Sonno e smartwatch

Sonno e smartwatch

Foto: 123RF

Molti studi mostrano il legame tra riposo notturno insufficiente o di bassa qualità e calo delle prestazioni. Gli orologi sportivi affermano di darci indicazioni preziose. Pietro Trabucchi ci spiega qui perché sonno e smartwatch rappresentano un sodalizio felice.

Informazioni affidabili

Tutti gli smartwatch e gli orologi sul mercato garantiscono di monitorare con precisione alcuni parametri legati al benessere. Uno di questi è il sonno, con la sua qualità e quantità e relativi disturbi, studiati scientificamente con il metodo della polisonnografia. Con questa tecnica vengono registrati l’attività cerebrale, i livelli di ossigeno, gli indicatori cardiaci e pressori e la respirazione, poi elaborati e interpretati sia dallo specialista sia tramite algoritmi. È dunque credibile che un piccolo orologio possa fornire da solo e automaticamente questi dati? La risposta è sì. I migliori smartwatch si basano sulla tecnologia dell’actimetria, che sfrutta dei sensori sensibili ai movimenti dell’individuo (simili a quelli dei contapassi). Lo smartwatch, indossato durante la notte, registra in questo modo tutti i micromovimenti del soggetto. Negli ultimi anni varie ricerche hanno collegato per via statistica la frequenza dei movimenti a specifiche fasi del sonno.

Quegli allenamenti vanificati

I parametri dello smartwatch servono a due scopi: capire in maniera oggettiva se abbiamo un sonno disturbato o di scarsa qualità e comprendere se abbiamo superato i livelli di guardia rispetto al nostro fabbisogno di riposo. È provato che diminuzioni della quantità e della qualità del sonno abbassano le prestazioni, soprattutto nelle ultramaratone di più giorni. La deprivazione da sonno è uno dei fattori limite più potenti in quelle gare. Dormire bene permette di recuperare efficacemente e allenarsi al meglio, ma poi non recuperare, è devastante e crea un circolo vizioso che azzera ogni progresso.

Riposare male e non saperlo

Studi di laboratorio hanno indicato che riduzioni del riposo causano più fatica percepita a parità di lavoro atletico, difficoltà nel ripristino delle riserve di glicogeno e diminuzione del tempo di stop in test a esaurimento sul tappeto. È quindi essenziale dormire a sufficienza e bene. Il problema è che, quando non accade, raramente ne siamo consapevoli. La deprivazione da sonno cronica abbassa infatti anche la consapevolezza della nostra capacità di gestirci e in questo caso l’affidabilità che lega sonno e smartwatch può venire in aiuto.

Dati e fasi

I migliori smartwatch forniscono i parametri del sonno già divisi in categorie: ad esempio sonno leggero e profondo, fase REM e risvegli. È importante analizzare prima questi ultimi. Risvegli frequenti possono essere sintomo di un disturbo del sonno legato ad apnee notturne o insonnia cronica. Magari la mattina non si ricordano tutti con chiarezza, ma i dati dell’orologio in genere sono, come abbiamo visto, molto attendibili. In questi casi è bene consultare uno specialista o un centro per lo studio del sonno. Dormire è un fenomeno molto soggettivo, quindi non è facile fornire statistiche assolute sulle varie fasi del sonno. Quello leggero sembra occupare il 50-60% del riposo totale, quello profondo il 10-15%, la fase REM il 20-25%. Se il sonno profondo è legato alla rigenerazione cellulare e alla secrezione di ormone della crescita, le fasi REM sono drammaticamente legate alle performance cognitive. Se domani mattina vi sembra di essere un po’ più storditi del solito, controllate dunque sonno e smartwatch. Può darsi che la percentuale di riposo REM sia stata più bassa del solito.

Leggi anche: Sport e depressione, il legame nascosto

Articoli correlati

Giorgio Calcaterra presenta Polar Pacer Pro

03 Giugno, 2022

Leggerezza, alta visibilità, eccezionale durata della batteria: queste le caratteristiche che Re Giorgio Calcaterra maggiormente apprezza in Polar Pacer Pro. La funzione back to start è inoltre la ciliegina sulla torta: un modo sicuro e confortevole per correre anche in luoghi sconosciuti senza l’ansia di perdere la strada. “Al termine di ogni seduta vado a […]

Kiprun GPS 500, lo smartwatch che ti sorprende

03 Maggio, 2022

Kiprun GPS 500 by COROS è un orologio multisport adatto alla pratica del running, ciclismo, fitness, triathlon e nuoto (sia in vasca che in acque libere). Coros è un’azienda giovane, che ha rilasciato il suo primo orologio GPS nel 2018, ma che fornisce già diversi atleti professionisti come Eliud Kipchoge, detentore del record e due […]

Tornare più forti con Polar

19 Aprile, 2021

Il nuovo orologio multisport Polar Vantage M2 è pensato per aiutare gli atleti di qualsiasi livello a migliorare le performance e tornare più forti, rilevando con la massima precisione i progressi ottenuti. Un modello innovativo, ricco di funzionalità smart, che offre una guida all’allenamento personalizzata, durata della batteria fino a 30 ore in modalità attività […]

Smartwach GPS Multisport: arriva la serie Fenix 6 di Garmin

29 Agosto, 2019

Numerose le novità introdotte nella nuova collezione, come l’aumento delle dimensioni dei display nei modelli Fēnix 6 e Fēnix 6X, l’innovativo Fēnix 6X Pro Solar in grado di garantire maggiore durata della batteria grazie alla luce solare o il nuovo strumento per runner PacePro, che aiuta a mantenere un’andatura allineata alla propria strategia di gara. […]

Allenamento News Equipment Salute Correre