fbpx
Crippa al Boclassic

Gudeta e Bekele stelle della Boclassic di Bolzano

Boclassic: un passaggio di un'edizione passata
Di: Diego Sampaolo

Gli etiopi Netsanet Gudeta Kebede e Telahun Haile Bekele sono i favoriti della quarantacinquesima edizione della Boclassic Sylvesterlauf di Bolzano, che vedrà al via numerose stelle del mezzofondo prolungato a livello mondiale e italiano.

Gudeta insegue il terzo successo della sua carriera a Boclassic dopo le affermazioni del 2015 e del 2018. In entrambe le occasioni la top runner si impose davanti alla keniana Janet Kisa.

Lo scorso anno Gudeta fermò il cronometro in 15’46”, uno dei migliori tempi mai realizzati sul percorso di Bolzano. L’atleta originaria di Bekoji ha stabilito il record mondiale della mezza maratona in una gara solo femminile con 1h06’11” in occasione dei Campionati del Mondo di questa specialità disputati a Valencia nel Marzo 2018.

L’edizione 2019 della popolare corsa bolzanina è incentrata sulla sfida tra Gudeta e la ventiseienne keniana Margaret Chelimo Kipkemboi, vice campionessa del mondo dei 5000 metri a Doha lo scorso ottobre in 14’27”40 dietro a Hellen Obiri. Kipkemboi si è classificata seconda nell’edizione 2017 della Boclassic alle spalle della connazionale Agnes Tirop.

Il cast africano è completato dalle keniane Mercy Cherono, argento sui 5000 metri ai Mondiali di Mosca 2013, e Gloria Kite, atleta dal primato personale di 8’29”91 sui 3000 metri al meeting di Doha, e dalla giovane Alemitu Bekele, vice campionessa mondiale di corsa campestre under 20 ad Ahrus lo scorso Marzo.

Le azzurre Nadia Battocletti, Sara Dossena, Angela Mattevi e Giovanna Epis proveranno a contrastare lo strapotere africano. 

La due volte campionessa europea under 20 di corsa campestre Nadia Battocletti correrà davanti al pubblico di casa tre settimane dopo la conquista del secondo titolo europeo vinto a Lisbona. Nel corso di una stagione 2019 ricca di soddisfazioni la figlia di Giuliano Battocletti ha vinto anche la medaglia d’argento sui 5000 metri agli Europei Under 20 a Boras e ha migliorato dopo 40 anni il primato italiano juniores sui 3000 metri con 9’04”46 a Goteborg la scorsa estate.

La stella della gara maschile è il ventenne etiope Telahun Haile Bekele, leader mondiale stagionale sui 5000 metri con il 12’52”98 realizzato in occasione della vittoria al Golden Gala di Roma dello scorso 6 giugno. Bekele ha sfiorato il podio ai Mondiali di Doha classificandosi al quarto posto sui 5000 metri nella finale vinta dal connazionale Muktar Edris (tre volte vincitore alla Boclassic nel 2014, 2016 e 2017). Pochi giorni dopo la finale iridata Bekele si è preso la rivincita battendo Edris al Giro al Sas di Trento.

Il principale protagonista in chiave italiana è Yemaneberhan Crippa, che proverà a salire sul podio della Boclassic per la prima volta in carriera due anni dopo il quarto posto ottenuto nell’edizione del 2017. Nella migliore stagione della sua carriera, Crippa si è classificato ottavo sui 10000 metri ai Mondiali di Doha in 27’10”76 cancellando dopo 30 anni il record italiano detenuto dal 1989 da Salvatore Antibo (ultimo vincitore italiano alla Boclassic nel 1988). Lo scorso Dicembre Crippa ha vinto la medaglia di bronzo agli Europei di cross di Lisbona.

Oltre a Crippa ci saranno anche Yohanes Chiappinelli e Yassine Rachik, che hanno vinto la medaglia di bronzo agli Europei di Berlino 2018 rispettivamente sui 3000 siepi e nella maratona. Entrambi hanno migliorato il record personale in questa stagione. Chiappinelli si è migliorato portando il personale a 8’24”68 al Golden Gala di Roma. Rachik è diventato il quarto maratoneta italiano di sempre con l’eccellente 2h08’05” realizzato alla Maratona di Londra dello scorso Aprile.

Articoli Correlati

Eyob Faniel
Eyob Faniel, un italiano vince la BoClassic 31 anni dopo Antibo
Sara Dossena
Dossena, ecco cosa è successo a Doha
Sara Dossena
Dossena strepitosa alla Nagoya Women’s Marathon
Tola e Gudeta firmano la doppietta etiope alla Boclassic di Bolzano 
Esperienza, intuizioni e coraggio: le abilità del bravo allenatore
Boclassic, tris di Muktar Edris e record del percorso di Agnes Tirop