fbpx

I bambini e il movimento: una necessità primaria

01 Aprile, 2016

Lo Speciale Ragazzi che Correre di aprile dedica all’attività dei più giovani si apre con l’autorevole intervento di Cosimo Schinaia, psichiatra, già primario presso il Dipartimento di salute mentale di Genova e psicoanalista, membro ordinario con funzioni di training della Società Psicoanalitica Italiana e full member della International Psychoanalytical Association.

“Se pensiamo a come i futuri genitori avvertano l’attività motoria spontanea del feto attraverso l’utero come sinonimo di vita e benessere (che va di pari passo con il giudizio di sanità che viene dato dai medici) e a come, al momento del parto, sia il pianto, conseguenza della prima respirazione, a segnalare l’inizio della vita sociale del neonato, ci rendiamo conto dell’enorme significato non solo organico, ma simbolico e culturale, che il movimento assume.

Il bambino ha organicamente tanto bisogno di movimento in termini assoluti e profondi, quanto del dormire e del mangiare: è necessario che si agiti, che gridi, che respiri violentemente, che si lasci andare alle attività esplosive del gioco. Il bambino ha inoltre bisogno di percepire il movimento; l’essere cullato ritmicamente è per lui segnale di vitale protezione, così come l’arresto o l’improvvisa accelerazione di un movimento possono essere vissuti come segnali di minaccia.

Libera e priva di obiettivi specifici, l’attività spontanea non è sostituibile con un corso di ginnastica o con l’allenamento a uno sport, perché è la sola che precisamente riesca a mettere in gioco tutti i muscoli del corpo in un utilissimo disordine. Possiamo affermare che il movimento sia l’unico supporto che possa essere validamente utilizzato dall’uomo dalla vita intrauterina fino alla vecchiaia”.

 

Articoli correlati

La prevenzione nel carrello

La prevenzione parte dal carrello Secondo ricerche condotte dall’American Institute for Cancer Reasearch, le abitudini alimentari hanno un peso determinante almeno in tre tumori su dieci. Percentuale che si impenna nelle patologie che riguardano l’apparato gastrointestinale: fino al 75% dei tumori dell’esofago, dello stomaco e del colon-retto si potrebbero prevenire lavorando sulla quantità e sulla […]

La corsa allunga la vita

Tra gli innumerevoli vantaggi legati al movimento fisico regolare e costante vi è anche quello, non trascurabile, del rallentamento dell’invecchiamento. Naturalmente il tempo non si può fermare, ma quante volte vediamo attorno a noi persone la cui età apparente è molto inferiore rispetto a quella anagrafica? Benché una genetica fortunata abbia la sua parte, quasi […]

Aprile: ecco lo speciale running dedicato ai ragazzi

30 Marzo, 2016

Aprile tempo di primavera, di fiori che sbocciano nei campi e con essi sboccia il desiderio di vivere lo sport e la corsa in particolare all’aria aperta. Meglio ancora se a praticarla sono i più giovani, quelli che maggiormente apprezzano i cambi di stagione per il piacevole dilatare dei tempi del gioco alla luce del […]

Vuoi guadagnare ore di vita? Muoviti!

09 Marzo, 2016

Ciò che si può ottenere dal movimento è incredibilmente ancora troppo poco noto e troppo poco valorizzato. Storia di un’idea che mette insieme la promozione dell’attività fisica a quella dell’educazione alimentare di base. Per sentirsi davvero meglio. Ce ne parla su Correre di marzo Antonio Francescutto medico dello sport appassionato di corsa in montagna, dal […]