fbpx

Caso Schwazer, la Wada torna all’attacco

23 Aprile, 2021

“La Wada è scioccata dal fatto che il giudice istruttore ritenga opportuno emanare un decreto che formula queste accuse molto gravi senza prima dare alla WADA o alle altre parti un’adeguata opportunità per difendersi. Questo non è un giusto processo. La WADA respinge completamente le accuse mosse contro di essa dal giudice istruttore. Così sarà anche per qualsiasi osservatore imparziale che sia pronto a valutare oggettivamente tutte le prove”.

Così l’Agenzia Mondiale Antidoping interviene, con un lungo comunicato ufficiale, sulla decisione del giudice di Bolzano Walter Pelino che lo scorso febbraio ha disposto l’archiviazione del procedimento penale a carico di Alex Schwazer per “non aver commesso il fatto”.

Violazioni delle regole antidoping del signor Schwazer

“Il signor Schwazer è un marciatore della regione di Bolzano che ha vinto l’oro nella 50 km maschile ai Giochi Olimpici del 2008 a Pechino. Nel luglio 2012, appena prima delle Olimpiadi di Londra, il signor Schwazer è risultato positivo all’EPO ed è stato successivamente squalificato dallo sport per tre anni e mezzo. È stato anche processato a Bolzano per doping (che è un crimine in Italia), e ha patteggiato dopo aver ammesso di aver preso intenzionalmente EPO e testosterone.

World Athletics ha fatto raccogliere un ulteriore campione dal signor Schwazer il 1 ° gennaio 2016, quando si avvicinava la fine della sua squalifica. Il laboratorio antidoping di Colonia ha riportato il campione negativo per sostanze proibite dopo i test di routine iniziali. Ha rilevato testosterone nel campione, ma il corpo umano produce un po’ di testosterone in modo naturale (“endogeno”) e sui risultati dello screening non c’era nulla che indicasse che il testosterone nel campione del signor Schwazer fosse sintetico.

Tuttavia, i risultati degli atleti d’élite vengono registrati nel tempo nel sistema di valutazione del passaporto biologico dell’atleta, al fine di identificare i profili sospetti, e quando l’APMU (Athlete Passport Management Unit) indipendente presso il laboratorio antidoping di Montreal ha esaminato il profilo anonimo del signor Schwazer, ha notato che i valori degli steroidi nel campione di gennaio 2016 erano incoerenti con gli altri valori di steroidi nel suo profilo. Ha quindi chiesto al laboratorio di Colonia di testare nuovamente il campione del gennaio 2016 utilizzando una tecnica specifica – spettrometria di massa del rapporto isotopico ( IRMS ) – per determinare se il testosterone nel campione fosse naturale o sintetico. Il test IRMS ha mostrato che il testosterone era sintetico (un fatto che il signor Schwazer non ha mai contestato), e quindi il signor Schwazer è stato accusato di una seconda violazione delle regole antidoping.

La Corte Arbitrale dello Sport (CAS) ha preso in carico il caso nel luglio 2016. Ha respinto le varie denunce avanzate dal signor Schwazer in merito alla gestione e al test del suo campione, inclusa la sua affermazione che il campione doveva essere stato manomesso e lo ha squalificato per altri otto anni, lunga squalifica dovuta al fatto che si trattava della sua seconda violazione antidoping”.

Procedimento penale contro il signor Schwazer

La WADA non è stata coinvolta né nella raccolta del campione del signor Schwazer nel gennaio 2016, né nel test iniziale del laboratorio di Colonia su quel campione, né nella richiesta dell’APMU che il campione fosse ritestato utilizzando l’IRMS, né in quel successivo riesame. Tuttavia, quando è stato aperto un procedimento penale contro il signor Schwazer a Bolzano dopo che il CAS lo aveva squalificato per un una seconda violazione delle regole antidoping, la WADA è stata invitata a partecipare come parte lesa e ha offerto il suo sostegno al tribunale di Bolzano. In nessun momento è stato detto alla WADA di essere indagata per presunti illeciti. Invece, il caso riguardava solo se il signor Schwazer dovesse essere perseguito per doping ai sensi del diritto penale italiano.

L’accusa che il campione è stato manomesso per incastrare il signor Schwazer

Al giudice istruttore è stata fornita l’urina rimasta dal campione del 1 ° gennaio 2016 del signor Schwazer e ha ordinato ulteriori test su quel campione, che hanno confermato che l’urina conteneva solo il DNA del signor Schwazer.

