fbpx

Lezioni di spesa: integrale è più sano

Una sana alimentazione parte da una spesa corretta. Dobbiamo saperci difendere dai prodotti confezionati che presentano diversi “inganni a norma di legge” nelle etichette. Dopo aver affrontato il tema bevande, passiamo ora ad analizzare, insieme a Lyda Bottino il reparto farinacei, particolarmente importante per gli sportivi.

I supermercati ci offrono quasi esclusivamente prodotti raffinati, privi di crusca e germe, cioè privi di vitamine, minerali, omega 6, amminoacidi essenziali, enzimi e fibra. La fibra svolge funzioni importantissime all’interno del nostro organismo, tutte connesse con l’efficienza e la funzionalità del transito intestinale. Per assumere una corretta quantità di fibra è necessario scegliere sempre cibi integrali e cercare di mangiare quanto più possibile bucce, foglie e semi di qualunque frutto o verdura.

Su Correre di maggio la nostra specialista in alimentazione dispensa consigli preziosi da tenere a mente quando stiamo facendo spesa. Eccone alcuni.

Impariamo a scegliere

Pane, pasta, riso, cereali, tutto integrale!
Al bancone del pane spesso cercano di rifilarci dei panini travestiti da integrali, ottenuti da farina bianca con l’aggiunta di un pugno di crusca. Hanno un maggior contenuto in fibra, ma non l’originale completezza della farina, ricca del suo germe.
Il pane ottenuto dalla panificazione di farine integrali complete è omogeneamente scuro al suo interno e a volte in aggiunta si possono trovare altri semi anche frammentati.

Per preparare degli ottimi primi (o insalate miste) è consigliabile scegliere i semi (cereali o legumi) e poi tutti i cereali: avena, farro, orzo, riso selvatico, grano saraceno. Controlliamo però sempre che si tratti di semi interi, evitando quelli “spezzati” (tipo cous-cous), soffiati o perlati, a cui hanno, come sempre, tolto il meglio (il germe). Rappresenteranno la base di carboidrati complessi, arricchendo la nostra dieta di minerali e vitamine indispensabili per la salute.

Per la colazione meglio evitare i cereali soffiati perché questo processo industriale ne aumenta l’impatto glicemico sul sangue. Al loro posto preferite i cereali integrali ridotti in fiocchi: sono crudi e vengono semplicemente schiacciati. L’amido é meno disponibile all’assorbimento e quindi il carico glicemico é più basso. L’ideale é prepararsi il muesli da soli partendo da fiocchi integrali di diversi cereali a vostra scelta, aggiungendo frutta disidratata e semi oleosi. Così facendo si eviterà di assumere solfiti, comunemente utilizzati come conservanti nel muesli industriali.

Articoli correlati

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Rivoluzione integrale

27 Febbraio, 2021

“Ogni organismo sano è portatore naturale di gioia e felicità”. Nel libro Rivoluzione integrale, in uscita il 16 marzo per Mondadori, il biologo nutrizionista Michele Riefoli parte da questo assunto e propone la sua ricetta per una vita più sana e più lunga. Che promuova il benessere non solo dell’uomo, ma anche del pianeta. Si […]

Rinforzare le difese immunitarie

I consigli della nutrizionista Lyda Bottino per rinforzare le difese immunitarie attraverso una sana alimentazione. E provare a proteggerci da batteri, virus e altri agenti patogeni perseguendo, allo stesso tempo, uno stile di vita sano. Regole base Vediamo dunque alcune linee guida sia alimentari sia comportamentali per superare al meglio eventuali infezioni e rinforzare le […]

Dita a martello

Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala in flessione. Una situazione che all’inizio può essere solo un atteggiamento, ma che rischia di trasformarsi in una postura cronica e dolorosa. Questo anche perché l’articolazione deformata sfrega […]