fbpx

London Marathon: Kenenisa Bekele non ci sarà

Foto: London Marathon Events
Di: A cura della redazione
Salta la super sfida tra Bekele e Kipchoge dopo che l’etiope si è ritirato per un infortunio al polpaccio sinistro. “Sono molto dispiaciuto di non poter correre domenica. Questo era un appuntamento importante per me, avevo lavorato duramente”.

Kenenisa Bekele rinuncia alla Virgin Money London Marathon di domenica a causa di un infortunio al polpaccio sinistro avvenuto nelle ultime settimane di preparazione. Lo hanno riferito gli organizzatori questa mattina.

Salta quindi l’attesissima sfida tra l’etiope Bekele, triplo campione olimpico e Eliud Kipchoge, il primatista mondiale di maratona, quattro volte vincitore a Londra, i due uomini più veloci della storia sulla distanza dei 42 km.

“Sono molto dispiaciuto di non poter correre domenica”, ha detto Bekele,”la preparazione durante il lockdown è stata molto difficile non potendo avere il mio team “NN” vicino. Ero in buona forma ma poi ho sentito un problema al polpaccio sinistro, dopo due sessioni di allenamento veloci troppo ravvicinate proprio nelle ultime settimane di preparazione”.

“Questo era un appuntamento importante per me, avevo lavorato duramente”. “So che molte persone da tutto il mondo attendevano questa gara e mi dispiace deludere i miei fan, gli organizzatori e i miei sfidanti. Ci vorrà del tempo per riprendermi e rimettermi in forma ma spero di tornare a Londra il prossimo anno”, ha affermato durante la conferenza stampa il campione etiope.

Articoli Correlati

Shura Kitata sulle orme di Gebrselassie, Kipchoge e Bekele
Shura Kitata
Kitata e Kosgei vincono la maratona di Londra, Kipchoge solo ottavo
London marathon – Sfida stellare anche tra le donne: Brigid Kosgei contro Ruth Chepngetich
Eliud Kipchoge
Sfide stellari con Kipchoge, Bekele, Kosgei, Chepngetich e Cheruiyot alla Maratona di Londra
Kipchoge e Bekele staffetta virtuale
Kipchoge e Bekele partecipano ad una staffetta virtuale
Eliud Kipchoge
Kipchoge aiuta a distribuire cibo ai tempi del coronavirus