Il giudice istruttore ha ora deciso che una persona non identificata ha ottenuto segretamente un campione di una terza parte che conteneva testosterone sintetico, lo ha esposto ai raggi ultravioletti per rimuovere tutte le tracce del DNA di quella terza parte, l’ha mescolato con il campione di urina del gennaio 2016 del signor Schwazer, lo ha quindi riscaldato con il campione combinato per aumentare la concentrazione di testosterone sintetico.

La prova chiave su cui il giudice fa affidamento per fare tale conclusione è il fatto che un’aliquota (porzione) del campione B del gennaio 2016 del signor Schwazer, quando testata per il DNA più di due anni dopo, conteneva il DNA del signor Schwazer a una concentrazione di circa 2.500 pg/µl. L’esperto nominato dal tribunale ha ritenuto che, data la degradazione nel tempo, al momento della raccolta la concentrazione di DNA nel campione avrebbe potuto raggiungere i 18.969 pg/µL. Il giudice istruttore ha deciso che la concentrazione era al di fuori della gamma di concentrazioni di DNA che sarebbero state osservate in un essere umano sano come il signor Schwazer. Ha quindi concluso che il campione doveva essere stato addizionato e concentrato nel modo sopra descritto.

In risposta, la WADA osserva quanto segue:

  • Né WADA, né World Athletics, né il laboratorio di Colonia, né chiunque altro coinvolto nel controllo antidoping in questo caso, aveva alcun motivo plausibile per commettere un atto così oltraggioso.
  • Il signor Schwazer ha personalmente trasferito l’urina che ha fornito il 1° gennaio 2016 in due flaconi di vetro sigillati (A e B). Non ci sono state violazioni nella catena di custodia esterna del campione (trasporto dal prelievo antidoping al laboratorio) o nella catena di custodia interna (all’interno del laboratorio). Il gruppo di esperti scientifici CAS ha riscontrato, dopo aver ascoltato la testimonianza dell’ufficiale antidoping che ha raccolto il campione e del corriere, che il trasporto del campione da Racines (luogo di residenza del signor Schwazer) a Colonia (compreso lo stoccaggio notturno negli uffici dell’agenzia di raccolta dei campioni a Stoccarda) si è verificato in modo da proteggere la sua “integrità, identità e sicurezza”. Il gruppo di esperti scientifici CAS ha anche scoperto, sulla base di un esame approfondito del pacchetto di documentazione del laboratorio e delle prove del personale del laboratorio di Colonia, che tutti i movimenti del campione all’interno del laboratorio di Colonia erano ” adeguatamente documentati “. Nessuno dei testimoni rilevanti per la catena di custodia esterna o interna è mai stato esaminato dal giudice Pelino.
  • Il campione del gennaio 2016 del signor Schwazer è stato reso anonimo, quindi nessuno nel laboratorio di Colonia sapeva che apparteneva a lui, né quando hanno condotto il test iniziale del campione A, né quando hanno condotto il test IRMS del campione A, e hanno scoperto che il testosterone che conteneva era sintetico. Né nessuno all’APMU di Montreal sapeva che il profilo steroideo che stavano guardando apparteneva al signor Schwazer quando è stata riscontrata l’anomalia ed è stato richiesto il test IRMS specifico.
  • Il gruppo CAS, che (a differenza del giudice Pelino) ha interrogato i rappresentanti dei laboratori di Colonia e Montreal, ha rilevato specificamente che “non si è verificata alcuna violazione dell’anonimato del campione e dell’anonimato del ricorrente” e, in particolare, che il personale del laboratorio di Colonia “Non aveva idea di chi appartenesse al Campione del 1° gennaio”.
  • I rappresentanti del signor Schwazer erano presenti nel laboratorio di Colonia nel luglio 2016 per l’apertura del suo campione B del 1° gennaio 2016 (il campione delle controanalisi). Hanno confermato che il sigillo del campione era intatto e non c’erano segni di manomissione. Il giudice istruttore osserva che durante la successiva indagine del rapporto McLaren sono emerse prove che i “maghi” dei servizi segreti russi ( FSB) avevano scoperto come aprire e chiudere le bottiglie dei campioni sigillati senza lasciare traccia. Apparentemente, il giudice Pelino pensa che anche il laboratorio (di fama mondiale) di Colonia abbia scoperto come farlo, separatamente e indipendentemente dall’FSB ed era pronto, disposto e in grado di farlo al campione del signor Schwazer in modo che potesse essere arricchito con testosterone sintetico. Quale sarebbe stata la motivazione del laboratorio di Colonia a comportarsi in questo modo? Il giudice istruttore non lo dice.
  • Inoltre, se l’intento era quello di incastrare il signor Schwazer, perché aggiungere al suo campione una sostanza che non sarebbe distinguibile, nei test di routine, dal testosterone endogeno? Perché lasciare al caso che l’APMU indipendente rilevi successivamente un’anomalia nel profilo degli steroidi e richieda il test IRMS del campione del gennaio 2016? Perché non aggiungere semplicemente al campione un noto steroide che non viene prodotto naturalmente e viene rilevato facilmente (ad es. Stanozolol), in modo da garantire un rilevamento istantaneo e una carica immediata?
  • Per quanto riguarda le prove apparentemente decisive – il fatto che la concentrazione del DNA del signor Schwazer in una porzione del suo campione B del gennaio 2016 (che si suppone fosse pari a 18.969 pg/µl alla raccolta) era presumibilmente al di fuori dell’intervallo normale per gli esseri umani sani – infatti:
    1. Le concentrazioni di DNA nelle urine possono variare notevolmente, poiché l’urina è un prodotto di scarto che raccoglie il DNA mentre lascia il corpo, non una sostanza cellulare come il sangue.
    2. Una concentrazione di 18.969 pg/µl rientra ampiamente nell’intervallo di concentrazioni di DNA riscontrate negli esseri umani sani. Ad esempio, il laboratorio antidoping di Losanna ha fornito prove di aver trovato DNA nel campione di un atleta a una concentrazione superiore a 25.000 pg/µl.
    3. La concentrazione di DNA trovata in un campione raccolto dal Sig. Schwazer nel luglio 2016 era di 14.013 pg/µL, nonostante quel DNA sia stato misurato nell’ottobre 2017, cioè più di 15 mesi dopo che il campione è stato raccolto, e quindi dopo aver degradato dal suo importo originario.
    4. Per queste e altre ragioni, tre esperti indipendenti hanno fornito opinioni chiare e inequivocabili nel procedimento di Bolzano secondo cui la concentrazione di DNA nel campione del gennaio 2016 del signor Schwazer non era anormale.
  • Il giudice istruttore ha scelto di ignorare tutte queste prove. Ad esempio, ha suggerito che le prove del laboratorio di Losanna non erano state adeguatamente depositate presso lui o il perito nominato dal tribunale, anche se tale esperto si riferiva alle prove di Losanna nel suo primo rapporto. Questo tipo di approccio è possibile quando non stai conducendo un processo e non devi seguire un giusto processo, o per dare alle persone che stai accusando un’opportunità piena ed equa di difendersi e spiegare cosa si sta perdendo. Ma non porta ad accuse affidabili o fondate.

