Parola di Pink: Ho corso a NY, ora posso affrontare qualsiasi cosa

Parola di Pink: Ho corso a NY, ora posso affrontare qualsiasi cosa

10 Febbraio, 2015

Sono partite in 38, si sono allenate per sei mesi e in 10 sono arrivate a correre la maratona di New York. Alcune di loro erano principianti, altre avevano un po’ di pratica nelle gambe, tutte condividevano lo stesso passato segnato dal tumore al seno.

Sono tornate dalla Grande Mela stringendo una medaglia che è l’orgoglioso simbolo di un enorme lavoro fatto su stesse. Per testimoniare che #NothingStopsPink, niente ferma le donne.

Nothing Stops Pink è il progetto firmato da Fondazione Umberto Veronesi e Rosa&Associati per promuovere il movimento e la corsa come forma di prevenzione al tumore.

Su Correre di gennaio abbiamo presentato l’iniziativa, sul numero di febbraio diamo parola alle protagoniste.

Il racconto della Pink Emanuela Agostino

Cosa mi ha spinto a finire la maratona? Ebbene, ho preso un impegno con l’iniziativa #NothingStopsPink. Forse se l’avessi preso con me stessa non avrei neanche iniziato, non avevo davvero bisogno di dimostrare niente a nessuno. E’ lo spirito del progetto che mi ha motivato, perché aiuta gli altri!
A dirla tutta sono rimasta davvero sorpresa di essere stata scelta fra le 10 per New York. Io davvero non avevo MAI corso prima. Sono tipo da yoga, non da corsa, ma vedere i miglioramenti settimana dopo settimana mi ha stimolata. Non lo nascondo, dopo 4 mesi di preparazione non ero pronta per la maratona. La mezza magari si, ma la maratona…

A New York ho corso per 25 km senza fermarmi. Quando ho rallentato mio figlio mi ha telefonato dall’Italia: era preoccupato! Gli ho detto che stavo facendo delle foto…ed era vero. Riprendere è stata dura. Avevo già un’infiammazione sottovalutata prima della partenza e in corsa il dolore si è fatto sentire. Ho cercato di riprendere ma con difficoltà. Ho corso e camminato i seguenti 17 km.

Posso dire che una volta arrivata a Central Park ero felice di farla finita! Ma Central Park non finiva mai… Così al traguardo ho chiesto incredula: “is it over?” è finita. E qualcuno mi ha risposto (ormai era buio): “Yes, and you look beautiful!”. Sì e tu sei bellissima. In effetti, se rivedo le foto, non ero poi male….

Mi sono trascinata per un po’ zoppicando, c’era una ragazza che reggeva un palo con le indicazioni. Le ho chiesto del pacco ristoro: “what about the food bag?”. Mi sono portata avanti perché sapevo che una volta in albergo non avrei avuto le forze di uscire a mangiare. Lei mi ha risposto che avevo superato il punto di distribuzione. Vista la mia smorfia di sconforto si è offerta di andare al posto mio. Ero così esausta che mi sono aggrappata al suo palo e lei è corsa a prendermi la food bag. Ci siamo abbracciate, mi ha scattato una foto e mi sono messa a piangere.

Intanto il dolore all’inguine era così forte che è venuto a prelevarmi un paramedico. Nella tenda del pronto soccorso mi hanno fatto stendere, messo ghiaccio, dato delle stampelle antiquate e via…il resto è un’altra avventura.

Correre sopra un’infiammazione non è stata una grande trovata ma l’impegno che ho preso l’ho voluto mantenere e portare a termine. Perché? Per lo spirito del progetto e perché adesso so di poter affrontare qualunque cosa “ragionevole” mi metta in testa, se ne vale la pena.

Articoli correlati

Dolore ginocchio: 5 sintomi da interpretare

Il dolore al ginocchio è uno dei problemi che più frequentemente colpisce chi pratica la corsa. Scopriamo quali sono i sintomi da interpretare. Una delle caratteristiche salienti dell’atleta evoluto è quella di ascoltare i segnali del proprio corpo in relazione agli stimoli allenanti: parliamo del dolore alle ginocchia. Può avvenire in modo frequente durante e […]

Tre cibi di ottobre top per gli sportivi

Autunno tempo di mettere in tavola alimenti preziosi per il nostro benessere. Compiamo un viaggio gastronomico sugli alimenti di stagione e in particolare sui cibi di ottobre e le loro proprietà per chi pratica sport. Con l’arrivo di ottobre, l’autunno rivela il suo spettacolo di colori e profumi, e il mondo dell’alimentazione offre una nuova […]

Settembre: tre cibi top per gli sportivi

Uva, porro, tobinanbur: inserisci questi ingredienti nella tua dieta d’autunno. Tre cibi top per gli sportivi, facili da trovare sanno essere davvero preziosi per la nostra salute, anche sportiva. Con l’arrivo di settembre, gli sportivi sanno che è il momento perfetto per rinnovare la propria alimentazione in vista delle sfide autunnali e delle attività all’aperto. […]

A dieta in estate? Sì, ma senza troppe rinunce

Molte persone, tra cui anche alcuni sportivi, pensano che in estate, durante le vacanze non si debba rinunciare a nulla e si possa mangiare e bere tutto quello che capita. Nulla di più errato. Se infatti è vero che la vacanza deve rappresentare un momento di maggiore libertà, non ha tuttavia alcun senso farsi coscientemente […]