fbpx

Vuoi guadagnare ore di vita? Muoviti!

09 Marzo, 2016

Ciò che si può ottenere dal movimento è incredibilmente ancora troppo poco noto e troppo poco valorizzato. Storia di un’idea che mette insieme la promozione dell’attività fisica a quella dell’educazione alimentare di base. Per sentirsi davvero meglio. Ce ne parla su Correre di marzo Antonio Francescutto medico dello sport appassionato di corsa in montagna, dal 2008 si occupa di diabete e patologie metaboliche presso l’ospedale di Maniago.

«Il difficile non è andare, ma partire: una volta fatto il primo passo, i successivi milioni di passi vengono tutti naturali. Ciò che si può ottenere dal movimento è incredibilmente ancora troppo poco noto e troppo poco valorizzato: hai in casa un farmaco miracoloso, utilizzabile sia per prevenire sia per curare numerose malattie e ti perdi su strade lontane alla ricerca della pillola miracolosa in grado di aggiustare i tuoi guai? Lavorando quotidianamente con persone diabetiche e con problemi di sindrome metabolica, tipicamente poco inclini a cambiare il proprio stile di vita, sconfortato dagli alibi delle persone che invano cercavo di convincere (è estate e fa caldo, è autunno e piove, è inverno e fa freddo, è primavera e mi sento stanco le scuse più frequenti) ho provato a cambiare strategia.

Mi sono messo al di là della scrivania e mi sono chiesto: ma le cose che pretendo dagli altri, le chiedo anche a me stesso? Ho rivalutato le mie abitudini alimentari e da sedentario ho vestito i panni dello sportivo, con la scusa di tracciare, percorrere, provare e proporre dei percorsi utili ai cittadini del territorio in cui lavoro e di proporglieli come farmaci: li ho chiamati percorsi metabolici e li ho messi online, scaricabili gratuitamente da chiunque volesse trovare una strada su cui muoversi sotto casa.

Dal primo passo sono giunto a oltre 400 percorsi e circa 4.000 km mappati. Una bella palestra: economica, ecologica, sempre aperta e alla portata di tutti. E in effetti anch’io sono calato di peso, mi sono trasformato in uno sportivo e mi sento molto meglio. Visto che motivare con le calorie può essere utile ma può non bastare, ho aggiunto due aspetti invoglianti: per ciascun percorso sono indicate quante ore di vita la persona guadagna e quanti euro fa risparmiare al Sistema Sanitario».

I numeri sono impressionanti. Vuoi provare a inserire i tuoi dati sui calcolatori? Basta collegarsi al sitowww.curaticonstile.it (sezione “anelli”) e puoi anche fare la tua parte descrivendo e tracciando nuovi percorsi. 
E allora che aspetti? Andiamo ad allenarci!

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Allenare corpo e mente

13 Febbraio, 2021

Allenare il corpo, allenare la mente, volume dell’insegnante, scrittore e sportivo svizzero Nicola Pfund uscito nel 2020 ed edito da Demetra, racconta di come gli sport di resistenza possono, nel concreto, migliorare la vita nel suo insieme. Perché agiscono positivamente non solo sul fisico, ma anche sul benessere psicologico. Il libro Nelle pagine di questo […]

Lo sport di domani

16 Gennaio, 2021

A che cosa ci riferiamo quando parliamo di sport? E come ne parliamo? Quando diciamo “educazione fisica”, per esempio, intendiamo le due ore settimanali di scuola oppure la formazione di un cittadino che impara il rispetto dell’avversario e altri valori importanti? Lo sport, infatti, è cultura. Per affermare questo principio nella realtà però servono un patto morale collettivo e […]