fbpx

Psicologia e sport: dove si focalizza l’attenzione

Psicologia e sport: dove si focalizza l’attenzione

14 Ottobre, 2015

Il modo in cui ci concentriamo su noi stessi e sul mondo intorno a noi, il tipo di elementi su cui decidiamo di rivolgere il nostro interesse mentre corriamo: sono tutti fattori che influenzano nel concreto la prestazione. Vediamo quando e in che modo insieme su Correre di ottobre insieme a Pietro Trabucchi, psicologo dello sport.

La ricerca scientifica sta attribuendo sempre più importanza alla mente per spiegare la performance atletica. E l’impatto del funzionamento cognitivo appare tanto più decisivo quanto più la prestazione di endurance è lunga e complessa. Prendiamo in considerazione, ad esempio, le nostre capacità di concentrazione: il modo in cui prestiamo attenzione a noi stessi e al mondo intorno a noi, il tipo di elementi sui quali decidiamo di focalizzarci, hanno concrete ripercussioni sulla prestazione atletica.

Ognuno di noi è caratterizzato da uno stile personale nell’utilizzare l’attenzione e questo approccio caratteristico opera anche mentre si corre: qualcuno si concentra sul gesto, altri lasciano spazio ai pensieri o alle immagini interne, altri ancora tendono a focalizzarsi sull’ambiente circostante.

Che differenza può fare se mi concentro su questo o su quello? Davvero i pensieri possono rallentarci o farci accelerare? E’ sacrosanto che la corsa dipenda da gambe, cuore e polmoni, ma è proprio per questo che l’attenzione produce effetti: perché modifica il funzionamento cerebrale, e gambe, cuore e polmoni sono strettamente collegati al cervello.

Se correte immersi nel presente, divertendovi o guardando un bel panorama, tutto diventa molto più facile di quando vi focalizzate sul piede che fa male, o sul pensiero che “è finita”. Tenete anche ben presente una cosa: gli effetti di questi diversi comportamenti dell’attenzione probabilmente finiscono per fare la differenza nelle gare di endurance prolungata.

Articoli correlati

Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Chi corre piano non sempre va lontano… La corsa lenta non è sempre una buona idea. Il nostro corpo funziona un po’ come le macchine di grossa cilindrata, se le facciamo circolare solo in città a 30 km orari tendono ad ingolfarsi. Lo stesso succede a chi corre: modificare il gesto tecnico rallentandolo eccessivamente può […]

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Cefalea del runner: le cause del mal di testa

Una delle patologie più diffuse tra gli sportivi è la cefalea. Si può presentare in diverse forme e con diverse cause che spaziano dall’alimentazione scorretta (carenze, sovraccarichi, sensitivity, digiuni) fino all’emicrania da sforzo. Il problema è comunque diffuso e complesso e non può essere affrontato attraverso l’uso di farmaci. Cerchiamo di capirne di più con […]

Sovraccarico fisico e mentale: 7 modi per misurarlo

Mettiamo che una certa sera abbiate in programma una seduta impegnativa. È esperienza piuttosto comune quella di rendersi conto che l’allenamento è reso più difficile – e la prestazione meno soddisfacente – se è stato preceduto da una giornata lavorativa particolarmente pesante. Oppure dal fatto che avete appena litigato con il coniuge, i figli o […]

News Allenamento Equipment Salute Correre