fbpx

L’ultramaratoneta Simone Leo pronto a sfidare il clima polare

24 Gennaio, 2020
Nella foto fatta alla Badwater, la più dura di tutte, è con Giovanni Storti, che faceva parte dello staff personale di assistenza

Simone Leo, ultramaratoneta conosciuto ai lettori di Correre perché gli venne dedicata un’ampia intervista su Correre gennaio 2019 in cui raccontava la sua esperienza di primo italiano ad aver concluso tutte le “seven sisters”, cioè le sette ultramaratone ritenute le più dure, è pronto a sfidare il clima polare per portare negli Usa il suo messaggio: “viviamo per spostare i nostri limiti”.

Lo start è programmato all’alba del 27 gennaio tra i boschi di International Falls, a Nord dello stato americano del Minnesota, alla frontiera con il Canada. Simone Leo, 41 anni, atleta di Cinisello Balsamo (Milano) è pronto a correre la Arrowhead135, tra le competizioni di ultramaratona più dure al mondo.

Nell’inverno americano, Simone disputerà una gara di 135 miglia (217 chilometri), lungo un percorso in natura completamente innevato. Sarà accompagnato solamente dalla sua slitta, sulla quale dovrà trasportare tutto il materiale e le attrezzature (cibo, abbigliamento, tenda un fornelletto per sciogliere la neve e integrarsi, oltre che gli attrezzi di emergenza) per vivere e correre a temperature che potranno arrivare a -30 gradi durante tutto il periodo di gara, stimato tra le 45 e le 60 ore, a seconda delle condizioni meteorologiche. Sarà una gara in completa autonomia la sua, perché non potrà avere alcuna assistenza esterna e potrà contare solamente sull’assistenza di base offerta in tre check point lungo il percorso, nei quali potrà cambiarsi e rifocillarsi. Con lui al via ci sarà anche l’italiano, Filippo Poponesi, ultramaratoneta di Perugia.

Il percorso di gara si snoda lungo un trail selvaggio che attraversa il Minnesota da Nord a Sud.

Gli atleti non potranno far altro che cercare di adeguarsi alle condizioni meteo che in questa stagione possono prevedere abbondanti nevicate, un vento gelido da Nord e improvvisi e micidiali cali di temperatura.
“Dopo aver corso in uno dei deserti più caldi al mondo, la Death Valley in California – racconta Simone – questa volta ho scelto il clima freddo e una condizione di gara assolutamente unica, per un ultramaratoneta, la completa autonomia. Uno degli elementi chiave per un buon ultramaratoneta è la capacità di resistere alla fatica, di usare la testa anche quando il cervello è offuscato dalla fatica e dalla mancanza di sonno. Questa volta voglio mettere alla prova le mie capacità in un ambiente nuovo e ostile, per provare ancora una volta a superare il limite – sottolinea – Per me sarà inoltre la prova mancante per completare il circuito americano delle 135 miglia”.

Curiosità su Simone Leo

Simone nella vita di tutti i giorni è marito e padre di Alex, un bimbo di 4 anni, ma è anche un dipendente di Trenitalia, macchinista che quotidianamente guida i treni lungo le vie ferrate italiane. Ciò non gli ha impedito di essere un atleta internazionale. Si allena nel tempo libero, correndo per decine di chilometri nel Parco Nord, a Nord di Milano, e spesso nelle vie di Milano. Per lui ogni angolo della città è a portata di gambe!

Simone ha cominciato a correre poco più di 10 anni fa con l’obiettivo di perdere peso e vincere la sedentarietà. Pesava 105 chili ed era un antisportivo. Dalle gare di paese è in breve passato a quelle internazionali. La sua esperienza sportiva, e prima ancora di vita, lo ha portato a coniare un motto: “Spostando il limite”. Nel quale ha espresso la sua capacità di passare dal divano a una vita sportiva piena e ricca di soddisfazioni. Un motto che è diventato un elemento motivazionale per tante persone, sia nello sport che nella vita. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Spostando il limite” (edito da Excogita) che parte da questa domanda: “Quanta distanza deve percorrere un uomo prima di poter affermare di conoscere veramente se stesso?”. Attualmente, sta portando nelle scuole di mezza Italia il racconto della sua incredibile esperienza di vita.

>> Leggi anche: Le sette meraviglie di Simone Leo

Articoli correlati

L’ultramaratona definitiva di Scott Jurek

06 Febbraio, 2021

In Nord Scott Jurek, uno dei più grandi e amati ultramaratoneti di tutti i tempi, racconta della sua ultramaratona definitiva e più che mai selvaggia dopo un periodo di crisi: quella di stabilire il record di velocità sul sentiero degli Appalachi marciando nella direzione più ardua, ovvero verso nord. Il libro, edito da Sperling Kupfer, […]

Storia dell’ultramaratona italiana

25 Luglio, 2020

L’ultrarunner Enrico Vedilei ha dato alle stampe la sua prima fatica letteraria, Oltre l’arrivo. Una vera e propria storia dell’ultramaratona italiana e uno strumento di consultazione e di analisi di quello che, da più di 20 anni, è il mondo dell’autore. Praticante prima, organizzatore poi, quest’ultimo è infatti anche e soprattutto un esperto di primo […]

Dove trovare il carburante?

Sappiamo che il consumo energetico della corsa su lunghe o lunghissime distanze sia dato (approssimativamente) dal peso dell’atleta (e di ciò che si porta addosso), moltiplicato per il numero di km percorsi, indipendentemente o quasi dalla velocità tenuta. Ma dove trovare le calorie necessarie? Un atleta di 70 kg dunque consumerà circa 7.000 kcal per […]

100 miglia di Berlino: vittoria e record di Eleonora Corradini

21 Agosto, 2019

Impresa dell’ultrarunner italiana Eleonora Corradini del team UYN, che chiude i 161 km lungo il tracciato del Muro a 30 anni dalla caduta al primo posto tra le donne e terza assoluta. Col crono di 15 ore 22’49’’ l’azzurra fa inoltre segnare il primato femminile della manifestazione La gara perfetta Eleonora, classe 1991, originaria di […]