fbpx

Lo sport è inclusione

23 Novembre, 2019
Foto: Francesca Apruzzi

All you need is sport. Agonismo sociale e felicità inclusiva, libro a cura del medico dello sport e fisiatra Paolo Crepaz edito da Erickson, è un volume che raccoglie testi di diversi autori e atleti, con lo scopo di sviscerare e trattare il senso più profondo dello sport. Che va, appunto, nella direzione di una completa inclusione.

Effetto felicità

Sfidare se stessi, gli altri, l’ambiente, scoprire e migliorare le nostre qualità. Misurarsi con i limiti per superarli o per far pace con loro. Inseguire una prestazione o un record. Divertirsi assaporando le dinamiche del team. Questo è, secondo l’autore, il vero senso dello sport. Che ha anche un inatteso e sorprendente effetto collaterale: la felicità. Il giornalista sportivo Stefano Bizzotto scrive, nella presentazione del volume:Fra te e la felicità possono esserci cento metri di corsa da percorrere così come duecento chilometri in sella a una bici. Una quarantina di paletti conficcati nella neve, oppure ancora i dieci metri che separano la piattaforma dall’acqua. Lo sport ai massimi livelli, ma non solo, è la ricerca della perfezione che, per chi lo pratica, può coincidere, appunto, con la ricerca della felicità.”

Scuola di vita

Cultura e vita, teoria e prassi si incontrano in questo volume per promuovere il dialogo tra culture che si interessano di attività motoria e sportiva da diverse prospettive. Quella psicologica, spirituale, intellettuale e sociale. E da quella di atleti con straordinarie storie di vita e di sport. Il libro è pensato per educatori, genitori, allenatori, sportivi professionisti e semplici appassionati. Perché lo sport è di per sé una scuola di vita e un gioco che educa alla vita. Porta con sé la capacità di conoscere e valorizzare la bellezza irripetibile di ciascuno di noi e le diverse abilità delle persone. Garantendo il diritto alla partecipazione, premessa di qualunque inclusione sociale.

L’autore

Paolo Crepaz, medico, specialista in Medicina dello sport e Fisiatria, giornalista, docente in Pedagogia dello sport al master in Psicologia dello sport dello IUSVE, delegato, provinciale per il Trentino della Federazione Medico Sportiva Italiana, vicepresidente del CONI Trentino, autore di numerosi articoli e pubblicazioni su riviste di attualità e sportive.

Paolo Crepaz, All you need is sport. Agonismo sociale e felicità inclusiva. Erickson, 260 pagg., 16 euro

Leggi anche: Filosofia della corsa 

Articoli correlati

Allenare corpo e mente

13 Febbraio, 2021

Allenare il corpo, allenare la mente, volume dell’insegnante, scrittore e sportivo svizzero Nicola Pfund uscito nel 2020 ed edito da Demetra, racconta di come gli sport di resistenza possono, nel concreto, migliorare la vita nel suo insieme. Perché agiscono positivamente non solo sul fisico, ma anche sul benessere psicologico. Il libro Nelle pagine di questo […]

Lo sport di domani

16 Gennaio, 2021

A che cosa ci riferiamo quando parliamo di sport? E come ne parliamo? Quando diciamo “educazione fisica”, per esempio, intendiamo le due ore settimanali di scuola oppure la formazione di un cittadino che impara il rispetto dell’avversario e altri valori importanti? Lo sport, infatti, è cultura. Per affermare questo principio nella realtà però servono un patto morale collettivo e […]

Per stare bene tutti

05 Ottobre, 2019

DietaGIFT facile per tutti (Edizioni Correre) è un manuale dedicato alla DietaGIFT nato dai contenuti di un gruppo Facebook. Il libro spiega le basi di questo stile di vita davvero alla portata di tutti, basato sull’unione tra movimento e alimentazione corretta. Il tutto rispettando al 100% i segnali che provengono dall’organismo. La community online L’autrice Barbara Fedrigo ha […]

Corsa e invecchiamento cellulare

Tra gli innumerevoli vantaggi legati al movimento fisico regolare e costante, vi è anche quello, non trascurabile, del rallentamento dell’invecchiamento. Naturalmente il tempo non si può fermare, ma quante volte vediamo attorno a noi persone la cui età apparente è molto inferiore rispetto a quella anagrafica? Benché una fortunata genetica abbia la sua parte, quasi […]