fbpx

Tornare a correre dopo la gravidanza: ecco come si fa

01 Aprile, 2016

Il suo bimbo più grande, Gregorio, di tre anni, ha già corso la sua prima maratona e pure a New York. «Ho scoperto di essere incinta al mio ritorno in Italia», ricorda divertita Rosita Tramonte, che in quell’occasione, parliamo del 2011, si era cimentata per la prima volta sulla distanza dei 42,195 km insieme al marito Ruggero. Poi la gravidanza, il parto e una nuova gravidanza che le ha portato Olivia, poco più di un anno fa. «Adesso sono a casa – spiega la runner trentacinquenne di Cavaion Veronese (VR) – e mi dedico ai miei figli. Ero impiegata in un ufficio commerciale, ma ho fatto questa scelta con convinzione

Un po’ di tempo per sé

È arrivato però il momento giusto per tornare a coltivare una sua passione, quella per la corsa. Rosita si sente pronta a rimettersi in gioco. «Tra le gravidanze e tutto il resto non avevo più messo le scarpe da corsa, ma adesso ho proprio voglia di prendere un po’ di tempo tutto per me – racconta –. La piccola ha cominciato ad andare all’asilo nido e le mie mattinate sono abbastanza libere, tanto da farmi pensare di accettare questa sfida.» L’obiettivo al momento è quello di tornare a correre una 10 km, lavorando magari sulla qualità della corsa. E lo farà insieme a Julia Jones che la seguirà in un percorso sepcifico di allenamento così strutturato:

– Rosita inizierà il primo mese con tre allenamenti settimanali di corsa. Le ho consigliato di mantenere negli altri giorni le sue camminate mattutine, che aiuteranno fisico, metabolismo e testa.

– Sono stati inseriti esercizi per la tecnica di corsa e la forza muscolare. Fuori dalla seduta di running, dovrà lavorare per tonificare addominali e dorsali: dopo due gravidanze ravvicinate, queste esercitazioni sono essenziali per riprendere una postura corretta. Nei prossimi mesi faremo particolare attenzione ai livelli di energia di Rosita. Può continuare ad allattare tranquillamente, ma non deve stressare troppo il suo fisico. Altrimenti il flusso ottimale di latte materno potrebbe diminuire e sono sicura che lei vorrà allattare la sua bimba ancora a lungo.

Segui anche tu Rosita nel suo percorso di preparazione: su Correre di aprile troverai le tabelle elaborate per lei da Julia Jones.

Articoli correlati

Preparare una gara di 10 km in 4 settimane

Un periodo decisamente corto per effettuare un pieno ciclo di preparazione (costruzione, potenziamento, finalizzazione), ma utile, appunto, a chi ha la necessità di non disperdere quanto fatto fino a ora. Si tratta di sfruttare, richiamandolo, il lavoro svolto in precedenza e utilizzarlo per preparare una gara di 10 km in quattro settimane. Qui proponiamo la […]

Nike(M), la prima collezione dedicata alla maternità

04 Settembre, 2020

Si chiama Nike (M) la prima capsule dedicata alla donne in dolce attesa. Una collezione essenziale di quattro capi: pullover, canotta, reggiseno e leggings, nata per supportare le donne in ogni fase della gravidanza  e oltre.  Nike lancia la prima collezione dedicata alla maternità, una capsule che sostiene le donne in tutte le fasi della […]

5 consigli per correre in estate

Correre in estate: cosa portare con sé e cosa lasciare a casa perché il periodo e il luogo della vacanza diventino “mezzi” per scoprire e apprezzare un nuovo modo di correre, uscendo dalla routine e dando ascolto soltanto alle nostre sensazioni Finalmente sono arrivate le meritate vacanze, quel tanto atteso momento in cui possiamo staccare […]

Eppure a volte basta un sorriso

31 Gennaio, 2019

«Devo travasare tutte le mie piante e pure quelle del vicino, non faccio a tempo a uscire oggi.» «Vedi che nuvole? Finisce che mi becco un acquazzone, meglio rimandare.» Oppure: «Troppa afa adesso, non è certo il momento giusto per ripetute e allunghi». «Questo dolorino al ginocchio? E la schiena che fa cilecca? No no, […]