fbpx

Da Marte alla Terra: la risonanza quantica molecolare

Da Marte alla Terra: la risonanza quantica molecolare

Si chiama risonanza quantica molecolare ed è l’ultima frontiera in campo riabilitativo con un’interessante applicazione nell’ambito dello sport dove lesioni e traumi sono frequenti.
Per risonanza quantica molecolare si intende un innovativo metodo di trattamento delle patologie muscolo scheletriche che utilizza correnti con frequenze alte ma potenze basse allo scopo di indurre una stimolazione del metabolismo cellulare e rigenerazione dei tessuti, in particolare quelli ricchi di collagene come i tendini.

E’ una potentissima radiofrequenza che rigenera i tessuti a livello cutaneo e muscolo-tendineo. L’idea nasce da un genio tutto italiano, ovvero dall’intuizione dell’ingegnere Gianantonio Pozzato.

Su Correre di aprile è il dottor Maurizio Lopresti dirigente medico fisiatra del Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano a spiegarci quali sono i principali aspetti pratici e per quali patologie è indicata questa terapia.

“Si tratta di una terapia di rigenerazione, in particolare dei tendini, in quanto stimola la produzione di collagene ed elastina, componenti principali di questo tipo di tessuto. Per questo, oltre che in via terapeutica, viene usata anche in via preventiva per tessuti che possono essere usurati dopo molti anni di corsa. Altra innovazione è che, non producendo calore, si può applicare subito dopo il trauma. Ad esempio nel caso di un strappo muscolare con stravaso ematico”.

“È particolarmente indicata in caso di lesioni muscolari, lesioni dei tendini, edemi (gonfiori) post- traumatici o ematomi grazie al potente effetto di linfodrenaggio che si ottiene”.

Maggiori dettagli sul numero di Correre in edicola.

Articoli correlati

Tendine rotuleo e corsa: tutto quello che c’è da sapere

Il tendine rotuleo, piuttosto grosso, costituisce anatomicamente la parte terminale del quadricipite e sopporta la forza contrattile espressa da questo muscolo.Nella corsa svolge un’importante azione eccentrica di allungamento, favorendo l’ammortizzazione nell’impatto con il terreno: la plasticità del suo comportamento determina l’armonia del gesto atletico.La forza espressa dal quadricipite e la relativa collaborazione del tendine rotuleo […]

Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Chi corre piano non sempre va lontano… La corsa lenta non è sempre una buona idea. Il nostro corpo funziona un po’ come le macchine di grossa cilindrata, se le facciamo circolare solo in città a 30 km orari tendono ad ingolfarsi. Lo stesso succede a chi corre: modificare il gesto tecnico rallentandolo eccessivamente può […]

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Cefalea del runner: le cause del mal di testa

Una delle patologie più diffuse tra gli sportivi è la cefalea. Si può presentare in diverse forme e con diverse cause che spaziano dall’alimentazione scorretta (carenze, sovraccarichi, sensitivity, digiuni) fino all’emicrania da sforzo. Il problema è comunque diffuso e complesso e non può essere affrontato attraverso l’uso di farmaci. Cerchiamo di capirne di più con […]

Allenamento News Equipment Salute Correre