Il negative split secondo Orlando Pizzolato

Il negative split secondo Orlando Pizzolato

È una gran bella soddisfazione correre in rimonta, sia sul cronometro, sia nei confronti degli avversari, ma richiede un’ottima preparazione fisiologica e muscolare oltre che capacità tattiche. Su Correre di febbraio il nostro direttore Orlando Pizzolato, uno degli storici maestri di questa strategia di corsa spesso vincente, spiega tutti i dettagli del negative split. Ecco i passaggi principali del suo intervento

Il “negative split” in pillole

La capacità di correre la maratona “in rimonta”, con una seconda mezza maratona più veloce della prima, dipende da tre fattori:

1) muscolare,

2) fisiologico,

3) tattico.

1) Fattore muscolare – Dobbiamo preparare i muscoli a sopportare i micro-traumi che si generano a ogni impatto dei piedi con il terreno, e che indeboliscono fibre muscolari e articolazioni.

• No esercizi con i pesi.

Sono, invece, utili:

• tutti i tipi di saltelli, balzi e sobbalzi, non intensi, ma ripetuti, da svolgere tutte le settimane, molti mesi all’anno;

• la corsa in salita sia intervallata (sprint e ripetute) sia continua (collinare e corsa media in salita).

2) Fattore fisiologico – Si devono addestrare i muscoli a spendere poche energie per produrre tanto lavoro. È la cosiddetta “efficienza”.

• Le sedute lunghe non devono essere svolte solo a passo lento, ma devono includere spesso variazioni del ritmo e la progressione finale.

• Anche la corsa media in salita è un efficace stimolo metabolico.

• L’allenamento più efficace in assoluto è la progressione di ritmo

Esempio: 3-4 km di riscaldamento + 3 km di corsa lunga svelta (o ritmo maratona) + 2-3 km di corsa media + 2 km corto veloce + fino a 2 km al ritmo della propria soglia anaerobica.

Allenamenti in progressione – benefici:

• più a lungo dura la progressione, maggiore è l’efficienza del sistema metabolico;

• più ci si abitua al disagio (impegno cardiaco ogni volta più contenuto), più si risparmia energia;

• più si è in grado di risparmiare energia, più se ne avrà a disposizione quando occorrerà aumentare.

No ai luoghi comuni: Le sedute di lunghissimo, da sole, non sono sufficienti per ottenere adattamenti fisiologici per le lunghe distanze.

3) Fattore tattico

• Abituarsi in allenamento a correre con “il piede morbido sull’acceleratore”.

• Acquisire sensibilità allo sforzo, gara dopo gara.

• Allenare la mente a non cedere alla tentazione di correre forte da subito

Articoli correlati

Milano Running Festival, il programma

02 Aprile, 2024

Il palinsesto del Milano Running Festival: tre giorni dedicati alla corsa legati alla 22ma Milano Marathon, si comincia giovedì 4 aprile. Aprirà giovedì 4 aprile il Milano Running Festival presented by Sky, la tre giorni di sport collegata alla Wizz Air Milano Marathon 2024, in programma domenica 7 aprile e organizzata da RCS Sports & Events. Il grande […]

Maratona di Milano: tutto quello che c’è da sapere

02 Aprile, 2024

Le informazioni utili su WizzAir Milano Marathon in programma domenica 7 aprile Il tempo scorre veloce verso uno degli appuntamenti più attesi dell’anno: la 22^ edizione della Maratona di Milano, in calendario domenica 7 aprile 2024. Quest’anno l’evento promette di distinguersi ulteriormente, grazie alle numerose novità introdotte, al numero significativo di partecipanti e a una […]

Cosa mangiare la sera prima della maratona

Come ogni maratoneta esperto sa bene, alimentarsi in modo corretto è parte integrante dell’allenamento. E anche la sera prima della gara ha le sue regole. Scopriamole Ci siamo. Mancano poche ore al via della maratona, di una 42km particolare a cui ti sei dedicato anima e cuore nella preparazione. Il dubbio dell’ultimo momento però è cosa […]

Roma, maratona record

17 Marzo, 2024

In 15.167 tagliano il traguardo al cospetto del Colosseo: Acea Run Rome The Marathon segna il record di partecipanti. Roma maratona record con il vincitore Asbel Rutto (2:06’24”) e Ivyne Lagat (2:24’35”). Una 29^ edizione da record l’Acea Run Rome The Marathon 2024, manifestazione con oltre 40mila presenze tra maratona, staffette e stracittadina e grande […]