fbpx

Alberto Salazar squalificato quattro anni per doping

Alberto Salazar squalificato quattro anni per doping

02 Ottobre, 2019
Foto Giancarlo Colombo
Una condanna per 4 anni ha raggiunto il principale artefice della rinascita del mezzofondo e del fondo a stelle e strisce, oltre che della gloriosa carriera in pista di Mo Farah. L’allenatore ricorrerà in appello. Quali atleti risulteranno coinvolti? Quali titoli in grandi competizioni dovranno essere revocati? Quali record cancellati?

Una notizia-epilogo caratterizza la prima giornata di ottobre.

L’Usada, l’Agenzia Antidoping statunitense, ha squalificato per 4 anni il tecnico Alberto Salazar per “organizzazione e istigazione al doping” e traffico di testosterone. Ne ha dato notizia l’agenzia antidoping stessa, in un comunicato ripreso in Italia per primi dall’agenzia ANSA e dalla testata online “Atleticalive.it”.

L’incredibile ascesa

Trova così conferma la lunga serie di domande senza risposta rivolta da molti tecnici di ogni parte del mondo all’ex grande maratoneta (tre volte vincitore della maratona di New York), che da allenatore è stato l’artefice principale della rinascita del mezzofondo e del fondo statunitense, maschile e femminile, fin dalla prima decade del terzo millennio, oltre che dell’ascesa del britannico Mo Farah, prima del “divorzio tecnico” intervenuto nel 2017, anno, peraltro, della notifica delle prime violazioni.

Quattro anni di indagini

La sanzione comminata a Salazar arriva al termine di un’indagine di quattro anni, avviata dalle rivelazioni della BBC sulle pratiche svolte al “Nike Oregon Project”. Insieme a Salazar (61 anni), è stato squalificato anche Jeffrey Brown, consulente del centro.

Oltre al traffico di testosterone, l’accusa parla di manomissione del processo di controllo del doping. Salazar, che aveva già tentato di difendersi portando la vicenda in arbitrato, ora ricorrerà in appello.

E gli atleti?

Si aprirà poi, in parallelo, il lavoro di indagine per capire quali atleti abbiano beneficiato delle pratiche illecite di cui è accusato Salazar, per procedere all’eventuale cancellazione di titoli e record.

Articoli correlati

World Athletics: niente Giochi per Schwazer, resta sospeso fino al 2024

20 Febbraio, 2021

Alex Schwazer non potrà partecipare a competizioni internazionali fino al 2024. World Athletics: “Rifiutiamo qualsiasi intento da parte dell’atleta o di altre persone di minare o annullare la decisione finale”. Niente Olimpiadi di Tokyo per Alex Schwazer. Il marciatore di Vipiteno “resta sotto squalifica” fino al 2024. Lo rende noto in un comunicato la World […]

Mo Farah vince la mezza maratona di Antrim

13 Settembre, 2020

Il quattro volte campione olimpico Mo Farah ha vinto la Antrim Coast Half Marathon vicino a Belfast in 1h00’27” precedendo di 12 secondi Marco Scott in una giornata perfetta per correre con ottime condizioni climatiche. Ben Connor ha completato il podio in 60’47”. L’atleta di casa Stephen Scullion ha fatto registrare il primato irlandese con 1h01’”08.  Lo scorso 4 Settembre, Mo Farah, il […]

Mo Farah e Sifan Hassan: è record dell’ora a Bruxelles

05 Settembre, 2020

Mo Farah e Sifan Hassan hanno stabilito il primato del mondo dell’ora di corsa nell’edizione particolare del Memorial Ivo Van Damme di Bruxelles (terzultima tappa della Wanda Diamond League) in uno Stadio Re Baldovino senza pubblico. Farah ha respinto l’assalto dell’amico e compagno di allenamenti Bashir Abdi battendo il primato dell’ora di Haile Gebrselassie con […]

News Allenamento Equipment Salute Correre