fbpx

Infortuni: quando capita tutto da una parte

Infortuni: quando capita tutto da una parte

Nell’infortunistica e nella patologia da sovraccarico dell’atleta dedito alla corsa si ha spesso il sommarsi di problematiche monolaterali, ovvero, appunto, da un singolo lato del corpo. Il riscontro è frequente e spesso le cause sembrano sconosciute. In realtà dall’analisi della corsa dell’atleta in questione si evince molto spesso come una carenza anatomo-funzionale distrettuale possa influenzare in modo importante, monolateralmente, la catena cinetica dell’arto inferiore e una parte della schiena.

In sintesi, ci sono degli “effetti a cascata” che condizionano il sistema. Vediamo alcune relazioni (servizio completo su Correre di ottobre)

Lunghezza degli arti-dorso
Un arto più lungo può sollecitare oltremodo l’articolazione sacroiliaca dalla stessa parte del corpo. Le articolazioni sacroiliache, pur muovendosi poco, entrano nel sottile equilibrio del gioco del bacino insieme alla sinfisi pubica, anteriormente. Gli effetti, come le forme di pubalgia, sono frequenti e vanno monitorati.  

Piede-ginocchio
Un appoggio alterato del piede,provoca stress da intra-rotazione della tibia. La patologia infiammatoria può colpire il piede, la tibia, il ginocchio dello stesso arto.

Anca-schiena
Una scarsa mobilità dell’anca può condizionare la schiena a livello lombare, con uno stress torsionale di compenso e conseguenti forme di sciatalgia, nevriti periferiche o forme di sofferenze muscolari sempre su base nevritica

Articoli correlati

Infortuni running: i dieci errori da evitare

Scarpe, autodiagnosi, consigli discutibili: sei incappato in una di queste situazioni? Troppo spesso chi corre si lascia condizionare dal sentito dire e dalla fretta nel riprendere l’attività dopo essere stato vittima di infortunio. Infortuni running: ecco dieci degli errori commessi più di frequente dai corridori secondo l’esperienza raccolta dal Dott. Luca De Ponti, ortopedico sportivo. […]

Gli infortuni del runner: impara a gestirli

Un periodo di stop può diventare un’occasione per diventare un runner migliore. Ecco i consigli dei nostri esperti su come si gestiscono gli infortuni del runner. Dobbiamo farcene una ragione: l’infortunio può far parte della vita del runner. Escludere che possa accadere è impossibile, ignorarne l’esistenza è inutile. Tutti i consigli degli allenatori sono impostati […]

Ricominciare a correre dopo un infortunio

Soprattutto dopo i 30-35 anni, bastano 10 giorni di stop e il muscolo perde in fretta la capacità di sostenere il lavoro eccentrico tipico della corsa ovvero quella caratteristica che lo porta a sopportare uno stiramento molto rapido. Gradualità ed esercizi, cammino e stretching, eviteranno gli stop da ripresa, che le statistiche indicano come molto […]

Tendine rotuleo e corsa: tutto quello che c’è da sapere

Il tendine rotuleo, piuttosto grosso, costituisce anatomicamente la parte terminale del quadricipite e sopporta la forza contrattile espressa da questo muscolo.Nella corsa svolge un’importante azione eccentrica di allungamento, favorendo l’ammortizzazione nell’impatto con il terreno: la plasticità del suo comportamento determina l’armonia del gesto atletico.La forza espressa dal quadricipite e la relativa collaborazione del tendine rotuleo […]

Allenamento Salute News Equipment Correre