Daniel Fontana e il concetto di eccellenza

Daniel Fontana e il concetto di eccellenza

13 Febbraio, 2016

Oggi parlare di talento è molto di moda, sia nel mondo sportivo sia in quello delle aziende. Qualsiasi prestazione di eccellenza, sportiva e non, viene ricondotta a questo termine, che però è usato in maniera fuorviante, cioè con il significato di capacità innata. Quindi l’eccellenza viene ricondotta a una sorta di processo magico, il fatto di essere “nati così”.

In questo modo ci siamo creati tutti un alibi: uno è un campione grazie alla genetica, un altro è un grande manager perché è nato così. Quindi, se io invece non sono altrettanto bravo, non è una mia responsabilità. Ma è falso. La predisposizione da sola non basta, è solo un requisito di partenza. Tutto il resto è impegno quotidiano, che produce anche oltre un migliaio di ore annue di allenamento. Senza quello non si va da nessuna parte.

Su questo tema si incentra la chiacchierata che Pietro Trabucchi conduce, su Correre di febbraio, insieme a Daniel Fontana, pluriolimpionico e vincitore di diversi Ironman.

«Mi alleno circa trenta ore settimanali, circa 1.500 ore all’anno – racconta Fontana – Per costruire un atleta olimpico ci vogliono dieci anni di lavoro. Io ho fatto il mio primo triathlon nel dicembre del 1992, ho mancato per un pelo Sydney 2000 e finalmente sono stato nella starting line di Atene e successivamente di Pechino».

«Nello sport di alta performance impegno vuole dire: “Dare tutto, il massimo, in ogni mossa, ogni giorno, sempre. Vivere in funzione di un obiettivo, 24 ore su 24. La vita di un atleta professionista è un continuo abbraccio al dolore, pieno di frustrazioni e precarietà; tutto nella rincorsa della realizzazione di una performance straordinaria».

Articoli correlati

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Olimpiadi 2024: ecco cosa devono fare gli italiani per poter partecipare

31 Gennaio, 2024

Nella riunione di martedì 30 gennaio, il Consiglio Federale Fidal ha approvato i criteri di partecipazione alle Olimpiadi di Parigi 2024: per chi non si è classificato nei primi otto dei Mondiali di Budapest 2023, gli standards indicati da World Athletics saranno tenuti in considerazione solo se conseguiti nel 2024. La strada si fa più […]

La motivazione per correre si accende con la sfida

È un’esperienza abituale quella di pensare: “Quando ho uno scopo in mente riesco ad allenarmi meglio”. Un obiettivo, in particolare se sotto forma di sfida, favorisce coinvolgimento, interesse, disciplina. La motivazione per correre si accende come un faro. È abbastanza raro, ad esempio, che qualcuno che corre per divertimento si metta a fare ogni settimana, […]

Tokyo 2020, Olimpiadi a porte chiuse

08 Luglio, 2021

I giochi olimpici di Tokyo 2020 si terranno senza spettatori. Il Covid spaventa il Giappone: contagi in aumento, stato d’emergenza che durerà fino al 22 agosto Era nell’aria ma adesso arriva la conferma. I Giochi di Tokyo 2020, in programma dal 23 luglio all’8 agosto, si svolgeranno a porte chiuse, senza spettatori. In precedenza si […]