Correre in inverno: attenzione alla respirazione

Correre in inverno: attenzione alla respirazione

Foto Deposit Photos

La stagione più rigida avanza a colpi di freddo, ma noi runner non abbiamo problemi ad uscire: con il corretto abbigliamento e le dovute precauzioni (una prolungata fase di riscaldamento e un’accurata sessione di stretching prima e dopo) correre in inverno non presenza controindicazioni.

Attenzione però ad un elemento: a temperature basse, la respirazione presenta alcune difficoltà.

Sappiamo tutti che la respirazione, nella sua essenza, consiste nel permettere l’assunzione dell’ossigeno dall’ambiente esterno e nell’eliminazione dell’anidride carbonica prodotta dal nostro organismo.

Possiamo abbandonare la preoccupazione di introdurre aria troppo fredda mentre, di corsa, finiamo inevitabilmente per respirare con la bocca aperta: durante un allenamento di media-alta intensità, ad esempio, la produzione di calore endogeno è piuttosto elevata, fino al 75% dell’energia consumata, una sorgente di calore sufficiente a riscaldare il corpo come se la temperatura esterna fosse di 20-25 gradi superiore; in pratica: correre a una velocità uguale o superiore a 12 km/h mette il corpo nelle stesse condizioni di quando la temperatura esterna è di 20-25° e il corpo riposa.

Per quanto riguarda l’apparato respiratorio, l’aria, quando raggiunge i polmoni, è sempre sufficientemente riscaldata e umidificata per consentire gli scambi gassosi (ossigeno/anidride carbonica). Al contrario, nella fase di espirazione si perde sia acqua (sotto forma di vapore acqueo) sia calore, una dispersione che si fa più importante del normale quando l’aria esterna è più fredda e secca e anche quando la ventilazione, causa affanno, diventa più veloce.

È in queste condizioni che anche nell’allenamento al freddo si rischia la disidratazione e si avverte un senso di secchezza alla gola e alle prime vie aeree, come se fossimo nella più torrida delle sedute estive.

Per questo per correre in inverno è sempre consigliabile una buona reidratazione nonché l’uso di una sciarpa leggera o buff tirato fin sopra le labbra, o addirittura di una mascherina, versione soft dei modelli che vediamo utilizzare agli alpinisti o anche a quei nostri colleghi ultrarunner che si dedicano alle gare lunghissime a temperature abbondantemente sotto lo zero.

Articoli correlati

Super Tecuceanu avvicina Fiasconaro

24 Maggio, 2024

Al Grifone meeting di Asti Catalin Tecuceanu porta il primato personale a tre decimi dal record italiano di Marcello Fiasconaro (1’43”7). Con 15’00”90 Federica Del Buono diventa la quarta italiana di sempre. 22,91 m di Leo Fabbri nel peso. Prosegue il magico momento di Catalin Tecuceanu che nel corso del Grifone meeting di Asti ha […]

In crescita il circuito JoyRun

23 Maggio, 2024

Quattro tappe con percorsi sulla distanza di 10km in cui gli appassionati hanno potuto sfidarsi nei pressi degli outlet del Gruppo McarthurGlen. Cresce di anno in anno il circuito di appuntamenti JoyRun organizzato dai Designer Outlet del Gruppo McarthurGlen sulla distanza competitiva e non competitiva di 10km. La quarta edizione ha coinvolto La Reggia Designer […]

Il ritorno del Passatore: 3.300 al via

22 Maggio, 2024

Dopo lo mancato svolgimento 2023 per alluvione, parte sabato 25 maggio la 100 km del Passatore da Firenze a Faenza, con oltre 3.300 iscritti compresi 120 stranieri di 32 nazioni. Giorgio Calcaterra direttore di corsa. Federica Moroni e Massimo Giacopuzzi i favoriti. Diretta Web TV. Sono attesi più di 3.300 concorrenti, di cui 120 stranieri […]

ESET 5K Run: si corre il 31 maggio a Melegnano

21 Maggio, 2024

inserita nel Global Calendar della World Athletic, la prima edizione della ESET 5k Run sarà un evento suddiviso in tre gare: non competitiva, competitiva e gara elite ESET Italia, azienda leader nel settore della sicurezza informatica, organizza e promuove la 1a edizione della ESET 5K Run, l’evento che unisce sport e divertimento e si propone di dare […]