fbpx

Ginocchio del runner: quando è necessario l’acido ialuronico

Chissà quando l’uomo ha imparato a correre… Probabilmente l’uomo preistorico correva alla ricerca del cibo o correva per non diventare cibo lui stesso.
Nel mondo di oggi si corre molto meno, almeno nel senso etimologico del termine; il verbo correre è usato prevalentemente in contesti allargati che definiscono i ritmi accelerati e frenetici della vita moderna: il progressivo aumento delle persone obese e delle patologie correlate alla sedentarietà ne è una controprova evidente.

Negli ultimi anni, proprio per la necessità di scaricare le tensioni accumulate durante la giornata o semplicemente perché l’impietosa “prova costume” non lascia scampo ad altre soluzioni, il numero di runner è notevolmente aumentato. Anche la crisi economica ha dato una bella spinta: per correre, infatti, bastano un paio di pantaloncini, una maglietta e un paio di scarpe; non si paga un istruttore o un abbonamento e si può correre quando e dove si vuole.

Con l’aumentare del numero e dell’età dei runner, sono dunque cresciute anche tutte quelle problematiche legate ai sovraccarichi articolari imposti al corpo umano durante la corsa.

Marco Petacchini, specialista in ortopedia e traumatologia chirurgica artroscopica e traumatologia dello sport, nel numero di Correre di aprile punta l’attenzione sulla patologia degenerativa articolare degli arti inferiori, in particolare del ginocchio, essendo probabilmente una delle problematiche più frequenti nel runner. Il suo ragionamento parte da un concetto facile facile, ma molto spesso sottovalutato: la cartilagine articolare non ricresce, e non può essere ricreata.

E’ dunque importante lavorare sulla prevenzione. Come posso prevenire le patologie da sovraccarico?

• Gestendo bene gli allenamenti e i tempi di recupero

• Indossando scarpe idonee e un abbigliamento adeguato

• Controllando l’alimentazione e l’idratazione

• Facendo valutare da un professionista della salute le proprie caratteristiche antropometriche, per verificare la presenza di eventuali fattori di rischio e trovare le relative contromisure

• Facendo ricorso a condro-protettori, come l’acido ialuronico.

Come, quando e perché viene utilizzato l’acido ialuronico? Scoprilo su Correre di aprile.

Articoli correlati

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Dita a martello

Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala in flessione. Una situazione che all’inizio può essere solo un atteggiamento, ma che rischia di trasformarsi in una postura cronica e dolorosa. Questo anche perché l’articolazione deformata sfrega […]

Salute nella corsa

13 Novembre, 2020

Uno dei più attuali, completi e innovativi manuali dedicati alla nostra disciplina, La salute nella corsa è un’opera ricchissima, scritta da Blaise Dubois in collaborazione con altri 50 specialisti del settore. Dall’allenamento, alla prevenzione, fino al recupero degli infortuni, in queste quasi 500 pagine si trova tutto quello che bisogna sapere per diventare runner migliori […]

Salute del runner: gli infortuni più frequenti. Terzo (e ultimo): fratture da fatica

I segni di una frattura da fatica cominciano a intravedersi almeno quindici giorni dopo i primi segnali di dolore. Il riscontro diagnostico più immediato è quello fornito dalla risonanza magnetica, che può indicare con precisione la sede e l’entità della lesione.  Nella vita del runner possono intervenire patologie particolarmente insidiose, perché spesso non vengono riconosciute […]