fbpx

Colori in corsa: ecco i patch di ultima generazione

Da Kilian Jornet ad Antony Krupika, da Anna Frost a Emelie Forsberg, da Francois D’Haene a Tim Olson: tutti i migliori atleti sembrano esserne stati contagiati a velocità epidermica. Dalle Alpi ai Pirenei, dal Colorado alla Canarie, ovunque gli atleti corrano off road, state certi che le loro gambe saranno colorate.

Dopo i primi sporadici avvistamenti, da un paio di stagioni è infatti sempre più frequente notare vistose chiazze di colore sulle gambe dei più forti skyrunner, trailer e ultratrailer.
Grazie a Filippo Pavesi che su Correre di Dicembre approfondisce l’argomento, scopriamo cosa sono e come funzionano i patch di nuova generazione.

Active Patch 4U è un patch autoadesivo brevettato nel 2011 da Arnaud Tortel (fisioterapista ed esperto di agopuntura) e Jacques Casper ed è un prodotto costruito con tessuto composto dal 30% di poliammide e dal 70% di cellulosa. Non è un prodotto transdermico e non rilascia alcuna sostanza. Non è da ritenersi un trattamento medico: è un prodotto benessere che lavora stimolando specifici punti energetici dell’organismo.

E’ utilizzabile in 3 modalità principali:
– prevenzione
– comfort
– post allenamento

Ti interessa approfondire maggiormente questo argomento? Ampio servizio sui patch di ultima generazione nel numero di Dicembre di Correre.

Articoli Correlati

UYN Vertical Courmayeur Mont Blanc
UYN Vertical Courmayeur Mont Blanc: vincono Antonioli e la Veronese
Passerella di Thévenard, terzo sigillo all’UTMB
In caso di infortunio: da chi farsi mettere le mani addosso?
Il Monte Bianco della discordia: Kilian, il sindaco e le regole della montagna
Kilian Jornet nudo per protesta sulla cima del Bianco
Salomon presenta il nuovo sistema di scarpe personalizzate