fbpx

Il negative split secondo Orlando Pizzolato

È una gran bella soddisfazione correre in rimonta, sia sul cronometro, sia nei confronti degli avversari, ma richiede un’ottima preparazione fisiologica e muscolare oltre che capacità tattiche. Su Correre di febbraio il nostro direttore Orlando Pizzolato, uno degli storici maestri di questa strategia di corsa spesso vincente, spiega tutti i dettagli del negative split. Ecco i passaggi principali del suo intervento

Il “negative split” in pillole

La capacità di correre la maratona “in rimonta”, con una seconda mezza maratona più veloce della prima, dipende da tre fattori:

1) muscolare,

2) fisiologico,

3) tattico.

1) Fattore muscolare – Dobbiamo preparare i muscoli a sopportare i micro-traumi che si generano a ogni impatto dei piedi con il terreno, e che indeboliscono fibre muscolari e articolazioni.

• No esercizi con i pesi.

Sono, invece, utili:

• tutti i tipi di saltelli, balzi e sobbalzi, non intensi, ma ripetuti, da svolgere tutte le settimane, molti mesi all’anno;

• la corsa in salita sia intervallata (sprint e ripetute) sia continua (collinare e corsa media in salita).

2) Fattore fisiologico – Si devono addestrare i muscoli a spendere poche energie per produrre tanto lavoro. È la cosiddetta “efficienza”.

• Le sedute lunghe non devono essere svolte solo a passo lento, ma devono includere spesso variazioni del ritmo e la progressione finale.

• Anche la corsa media in salita è un efficace stimolo metabolico.

• L’allenamento più efficace in assoluto è la progressione di ritmo

Esempio: 3-4 km di riscaldamento + 3 km di corsa lunga svelta (o ritmo maratona) + 2-3 km di corsa media + 2 km corto veloce + fino a 2 km al ritmo della propria soglia anaerobica.

Allenamenti in progressione – benefici:

• più a lungo dura la progressione, maggiore è l’efficienza del sistema metabolico;

• più ci si abitua al disagio (impegno cardiaco ogni volta più contenuto), più si risparmia energia;

• più si è in grado di risparmiare energia, più se ne avrà a disposizione quando occorrerà aumentare.

No ai luoghi comuni: Le sedute di lunghissimo, da sole, non sono sufficienti per ottenere adattamenti fisiologici per le lunghe distanze.

3) Fattore tattico

• Abituarsi in allenamento a correre con “il piede morbido sull’acceleratore”.

• Acquisire sensibilità allo sforzo, gara dopo gara.

• Allenare la mente a non cedere alla tentazione di correre forte da subito

Articoli correlati

Asics e Milano Marathon insieme fino al 2024

30 Novembre, 2021

Il brand nipponico Asics e Milano Marathon tornano a correre insieme: firmato fino al 2024 l’accordo come technical partner. Asics è il nuovo partner tecnico di Milano Marathon, la maratona organizzata da RCS Sports & Events che domenica 3 aprile 2022 festeggerà la sua 20esima edizione (iscrizioni aperte da mercoledì 1 dicembre su www.milanomarathon.it). Il […]

Kotut e Tsehay trionfano alla maratona di Firenze

28 Novembre, 2021

Il keniano Cyprian Kotut e l’etiope Tsehay Alemu Maru hanno conquistato il successo nella trentasettesima edizione dell’Asics Firenze Marathon. Cyprian Kotut ha realizzato la seconda prestazione più veloce di sempre alla Maratona di Firenze con l’ottimo tempo di 2h08’59” avvicinandosi di 19 secondi al record della manifestazione detenuto dal 2006 dal connazionale James Kutto con […]

Ecco il cast della Firenze Marathon

26 Novembre, 2021

E’ stato presentato il cast dei campioni internazionali che daranno vita all’edizione numero 37 dell’Asics Firenze Marathon, in programma domenica 28 novembre con partenza e arrivo in Piazza del Duomo. Il percorso prevede i passaggi in Piazza Pitti, del Parco delle Cascine (polmone verde di Firenze), sul Lungarno e toccherà tutti i luoghi più suggestivi […]

Ekiru sfida Kipyego alla Maratona di Abu Dhabi

24 Novembre, 2021

Titus Ekiru e Reuben Kiprop Kipyego si sfideranno venerdì 26 novembre alla Maratona di Abu Dhabi, che si preannuncia come una rivincita dell’ultima edizione della Maratona di Milano dello scorso 16 maggio. Ekiru ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno e il quinto tempo più veloce di sempre con un eccellente 2h02’57” in occasione della […]