fbpx

Il miele, alimento dalle straordinarie proprietà

Foto 123rf
Di: La redazione

Il miele è un cibo vero e proprio, dalle straordinarie proprietà benefiche. Insieme agli esperti di nutrizione di Correre scopriamo le caratteristiche e otteniamo alcuni suggerimenti per fare acquisti corretti.

“Il miele, a differenza dello zucchero che contiene solo calorie vuote, è un alimento vero”. Così Lyda Bottino, componente dello staff di Dieta Gift coordinato da Luca Speciani, definisce il prodotto delle api per eccellenza.

A partire da sostanze raccolte da diverse piante, il miele contiene vitamine (A, E, K, C, B), enzimi, acido formico (dall’azione batteriostatica), germicidina (che svolge un’azione antibiotica) e zuccheri semplici, soprattutto fruttosio e glucosio. Numerosi studi ne hanno dimostrato le straordinarie proprietà benefiche. Per la presenza di zuccheri semplici il miele ha proprietà energizzanti che lo rendono ideale per atleti, bambini e convalescenti. Usato da millenni come rimedio naturale contro le affezioni delle vie respiratorie, quali raffreddore e tosse, ha proprietà antibatteriche, emollienti e cicatrizzanti.

Consigliamo il consumo di miele biologico grezzo italiano, perché non subisce lavorazione e trattamenti termici e, grazie alle nostre leggi, non contiene antibiotici e pesticidi.

Miele: come leggere l’etichetta

Ecco le nostre indicazioni di massima:

1 – scelta del tipo di miele (acacia, millefiori, tiglio, eucalipto, corbezzolo, eccetera). Le peculiarità di questo alimento dipendono dalle piante di partenza. Il miele di eucalipto ha proprietà balsamiche ed espettoranti utili per raffreddore, tosse grassa e in generali per i malanni di stagione. Quello di tiglio è un sedativo più indicato contro la tosse secca, mentre il miele di acacia è più liquido e non altera il gusto ed è quindi più indicato per dolcificare bevande come caffè, tè, tisane. Il millefiori, infine, è indicato nei dolci al posto dello zucchero.

2 – provenienza. Sulla confezione deve essere esplicitato che si tratta di miele italiano o di provenienza europea (UE). Se si indica una miscela di mieli originari e non dell’UE (o mieli extra UE), lasciate il prodotto sullo scaffale. Al di fuori dell’Europa c’è meno vigilanza sull’uso di antibiotici e pesticidi ed è talvolta consentito chiamare miele una semplice miscela industriale di glucosio e fruttosio che non ha mai visto le api e non ha sicuramente le proprietà benefiche del miele vero.

Miele: come usarlo

Una semplice ricetta contro tosse e raffreddore prevede un’emulsione preparata con un cucchiaio di miele di eucalipto e qualche goccia di limone (vitamina C naturale). Un ultimo consiglio: se avete l’abitudine di aggiungerlo a bevande calde è bene farlo quando essa risulta bevibile. L’alta temperatura uccide infatti, in parte, le preziose proprietà benefiche del miele.

NotaQuesto testo fa riferimento alla serie di articoli “Lezioni di spesa”, curati da Lyda Bottino e Luca Speciani e pubblicati sui numeri di Correre del 2019.

Articoli Correlati

La dispensa dello sportivo: tutto ciò che non deve mancare
A lezione di spesa: impariamo a scegliere le proteine
A lezione di spesa: cibi a basso contenuto di sale
Lezioni di spesa: il reparto bevande
Latte e derivati, la lezione di spesa
A lezione di spesa: i prodotti “senza” o “free”