fbpx
Foto Benini

Psicologia e sport: dove si focalizza l’attenzione

Il modo in cui ci concentriamo su noi stessi e sul mondo intorno a noi, il tipo di elementi su cui decidiamo di rivolgere il nostro interesse mentre corriamo: sono tutti fattori che influenzano nel concreto la prestazione. Vediamo quando e in che modo insieme su Correre di ottobre insieme a Pietro Trabucchi, psicologo dello sport.

La ricerca scientifica sta attribuendo sempre più importanza alla mente per spiegare la performance atletica. E l’impatto del funzionamento cognitivo appare tanto più decisivo quanto più la prestazione di endurance è lunga e complessa. Prendiamo in considerazione, ad esempio, le nostre capacità di concentrazione: il modo in cui prestiamo attenzione a noi stessi e al mondo intorno a noi, il tipo di elementi sui quali decidiamo di focalizzarci, hanno concrete ripercussioni sulla prestazione atletica.

Ognuno di noi è caratterizzato da uno stile personale nell’utilizzare l’attenzione e questo approccio caratteristico opera anche mentre si corre: qualcuno si concentra sul gesto, altri lasciano spazio ai pensieri o alle immagini interne, altri ancora tendono a focalizzarsi sull’ambiente circostante.

Che differenza può fare se mi concentro su questo o su quello? Davvero i pensieri possono rallentarci o farci accelerare? E’ sacrosanto che la corsa dipenda da gambe, cuore e polmoni, ma è proprio per questo che l’attenzione produce effetti: perché modifica il funzionamento cerebrale, e gambe, cuore e polmoni sono strettamente collegati al cervello.

Se correte immersi nel presente, divertendovi o guardando un bel panorama, tutto diventa molto più facile di quando vi focalizzate sul piede che fa male, o sul pensiero che “è finita”. Tenete anche ben presente una cosa: gli effetti di questi diversi comportamenti dell’attenzione probabilmente finiscono per fare la differenza nelle gare di endurance prolungata.

Articoli Correlati

Gelato senza zucchero? Si può, per la gioia dei runner. Ecco come
Dolore al fianco destro
Salute, a tu per tu con Il dolore al fianco destro 
Ammortizzazione
Ammortizzazione: quanta ne serve davvero per correre? E a chi serve?
emicrania
L’emicrania del corridore
Colesterolo alto, ma è davvero un problema?
Ecco la nuova campagna Erreà sport per i capi certificati Oeko-Tex Standard 100