Drozphoto

Fast Hiking, gli ascensori umani

Il 21 agosto 2013, il catalano Kilian Jornet, partendo da Cervinia, in 2:52’02” stabilisce il nuovo record di salita e discesa del Cervino, detenuto dal 1995 dal valdostano Bruno Brunod. Sulla montagna più bella del mondo Kilian ha tenuto una media di 1.277 m D+ (milleduecento metri di dislivello positivo) all’ora, in salita, e 2.645 m D-, all’ora, in discesa. L’impresa alpinistica, affrontata in pantaloncini, maglietta, antivento, guanti in pelle e 3 gel, non rispetta esattamente i dettami del Club Alpino Italiano, ma rappresenta per molti l’icona di un modo diverso di andare in montagna.

Il 16 luglio 2015, l’italiano Marco de Gasperi, 5 volte campione del mondo di corsa in montagna, partendo da Courmayeur, in 6:43’52” stabilisce il nuovo record di salita e discesa del Monte Bianco (versante italiano) detenuto dal 1995 da Fabio Meraldi. Il valtellinese, partendo alle 4:30 del mattino dalla chiesetta di Courmayeur, ha percorso 51,8 km e 3.750 m D+ per coronare la sua impresa.

Il 16 Novembre 2015, l’elvetico Ueli Steck, l’alpinista più veloce del mondo, riconquista il record di salita sulla nord dell’Eiger impiegando solamente 2:22’52”.

Queste 3 imprese possono all’apparenza sembrare fine a se stesse, la massima esaltazione di un campione che vuole misurarsi con un obiettivo estremamente difficile da raggiungere, ma dietro a questi record c’è qualcosa di più, molto di più. Qualcosa che lega le loro imprese alla storia interrotta 20 anni fa da due grandi uomini: Fabio e Bruno. In quegli anni nasceva lo skyrunning, adesso il “fast hiking” o “alpine running”. Per comprendere meglio questa affermazione bisogna ripercorrere gli ultimi anni di storia della corsa outdoor.

Una storia ripecorsa da Luca Revelli su Correre di febbraio.

Articoli Correlati

Foto 123RF
Montagna e salite: allenatevi così
Foto da facebook
Zona mista: aspettando maratona e Stramilano
La nuova vetta di Kilian Jornet
Alla conquista del Monte Bianco
Vaccina: la filosofia di corsa di uno “scalatore” pavese
Alice Gaggi: dalla Valtellina al tetto del mondo