fbpx

Larissa Iapichino, Tokyo addio

29 Giugno, 2021
Foto Francesca Grana/Fidal
Fatale l’infortunio in pedana a Rovereto: l’azzurrina Larissa Iapichino costretta al forfait

Larissa Iapichino, una delle atlete più attese della nazionale italiana di atletica leggera, avrebbe dovuto disputare a Tokyo la sua prima Olimpiade.
A poche ore dall’ufficializzazione dell’elenco dei convocati arriva però la rinuncia, a causa dell’infortunio che la 19enne si è procurata in pedana durante i Campionati Italiani Assoluti dello scorso weekend.

Gli esami diagnostici hanno evidenziato una “distrazione dei fasci anteriori del legamento deltoideo” del piede destro, quello di stacco. Un incidente il cui rilievo, così come il conseguente percorso terapico, verranno valutati con attenzione nelle prossime ore, ma che purtroppo cancella già la possibilità per l’azzurrina di partecipare alla sua prima Olimpiade come annunciato da Federazione e Fiamme Gialle.

Dispiace che Larissa debba fermarsi – il commento del Presidente federale, Stefano Mei – ma è tanto giusto quanto inevitabile che le cose vadano così. Un’atleta del suo valore, con le sue prospettive, deve puntare per prima cosa all’integrità. Sono certo che questo inconveniente non arresterà la crescita: ci si ferma ora, per tornare più forti“.

Pur essendo una giovanissima – le parole del Direttore Tecnico delle squadre nazionali, Antonio La Torre – Larissa ha dimostrato ancora una volta una maturità straordinaria. La sua sarebbe stata una partecipazione ai Giochi da esordiente, una prima lezione in attesa del momento giusto per salire in cattedra. Ma considerato l’orizzonte che ha davanti, è giusto usare tutta la cautela necessaria per preservarne l’evoluzione e la crescita”.

Larissa Iapichino su Instagram: il sogno è solo rimandato

Nonostante la delusione, Larissa rimane motivata. Come racconta sul suo profilo Instagram:

“Sabato sera durante la mia gara ai campionati italiani assoluti ho avuto un incidente al quinto salto chiudendo in sabbia. essendo purtroppo (o per fortuna) un tipo molto testardo ho comunque voluto concludere la serie dei salti. in seguito a degli accertamenti svolti mi è stato diagnosticata una distrazione del legamento deltoideo del piede di stacco. devo ancora fare ulteriori accertamenti ma, a detta degli specialisti, il periodo di guarigione e recupero mi impediranno purtroppo la partecipazione alle olimpiadi.
Sono dispiaciuta ed amareggiata per questa situazione, ma cercherò di affrontare il tutto con la mia solita positività e motivazione. Nonostante sia molto giovane ammetto che non sia facile vedersi scivolare di mano il sogno olimpico, ma penso che l’appuntamento sia solo rimandato. O almeno è ciò che continuerò a sognare.
A presto!”

Articoli correlati

Gateshead: Crippa, è ancora record

14 Luglio, 2021

Nel Muller Grand Prix di Gateshead l’azzurro migliora ancora il primato nazionale sui 3000 metri Yeman Crippa ha migliorato il suo record italiano dei 3000 metri con 7’37”80 nel Muller Grand Prix di Gateshead, settima tappa della Diamond League. Il precedente primato sulla distanza (7’38”27) lo aveva realizzato lo scorso 17 settembre al Golden Gala […]

Tokyo 2020, Olimpiadi a porte chiuse

08 Luglio, 2021

I giochi olimpici di Tokyo 2020 si terranno senza spettatori. Il Covid spaventa il Giappone: contagi in aumento, stato d’emergenza che durerà fino al 22 agosto Era nell’aria ma adesso arriva la conferma. I Giochi di Tokyo 2020, in programma dal 23 luglio all’8 agosto, si svolgeranno a porte chiuse, senza spettatori. In precedenza si […]

L’infortunio di Larissa Iapichino al legamento deltoideo

02 Luglio, 2021

Il Dott. Luca De Ponti, medico ortopedico, ci spiega l’entità dell’infortunio al legamento deltoideo che ha costretto Larissa Iapichino al forfait olimpico Il suo esordio olimpico era fra i più attesi della spedizione azzurra a Tokyo, ma a causa di un infortunio Larissa Iapichino è stata costretta a dare forfait. Gli esami diagnostici effettuati dopo […]

Elena Romagnolo 3.0

25 Giugno, 2021

A 39 anni e mamma di due bimbe, l’ex azzurra Elena Romagnolo non ha perso il feeling con la corsa Una donna tenace e volitiva, è il suo modo di essere: una specie di wonderwoman formato mignon. Un’ancora giovane rappresentante del gentil sesso che ha la corsa nel sangue. Lei è Elena Romagnolo, biellese, 39 anni, […]