fbpx
Photosprint

In un libro la storia di Calcaterra

Borri Books Store, stazione Termini, Roma. Davanti a un pubblico che lo adora, ecco la prima presentazione ufficiale di “Correre è la mia vita” scritto da Giorgio Calcaterra e Daniele Ottavi, incontro moderato da Daniele Menarini, condirettore di Correre. «Una vita di un bambino che a dieci anni. Grazie a un padre davvero “maestro di vita”, si innamora della corsa e la tiene con sé, almeno fino agli attuali 44 anni, sempre accompagnato da questo bellissimo sport dal quale trae ancora insegnamenti anche di vita. Per questo trovano spazio, tra le pagine, non solo le corse, ma anche le vicende personali e le scelte sentimentali. Ci sono, insomma, gli ultimi 34 anni della mia vita in questo libro che da anni in tanti mi chiedevano di realizzare, ma che non riuscivo a fare, perché non trovavo una condizione per me fondamentale per un lavoro come questo: l’amicizia. L’ho scritto con un amico conosciuto grazie alla corsa. Un’amicizia, quella con Daniele Ottavi, che comincia grazie a un insolito regalo: la compagna che regala a Daniele un’ora di corsa con Giorgio Calcaterra. Da quel primo incontro tra un uomo di marketing e comunicazione nel settore audiovisivo, e il corridore più amato dagli italiani, Giorgio Calcaterra, nasce l’idea del libro. Insieme, correndo e parlando, hanno ripercorso la vicenda umana e sportiva, che occupa le 336 pagine di “Correre è la mia vita”.

Articoli Correlati

100 km del Passatore: Carmine Buccilli sfida Giorgio Calcaterra
Training Mix, allenamento senza corsa per un runner più forte
Run 5.30 – Il libro sulla corsa all’alba al Festivaletteratura di Mantova
Calcaterra e Monteforte: incontro fra Purosangue
Traguardi che parlano di vita
Foto Giancarlo Colombo
Passatore: Calcaterra da leggenda