fbpx
Michele Tusino

Alimentazione – La prevenzione nel carrello

Su Correre di febbraio si parla dei benefici che le persone affette da patologie tumorali possono ricavare dalla corsa, in relazione al progetto “Nothing stops Pink” portato avanti dalla Rosa&Associati in collaborazione con la Fondazione Veronesi. A questo tema sono dedicate anche 8 pagine della sezione Alimentazione, con un servizio intitolato “La prevenzione nel carrello”.

Secondo ricerche condotte dall’American Institute for Cancer Research, le cattive abitudini alimentari hanno un peso determinante almeno in tre tumori su dieci, percentuale che si impenna nelle patologie che riguardano l’apparato gastrointestinale: fino al 75% dei tumori dell’esofago, dello stomaco e del colon-retto si potrebbero prevenire lavorando sulla quantità e sulla qualità dei cibi che ingeriamo.

Se aggiungiamo lo stile di vita in senso ampio (abitudini, movimento, corretta forma fisica) vediamo che il nostro raggio di azione diventa più ampio. Ecco perché Correre, con questo servizio di Antonella Carini e con quello, collegato, di Luca Speciani e Lyda Bottino (titolo: “L’alimentazione conta”) suggerisce di cominciare la battaglia preventiva proprio dalla spesa, con una serie di consigli pratici e una suddivisione chiara tra “Cibi sì”, Cibi no”, Cibi… ni”.

Articoli Correlati

Dieta Idratante
Runner a tavola: una giornata di dieta idratante
Gelato senza zucchero? Si può, per la gioia dei runner. Ecco come
Dolore al fianco destro
Salute, a tu per tu con Il dolore al fianco destro 
Ammortizzazione
Ammortizzazione: quanta ne serve davvero per correre? E a chi serve?
emicrania
L’emicrania del corridore
Colesterolo alto, ma è davvero un problema?