fbpx

L’ultramaratona definitiva di Scott Jurek

06 Febbraio, 2021

In Nord Scott Jurek, uno dei più grandi e amati ultramaratoneti di tutti i tempi, racconta della sua ultramaratona definitiva e più che mai selvaggia dopo un periodo di crisi: quella di stabilire il record di velocità sul sentiero degli Appalachi marciando nella direzione più ardua, ovvero verso nord. Il libro, edito da Sperling Kupfer, è stato scritto dall’atleta a quattro mani con la moglie Jenny. In quanto autore, Jurek era già stato inserito nella lista dei best seller del New York Times grazie alla sua biografia Eat & Run del 2012.

Di fronte a un bivio

Scott Jurek nella sua carriera ha percorso gare al limite del possibile e ha vinto tutti gli eventi più importanti. Una volta compiuti quarant’anni, ha affrontato però un periodo molto buio, funestato dalla tentazione di abbandonare la corsa. Si è trovato quindi di fronte a un bivio: smettere definitivamente oppure uscire da quel tunnel ritrovando la voglia di competizione, il propellente che fino ad allora lo aveva spinto oltre ogni traguardo. Motivato da un forte bisogno interiore, Scott sceglie dunque di intraprendere dunque l’ultramaratona definitiva. E decide di stabilire il record di velocità sul sentiero degli Appalachi marciando nella direzione più ardua, ovvero verso nord.

Un viaggio a piedi lungo 3.500 km

Parliamo di 3.500 km lungo la costa orientale degli Stati Uniti, tra dislivelli incredibili e sentieri impervi, paesaggi mozzafiato e condizioni climatiche imprevedibili. Un vero calvario di sforzo fisico, privazione del sonno, pressione psicologica. Ma Scott corre, cammina e incespica senza fermarsi, percorrendo 80 km ogni giorno. Non avrebbe potuto immaginare il tributo fisico ed emotivo che questo viaggio gli avrebbe chiesto. Ma neppure la ricompensa: scoprire che la volontà può trascendere il dolore fisico e farti arrivare dove vuoi. Supportato dalla moglie Jenny e da un team di amici e aiutato dallo spettacolo rigenerante della natura incontaminata, Jurek ha messo alla prova il suo carattere e ritroverà la pace perduta. Nord è una storia di perseveranza e trasformazione personale ed è il ritratto di un uomo messo a nudo davanti al più grade degli ostacoli: se stesso.

L’autore

Scott Jurek è uno dei più grandi ultramaratoneti di tutti i tempi. Tra le tante corse vinte ci sono la storica Spartathlon 153, la Hardrock 100, l’ultramaratona Badwater 135 e la Western States 100, vinta sette volte di fila. Autore del bestseller Eat & Run, è stato nominato Avventuriero dell’anno da National Geographic. Vegano, vive tra le montagne di Boulder, in Colorado, con la moglie Jenny e la figlia Raven.

Leggi anche: L’ascesa degli ultrarunner

Articoli correlati

Storia dell’ultramaratona italiana

25 Luglio, 2020

L’ultrarunner Enrico Vedilei ha dato alle stampe la sua prima fatica letteraria, Oltre l’arrivo. Una vera e propria storia dell’ultramaratona italiana e uno strumento di consultazione e di analisi di quello che, da più di 20 anni, è il mondo dell’autore. Praticante prima, organizzatore poi, quest’ultimo è infatti anche e soprattutto un esperto di primo […]

L’ultramaratoneta Simone Leo pronto a sfidare il clima polare

24 Gennaio, 2020

Simone Leo, ultramaratoneta conosciuto ai lettori di Correre perché gli venne dedicata un’ampia intervista su Correre gennaio 2019 in cui raccontava la sua esperienza di primo italiano ad aver concluso tutte le “seven sisters”, cioè le sette ultramaratone ritenute le più dure, è pronto a sfidare il clima polare per portare negli Usa il suo […]

Dove trovare il carburante?

Sappiamo che il consumo energetico della corsa su lunghe o lunghissime distanze sia dato (approssimativamente) dal peso dell’atleta (e di ciò che si porta addosso), moltiplicato per il numero di km percorsi, indipendentemente o quasi dalla velocità tenuta. Ma dove trovare le calorie necessarie? Un atleta di 70 kg dunque consumerà circa 7.000 kcal per […]

100 miglia di Berlino: vittoria e record di Eleonora Corradini

21 Agosto, 2019

Impresa dell’ultrarunner italiana Eleonora Corradini del team UYN, che chiude i 161 km lungo il tracciato del Muro a 30 anni dalla caduta al primo posto tra le donne e terza assoluta. Col crono di 15 ore 22’49’’ l’azzurra fa inoltre segnare il primato femminile della manifestazione La gara perfetta Eleonora, classe 1991, originaria di […]