perché fin da subito si potrà contare sulla riattivazione neuromuscolare. La corsa al mattino presto induce, inoltre, un più rapido consumo dei grassi.
È la scelta che permette di rispettare l’ideale scansione dei pasti, perché crea nel runner lo stimolo a consumare (dopo la corsa) un’abbondante prima colazione, la base di una corretta piramide alimentare.

Correre nella pausa pranzo

Correre nella pausa pranzo è la scelta di chi fa di necessità virtù. Le ore della pausa di metà giornata diventeranno sempre più calde e si dovrà curare con attenzione l’idratazione prima, durante e dopo la corsa. Il tempo a disposizione è in genere più breve, per cui si scelgono allenamenti più corti che vengono effettuati a velocità più sostenuta, con buoni effetti sull’efficienza del sistema cardiocircolatorio. Chi corre in pausa pranzo di solito corre in compagnia, e questo è un bel valore aggiunto.

Correre alla fine della giornata

Correre alla fine della giornata permette di dilatare il tempo a disposizione dell’allenamento. Bisogna mettere in preventivo che si corre con le pile scariche, ma questo permetterà di allenare il cervello oltre al corpo, irrobustendo la tenuta alla fatica.

Leggi la seconda parte dell’articolo: Correre al mattino presto

Articoli correlati

Come suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute di allenamento curate da Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero Affrontare l’instabilità Dopo la sessione specifica: […]

Correre fa bene: 20 consigli per cominciare

Per un corretto e duraturo approccio al running vi suggeriamo di fare vostri questi 20 consigli e strategie. Perché correre fa bene ed è bello. Correre fa bene, muoversi fa bene. Si può cominciare in tanti modi, in molte occasioni. La primavera inoltrata resta il momento in cui l’ambiente offre le condizioni migliori. Tante ore […]

Mente e corsa: che tipo di cervello serve per allenarsi duramente? 

Pietro Trabucchi, psicologo specialista dell’endurance, analizza su Correre i meccanismi che coinvolgono mente e corsa e cosa interviene durante la preparazione. Si parla molto del ruolo della mente sul rendimento in gara, molto meno di quanto il nostro cervello condizioni pure le sedute di allenamento, dalla cui riuscita dipende l’esito della gara stessa. Pietro Trabucchi, […]

Recupero attivo e corsa rigenerante

La corsa rigenerante è una forma di recupero attivo che raramente viene inserita nei moderni programmi di allenamento, nonostante gli ottimi riscontri di chi invece l’ha adottata. Scopriamo come. Il rischio di ogni runner è di pensare solo all’allenamento dedicandosi senza tregua alla ricerca di ogni novità e di ogni possibile suggerimento con l’obiettivo di […]

News Allenamento Equipment Salute Correre