fbpx

La coxalgia dello sportivo

L’ampia diffusione del running negli ultimi anni è evidente. E’ inoltre aumentata l’età media degli sportivi che si dedicano, anche a livello agonistico, a tale disciplina. Anche se l’evoluzione delle metodiche di allenamento, nonché degli strumenti tecnici (calzature, eccetera), consentono buoni risultati a tutte le età, non mancano le patologie muscolo-tendinee e da sovraccarico che interessano maggiormente i runner non più giovani.
Si individua quindi una categoria di atleti di fascia di età over 40 con alta richiesta funzionale e quindi maggiormente colpiti da patologie da sovraccarico.

Una delle articolazioni spesso soggette a tali malattie è quella dell’anca, formata dal femore e dall’acetabolo, ovvero una parte dell’osso del bacino. Alcune patologie dell’anca responsabili della coxalgia (un dolore laterale e posteriore a livello dell’anca e con frequente irradiazione inguinale) sono di natura muscolo-tendinea: ad esempio l’anca a scatto o la sindrome della bandeletta ileo-tibiale.

Nel numero di Correre di ottobre il Dott. Simone Ripanti (specialista in ortopedia e traumatologia) focalizza l’approfondimento sull’artrosi dell’anca, nel giovane e non più giovane sportivo.
La sintomatologia è generalmente caratterizzata da dolore sordo, che si acutizza all’inizio dell’attività motoria e che tende ad accentuarsi nei movimenti dell’anca. La localizzazione del dolore è generalmente inguinale, con possibili irradiazioni variabili rispetto al coinvolgimento articolare in regione antero-mediale o laterale della coscia, oppure a livello del gluteo.

Quando l’artrosi è in uno stadio da lieve a moderato, i trattamenti a disposizione sono: la terapia con farmaci, la fisiochinesiterapia e interventi chirurgici poco invasivi (artroscopia). Ultima, ma non meno importante, la possibilità di integrare il liquido sinoviale con iniezioni intra-articolari di acido ialuronico (viscosupplementazione). Il trattamento infiltrativo può aiutare l’atleta nella riduzione del dolore e nella prosecuzione dell’attività.

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

LBM Sport: nuovi marchi, solita (grande) consulenza

23 Agosto, 2021

Tre punti vendita a Roma e un negozio online. Uno staff competente, anche perché composto da runner. Dal 1981. Una passione presa molto sul serio. Per chi ama il running LBM Sport è un punto di riferimento sia a Roma, dov’è presente con tre punti vendita, sia in Italia, grazie al negozio on line.  Il […]

Apre WhyRun: a Milano un concept store interamente dedicato al running

21 Giugno, 2021

A Milano una nuova idea di concept store del running con i migliori prodotti dei migliori brand, docce e spogliatoi. Per tutti: dall’atleta amatoriale, all’appassionato, al runner professionista. L’attesa è finita. Apre a Milano WhyRun, un concept store interamente dedicato alla corsa per tutti i runner, da quello amatoriale all’atleta professionista. Un vero e proprio […]

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]