Articoli correlati

World Athletics: niente Giochi per Schwazer, resta sospeso fino al 2024

20 Febbraio, 2021

Alex Schwazer non potrà partecipare a competizioni internazionali fino al 2024. World Athletics: “Rifiutiamo qualsiasi intento da parte dell’atleta o di altre persone di minare o annullare la decisione finale”. Niente Olimpiadi di Tokyo per Alex Schwazer. Il marciatore di Vipiteno “resta sotto squalifica” fino al 2024. Lo rende noto in un comunicato la World […]

Modena: Palmisano migliora il primato italiano sui 10 km di marcia, Battocletti doppio titolo italiano assoluto e U23 sui 5000

19 Ottobre, 2020

Alla Festa dell’Endurance di Modena grande prova di Antonella Palmisano che migliora il primato italiano sui 10 km di marcia con 41’28” battendo dopo 23 anni il record di Rossella Giordano. Bene Nadia Battocletti che trionfa in solitaria nei 5000 metri e conquista due titoli. Ala Zoghlami vince la sfida in famiglia con il fratello […]

Doping, caso Schwazer: assolti Fischetto, Fiorella e Bottiglieri

10 Dicembre, 2019

Caso Schwazer, sentenza ribaltata: nessun favoreggiamento da parte degli ex medici Fidal e dell’ex responsabile dell’area tecnica che erano stati condannati in primo grado per aver saputo della sua intenzione di doparsi senza denunciarlo La Corte d’Appello di Bolzano ha assolto il dottor Giuseppe Fischetto e il dottor Pierluigi Fiorella, condannati nel gennaio 2018 in primo […]