fbpx

Colori in corsa: ecco i patch di ultima generazione

Da Kilian Jornet ad Antony Krupika, da Anna Frost a Emelie Forsberg, da Francois D’Haene a Tim Olson: tutti i migliori atleti sembrano esserne stati contagiati a velocità epidermica. Dalle Alpi ai Pirenei, dal Colorado alla Canarie, ovunque gli atleti corrano off road, state certi che le loro gambe saranno colorate.

Dopo i primi sporadici avvistamenti, da un paio di stagioni è infatti sempre più frequente notare vistose chiazze di colore sulle gambe dei più forti skyrunner, trailer e ultratrailer.
Grazie a Filippo Pavesi che su Correre di Dicembre approfondisce l’argomento, scopriamo cosa sono e come funzionano i patch di nuova generazione.

Active Patch 4U è un patch autoadesivo brevettato nel 2011 da Arnaud Tortel (fisioterapista ed esperto di agopuntura) e Jacques Casper ed è un prodotto costruito con tessuto composto dal 30% di poliammide e dal 70% di cellulosa. Non è un prodotto transdermico e non rilascia alcuna sostanza. Non è da ritenersi un trattamento medico: è un prodotto benessere che lavora stimolando specifici punti energetici dell’organismo.

E’ utilizzabile in 3 modalità principali:
– prevenzione
– comfort
– post allenamento

Ti interessa approfondire maggiormente questo argomento? Ampio servizio sui patch di ultima generazione nel numero di Dicembre di Correre.

Articoli Correlati

Kilian Jornet
Record 24 ore in pista: Kilian ci riprova
Phantasm 24: l’analisi del tentativo di record del mondo
“Phantasm 24”: niente record del mondo di 24 ore di corsa, Jornet si ferma
Maratona, nuova sfida per Kilian Jornet
Kilian Jornet
Montagne da salvare: nasce la Fondazione Kilian Jornet
UYN Vertical Courmayeur Mont Blanc
UYN Vertical Courmayeur Mont Blanc: vincono Antonioli e la Veronese