fbpx

Tendinite da sovraccarico. Occhio alle articolazioni

24 Maggio, 2015

Vi è mai capitato di avere un dolore su uno o più tendini e di sentirvi dire che è un’infiammazione da sovraccarico? Vi sarete chiesti: «Perché? In questo periodo sentivo il ginocchio un po’ gonfio e legato dopo l’attività e quindi ho addirittura corso per molti meno chilometri del solito».

La risposta, su Correre di maggio, arriva dal dott. Daniele Comba, specialista in ortopedia e traumatologia alla clinica Fornaca di Sessant e all’ospedale Koelliker di Torino, che ci suggerisce la prima di una serie di riflessioni: «Provate a pensare al modo in cui avete usato il vostro ginocchio negli ultimi tempi: ruotare il piede verso l’esterno aveva iniziato a darvi un sottile fastidio nella parte interna dell’articolazione. Null’altro che un leggero fastidio. E allora, in automatismo, avete iniziato a limitare tali rotazioni, causando però un involontario stato di “superlavoro” dei tendini flessori e rotatori, che alla fine si sono infiammati davvero e hanno iniziato a diventare gonfi e dolenti».

Cosa causa i sintomi articolari?
«Un dolore articolare al ginocchio, comparso dopo sforzo o attività sportiva, potrebbe essere provocato da alterazioni della cartilagine di rivestimento o da una lesione delle fibrocartilagini meniscali oppure da una instabilità rotulea. Una cartilagine articolare può alterarsi nella sua struttura e, di conseguenza, nella sua capacità di resistenza ai carichi e alle sollecitazioni tangenziali. Così come un menisco, ammortizzatore naturale fibro-elastico, può deformarsi a seguito della riduzione delle sue capacità di shock-absorber fino a determinare lesioni intrinseche, in grado di causare una sintomatologia articolare. Qualunque sia la causa articolare di alterazione del movimento del ginocchio, ecco arrivare, di conseguenza, un alterato utilizzo della muscolatura e dei relativi tendini.»

Come agisce l’acido ialuronico in queste patologie?
«L’acido ialuronico è il principale componente naturale del liquido sinoviale ed è responsabile delle sue proprietà visco-elastiche. L’acido ialuronico inoltre contribuisce ai meccanismi di lubrificazione della cartilagine e dei menischi durante le sollecitazioni meccaniche e protegge parzialmente i tessuti dalla penetrazione di cellule infiammatorie e degli enzimi litici».

Articoli correlati

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Dita a martello

Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala in flessione. Una situazione che all’inizio può essere solo un atteggiamento, ma che rischia di trasformarsi in una postura cronica e dolorosa. Questo anche perché l’articolazione deformata sfrega […]

Salute nella corsa

13 Novembre, 2020

Uno dei più attuali, completi e innovativi manuali dedicati alla nostra disciplina, La salute nella corsa è un’opera ricchissima, scritta da Blaise Dubois in collaborazione con altri 50 specialisti del settore. Dall’allenamento, alla prevenzione, fino al recupero degli infortuni, in queste quasi 500 pagine si trova tutto quello che bisogna sapere per diventare runner migliori […]

Salute del runner: gli infortuni più frequenti. Terzo (e ultimo): fratture da fatica

I segni di una frattura da fatica cominciano a intravedersi almeno quindici giorni dopo i primi segnali di dolore. Il riscontro diagnostico più immediato è quello fornito dalla risonanza magnetica, che può indicare con precisione la sede e l’entità della lesione.  Nella vita del runner possono intervenire patologie particolarmente insidiose, perché spesso non vengono riconosciute […]