fbpx

TecnoBody presenta SpeedUp Limitless

30 Giugno, 2021
Nasce SpeedUp SCX Limitless, il rivoluzionario tapis roulant professionale di TecnoBody con velocità adattiva, a servizio di analisi della corsa e allenamento di endurance

Si chiama SpeedUp SCX Limitless ed è il primo tapis roulant professionale di TecnoBody sviluppato esclusivamente per il settore della performance sportiva di endurance.

Il sistema è un vero e proprio laboratorio di valutazione biomeccanica della corsa e di allenamento, che permette ai preparatori atletici di allenare o riatletizzare i propri atleti, costruendo la loro performance con tutta l’istintività della velocità adattiva e con feedback oggettivo sulla qualità della corsa.

Il concetto di velocità adattiva

Da sempre i tapis roulant sono sviluppati per l’allenamento indoor dell’atleta e con il classico sistema di regolazione della velocità con tasto “più e meno”. SpeedUp SCX Limitless rivoluziona questo concetto canonico di velocità, lasciando spazio alla velocità adattiva SCX Speed Control.

Grazie all’interazione tra tutte le componenti tecnologiche del treadmill, è l’atleta a definire la velocità con la stessa istintività del gesto della camminata e della corsa outdoor.

Infatti il sistema riconosce le spinte a terra e adatta la velocità a quella dell’utente, rendendo naturali e ancor più accurati i test di analisi dell’appoggio, della postura in movimento e allenamenti di qualità quali ripetute, fartlek e tempo run.

Tecnologia per analisi e performance

La camera 3D riconosce le articolazioni dell’utente e, interagendo con le celle di carico poste sotto il nastro del treadmill dà vita ad una sensor fusion unica, capace di restituire, grazie al software, un’immagine dinamica in tempo reale della corsa dell’atleta, visualizzata sullo schermo Full HD posto frontalmente a quest’ultimo.

Realtà virtuale, moduli di analisi e training e report dei test sempre disponibili completano l’innovativo tapis roulant che rappresenta un nuovo mezzo per i preparatori atletici, i personal trainer e i fisioterapisti per portare i propri atleti ai migliori traguardi con consapevolezza sul proprio gesto e lontani da infortuni.

Comfort e funzionalità

La maglia di 990 cuscinetti costituisce una superficie di scorrimento del nastro a bassissimo attrito. La superficie vulcanizzata del nastro Soft Impact è morbida e spessa 1,5 cm, ideale per garantire ammortizzazione e reattività e ottenere un basso impatto sulle articolazioni, utile per preservare l’apparato muscolo-scheletrico.

Flessibilità e versatilità di utilizzo si traducono anche nell’inclinazione della superficie di SpeedUp, positiva fino al +20% e negativa opzionale fino al – 5%.

L’inclinazione del treadmill permette di costruire intensità, resistenza e controllo del gesto anche in salita e in discesa, rendendo funzionali i test e gli allenamenti per trail running e sky running.

L’analisi della corsa con SpeedUp SCX Limitless

Grazie alla velocità adattiva e alle altre componenti tecnologiche del sistema, ogni atletapuò essere testato per verificare in tempo reale ed in modo oggettivo la qualità dell’appoggio, della postura in movimento durante la corsa ed eventuali deficit motori specifici prima di intraprendere il proprio percorso personalizzato di preparazione atletica.

Il sistema rileva in tempo reale tempi di contatto, falcata, oscillazione verticale del COG, spinte a terra, simmetria di carico e molti altri dati, per un report integrabile con controllo della frequenza cardiaca.

L’azienda – TecnoBody

TecnoBody nasce nel 1994 dalla passione di Stefano Marcandelli per lo studio del movimento e per la complessità dell’anatomia umana.

La ricerca sul movimento dell’azienda si muove a 360 gradi con lo sviluppo di prodotti per la prevenzione, la performance sportiva e la riabilitazione fisica e una filosofia grazie alla quale tecnologia e approccio olistico stanno mutando profondamente ospedali, centri e palestre di tutto il mondo.

Articoli correlati

Con la corsa, più forti contro il Covid-19

Mantenersi in salute è la prima regola per rinforzare il proprio sistema immunitario anche contro il Covid-19. E per farlo bastano pochi ma fondamentali esercizi di forza, endurance e potenziamento muscolare. Nell’ultimo anno e mezzo l’infezione da SARS-CoV-2 (meglio conosciuta come Covid-19) ha colpito milioni di individui; i sintomi più gravi di questa malattia hanno […]

Preparare una gara di 10 km in 4 settimane

Un periodo decisamente corto per effettuare un pieno ciclo di preparazione (costruzione, potenziamento, finalizzazione), ma utile, appunto, a chi ha la necessità di non disperdere quanto fatto fino a ora. Si tratta di sfruttare, richiamandolo, il lavoro svolto in precedenza e utilizzarlo per preparare una gara di 10 km in quattro settimane. Qui proponiamo la […]

Correre al buio – La notte nel trail running

Una condizione frequente nella corsa in natura, ma non per questo facile da affrontare se non ci si è preparati gradualmente. Su Correre di luglio Fulvio Massa ci spiega come affrontare e gestire le notti delle gare trail più lunghe, con tutto ciò che conviene conoscere per affrontare questa vera e propria “altra dimensione” con […]

Correre al buio – Ecco come lavora la nostra vista

Quando si corre in condizioni di luce scarsa, la nostra attività sensoriale lavora per ripristinare a ogni appoggio, efficienza e sicurezza. La vista, in particolare, invia al sistema nervoso centrale, per via riflessa, tante piccole informazioni che servono a correggere in continuazione l’assetto del corpo. Ce lo spiega Luca De Ponti su Correre di luglio.  […]