fbpx

Parola di Pink: a NY dovevo farcela perché…

Parola di Pink: a NY dovevo farcela perché…

Sono partite in 38, si sono allenate per sei mesi e in 10 sono arrivate a correre la maratona di New York. Alcune di loro erano principianti, altre avevano un po’ di pratica nelle gambe, tutte condividevano lo stesso passato segnato dal tumore al seno.

Sono tornate dalla Grande Mela stringendo una medaglia che è l’orgoglioso simbolo di un enorme lavoro fatto su stesse. Per testimoniare che #NothingStopsPink, niente ferma le donne.

Nothing Stops Pink è il progetto firmato da Fondazione Umberto Veronesi e Rosa&Associati per promuovere il movimento e la corsa come forma di prevenzione al tumore.

Su Correre di gennaio abbiamo presentato l’iniziativa, sul numero di febbraio diamo parola alle protagoniste.

Il racconto della Pink Patrizia Fada

Non avevo mai pensato, forse in gioventù desiderato, di partecipare ad una maratona, soprattutto alla maratona per eccellenza: New York.
Allenarmi, partire e partecipare a questa avventura con le mie amiche Pink è stato sicuramente incentivante; essere allenata da due esperti, competenti, umanamente di spessore, allenatori (Elena e Gianluca) è stata parte del motore che mi ha spinta ad andare avanti e a non mollare nonostante la chemioterapia e i suoi effetti fossero passati da pochi mesi, nonostante fossi completamente a digiuno di allenamento da corsa, nonostante un intervento a metà settembre, a soli due mesi dalla data fatidica.

Durante la maratona la forza di continuare arrivava da più parti: fino al 21° km, tra il tifo incessante e le band musicali ad ogni angolo, quasi non mi sono accorta di correre, poi ho iniziato a sentire la fatica e al 30° qualche dolorino alle ginocchia. A questo punto è solo la “testa” che ti fa continuare.

I pensieri sono stati tanti: potevo farcela perché i dolori della chemio erano stati molto più difficili da sostenere, potevo farcela perché lottare contro la paura di avere un tumore mortale è più difficile, potevo farcela perché comunicare ai miei familiari di avere una malattia gravissima è stato più faticoso, doveva farcela per tutte le donne che non sono sopravvissute, dovevo farcela per la mia bambina e i miei familiari che mi hanno sostenuto dall’inizio della malattia all’inizio degli allenamenti, dovevo farcela per tutti quelli che mi avevano permesso di vivere quest’avventura, dovevo farcela per dimostrare a me stessa che sono guarita, dovevo farcela perché volevo quella medaglia…

Platone insegna: “La resilienza in te sarà la via messianica che ti farà risorgere”
Io ho trovato la resilienza in me e sono risorta…

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Confessioni di un piriforme

Se la prendono in tanti con me, semplicemente perché sono tra i più piccoli del gruppo. Quali danni volete possa fare uno come me, quando ci sono miei amici ben più grandi e grossi che quando si muovono fanno cose più gravose delle mie? Mi sento come Calimero, il piccolo pulcino nero della pubblicità di […]

Maratona come migliorare la performance

Maratona, come migliorare le prestazioni? Ecco i dettagli possono fare la differenza I particolari, se debitamente curati, possono garantire un certo vantaggio prestativo. I consigli di Orlando Pizzolato sulla maratona come migliorare. Ma sono pochi gli amatori che dispongono del tempo o della voglia di metterli in pratica. L’approccio I parametri da monitorare Peggioramenti prestativi La […]

Infortuni running: i dieci errori da evitare

Scarpe, autodiagnosi, consigli discutibili: sei incappato in una di queste situazioni? Troppo spesso chi corre si lascia condizionare dal sentito dire e dalla fretta nel riprendere l’attività dopo essere stato vittima di infortunio. Infortuni running: ecco dieci degli errori commessi più di frequente dai corridori secondo l’esperienza raccolta dal Dott. Luca De Ponti, ortopedico sportivo. […]

Salute Allenamento News Equipment Correre