fbpx

Fine della corsa, l’ultimo libro di Claudio Paglieri

03 Luglio, 2021
Elaborazione grafica: Gianmarco Curti (immagine: 123rf)

S’intitola “Fine della corsa” ed è l’ultima inchiesta dell’ispettore Luciani ideata dallo scrittore genovese Claudio Paglieri. Caccia a un podista assassino, uniche tracce i tic e le manie tipiche dei podisti.

L’ultima fatica del prolifico scrittore e giornalista genovese Claudio Paglieri è “Fine della corsa” (Piemme, 2021). Scherzando si può dire che qualche anno fa Paglieri ha contratto il virus della corsa e, da quel momento, nulla è come prima…

Caccia a un runner “Mr Hyde”

Sullo sfondo della Genova city marathon si innesta un giallo, dove l’ispettore Marco Luciani arriva a smascherare un assassino, una sorta di Mr Hyde che uccide la sorella. Gelosia? Malessere esistenziale? Di tutto, di più. Il giallo è ricco di colpi di scena e anche di considerazioni ironiche su manie e piccole paranoie di runner, per i quali la corsa è una religione laica, un modo di osservare il mondo. Ironia della sorte, la passione di Luciani è proprio la corsa. Gli servirà a smascherare il truce killer. Il racconto è giocato su più piani, una sorta di vite parallele alla Plutarco dove si innesta un thrilling a volte anche “noir”. È servita probabilmente all’autore l’esperienza di cronaca nera con particolari da Polizia scientifica. Ma non solo: lo sfondo dei vicoli e delle colline genovesi è indagato in maniera efficace. I protagonisti hanno accumulato una sorta di mal di vivere dal quale ci si sforza di uscire con la panacea della corsa su strada.

Il ponte Morandi, “femore spezzato”

La tragedia collettiva del crollo di Ponte Morandi è sullo sfondo. La Genova City Marathon transita nei pressi dei monconi stradali devastati il maledetto 14 agosto 2018. “Femore spezzato” è l’immagine riuscita di Paglieri rispetto a quello che fu ritenuto un capolavoro di ingegneria. La ferita non è solo nella struttura in cemento armato, ma anche nel corpo sociale di una città. “Fine della corsa” è la fine del tempo sospeso, agognato, della dimensione ludica dello sport, come scriveva in “Homo Ludens” Johan Huizinga. Inizia il tempo incalzante, serrato, dell’indagine di Marco Luciani, che cancella implacabilmente le piccole manie del podista medio, inchioda implacabilmente l’assassino alle sue responsabilità. Un racconto che potrebbe essere tradotto bene in immagini cinematografiche. Al vostro redattore ha ricordato “L’amico americano” di Wim Wenders. Un libro che si legge tutto d’un fiato.  

Claudio Paglieri, “Fine della corsa”, Piemme, 341 pagine, 18,50 euro (disponibile anche in ebook)

Articoli correlati

“Il cercatore”, la vita che riparte attraverso la corsa, nel libro di Beppe Scotti

24 Luglio, 2021

Dai primi allenamenti da autodidatta alle ultra trail, dalla frustrazione per la carriera rugbistica finita alle scalate himalayane e alle adventure race. Un percorso introspettivo di crescita attraverso il running. A quarant’anni, Beppe Scotti, brillante imprenditore del mondo “food”, si ritrova alla fine della sua carriera di rugbista. Un vuoto enorme che genera frustrazione. È […]

Benessere e performance

09 Giugno, 2021

“Il Manuale del running”, il libro scritto da Huber Rossi per la nostra casa editrice è dedicato a un nuovo approccio all’allenamento sia per cominciare sia per migliorare. Se davvero sapessimo quali e quanti meccanismi mette in moto la corsa nel nostro corpo, e quanti benefici questa “messa in moto” procura, forse saremmo ancora più […]

Il Manuale del running di Huber Rossi

02 Giugno, 2021

Il Manuale del running – Dal benessere alla performance è il libro in 224 pagine di Huber Rossi per Editoriale Sport Italia Quanto bisogna allenarsi per migliorare la salute e la performance? Quali sono le regole fondamentali per allenarsi in modo corretto? Quali sono gli strumenti di allenamento per il running? Cos’è e come si […]

L’arte di allenare

23 Aprile, 2021

Un volume nel quale Massimiliano Monteforte, tecnico nazionale ed ex azzurro di ultramaratona, offre al lettore tutto il suo bagaglio di conoscenze tecniche e scientifiche sul running  L’arte di allenare è complessa ed essere un coach vuol dire assumersi la responsabilità di stimolare la crescita di un atleta. Si tratta di una sfida enorme, simile […]