fbpx

Solstizio a Pratomagno: affrontiamolo così

10 Giugno, 2015

Per festeggiare il Solstizio d’estate in Toscana quest’anno arriva una proposta davvero originale: la Marcia del Sole, che proporrà due percorsi – uno più intimista e uno rock – per raggiungere a piedi la Croce del Pratomagno, a 1600 metri d’altitudine e veder sorgere il sole al termine della notte più corta dell’anno, fra il 20 e il 21 giugno. Il punto di partenza potrà essere da Firenze o da Arezzo, a seconda della distanza prescelta.

Venti chilometri al giorno, per due-tre giorni. Non è uno scherzo, non si improvvisa. A partire dall’equipaggiamento. Ma viaggiare a piedi è un’arte, prima ancora che una salutare abitudine. Ecco allora che su Correre di giugno Giorgio Garello, maestro del cammino e del fit-walking, impartisce le istruzioni per un Solstizio a Pratomagno alla portata di tutti.

più che pensare a un cammino come forma di movimento dobbiamo fare nostra la mentalità del trekking. Si tratta di fare un mix tra l’essenzialità di chi vive la montagna e la nostra capacità di lasciare a casa il superfluo concentrandoci su ciò che davvero serve in tre o più giorni di strada, in un cammino il cui scopo non è, come nella corsa, arrivare prima di altri, ma piuttosto arrivare con gli altri. Anche questo è parte essenziale del viaggio a piedi. Si devono fare delle scelte, che nascano dalla nostra testa per integrarsi con il corpo.

Le Scarpe La scelta dipende dal peso dello zaino: al di sotto dei 6-7 kg, si possono utilizzare delle scarpe da running, meglio se da trail-running, per avere stabilità, ammortizzazione e resistenza, e le si potrà indossare per molte ore su ogni terreno. Se lo zaino avrà un peso superiore ai 7-8 kg, si dovrà valutare l’utilizzo di una pedula, non troppo pesante, ma alta sulla caviglia, per migliorare la stabilità e conservarla col passare delle ore e con l’aumentare della stanchezza. Da non sottovalutare la necessità di avere una seconda scarpa leggera e una ciabattina super sottile, tipo quelle in dotazione negli alberghi, per le fasi di riposo e per necessità di toilettatura personale.

Zaino Non ci rendiamo conto di quanto in fretta aumenti il suo peso: un modello che da vuoto pesa un paio di chili, solo a riempirlo con quanto fin qui elencato può superare i 7 kg e mancherebbe ancora una borraccia da un litro per l’acqua e una scorta di integratori alimentari.

Alimentazione In un’attività di trekking il pasto più importante è la colazione: deve essere “super ricca”, per garantire quella scorta essenziale di energia che anche in un cammino lento è fondamentale. Occorre poi avere sempre una buona scorta di acqua, meglio se fresca. Per questo le borracce si tengono fuori dagli zaini, per essere riempite spesso. Bene le barrette energetiche a base di frutta e cereali. Utilissimi i sacchetti di frutta disidratata, mix di uvetta, cocco, arancia, ananas, che oltre a essere particolarmente gradevole al palato offre una dose importante di elementi essenziali per ricaricare le nostre energie.

E poi ancora un sacco di altri consigli utili dall’igiene a come dormire all’abbigliamento intimo. Su Correre di giugno.

Articoli correlati

8 consigli utili per camminare una maratona

14 Febbraio, 2016

Il cammino ha in sé un’unicità che lo rende momento di riflessione, proprio perché nella sua velocità di esecuzione non si perde il contatto con se stessi e con ciò che ci sta attorno. È un diverso approccio con lo sport e la fatica. La fatica, sì, perché senza è impossibile andare ancora di più […]

La marcia del sole, solstizio a Pratomagno

17 Giugno, 2015

Salire in cima a una montagna sull’appennino toscano, dopo tre giorni di cammino da Firenze o due da Arezzo: trascorrere, tutti insieme intorno a un falò con tanta musica, la notte più corta dell’anno in attesa che spuntino i primi raggi e cominci il giorno più lungo: il 21 giugno. L’artefice è Folco Terzani che […]

Appunti per una walking marathon: il tesoro dell’inverno

13 Marzo, 2015

Nelle attività di endurance e aerobiche il periodo invernale, in rapporto alle specialità su cui ci si concentra è normalmente utilizzato per costruire una buona base su cui poi lavorare più avanti per ottenere dei miglioramenti. Questo è sempre valido se si approccia l’attività con un certo piglio agonistico, sia esso legato al running o […]