Quanto forte vai in salita?

Tra i termini più utilizzati da chi corre ci sono: media, ritmo e andatura, che indicano valori che sono espressione del rapporto tra tempo e velocità.
Per questo vengono usati per dare l’idea del livello della prestazione nella corsa su strada. C’è da chiedersi se lo stesso ragionamento possa avere un senso applicato a una gara eterogenea come un trail.
Immaginiamo, per semplificazione, un trail costituito solo da salita e discesa, dove si passa, nella stessa gara, da tratti percorsi alla velocità media di 4 km/h ad altri percorsi a 18 km/h; se dovessi basarmi su questi due valori, potrei dire che un atleta ha corso alla media degli 11km/h, ma credo che non sia un ragionamento sensato, in quanto non potrò mai dire a un atleta di correre un trail del genere tenendo come riferimento gli 11 km/h.

E’ molto importante che un runner possa farsi un’idea della propria capacità di tenuta su una pendenza, perché così può calcolare quanto tempo impiegherà a concludere la gara. Dopo la formula per calcolare la potenza (Correre di Ottobre), su Correre di Novembre quella per la velocità ascensionale media.

L’articolo completo, la formula e tutti gli approfondimenti su Correre di Novembre a pagina 39.

Articoli Correlati

Il ritorno della Nike Air Zoom Pegasus Trail
pendenza
Prudenza in pendenza
L’Ecomaratona del Chianti
L’Ecomaratona del Chianti Classico festeggia un successo annunciato
Salomon Running Milano: Emma Quaglia e Riccardo Borgialli tricolori di Trail Corto
Passerella di Thévenard, terzo sigillo all’UTMB
UTMB, l’ultra trail al cospetto di sua maestà il monte Bianco