Dieci errori da evitare. #2 correrci sopra

Spesso il runner è condizionato dal sentito dire e dalla fretta nel riprendere l’attività quando è vittima di un infortunio. Su Correre di marzo Luca De Ponti ci ricorda alcuni degli errori commessi più spesso. Impariamo ad evitarli.

#2 Correrci sopra

Nel tempo si affina la sensibilità per capire le differenze tra i piccoli fastidi da sovraccarico (spesso passeggeri) e le infiammazioni vere e proprie. Bisogna allora comprendere quando la corsa può costituire un esercizio defaticante o un elemento in più per autoalimentare l’infiammazione in atto.

Di solito, il parametro che si utilizza per un giudizio in merito riguarda i primi chilometri: se dopo circa 10-15’ di attività i fastidi tendono a passare vuol dire che è stato sufficiente il riscaldamento per rimettere in moto l’organismo; se invece con la corsa iniziale i dolori aumentano generalmente non è confortante: meglio fermarsi, sospendere l’allenamento per qualche giorno per ripartire più avanti in una situazione favorevole.

Insistere testardamente può portare alla cronicizzazione di numerose forme infiammatorie, con il prolungamento dei tempi di guarigione.

Articoli Correlati

Colesterolo alto, ma è davvero un problema?
Ecco la nuova campagna Erreà sport per i capi certificati Oeko-Tex Standard 100
anca del runner
Occhio all’anca: ecco come evitare problemi
La prevenzione parte dall'alimentazione
La prevenzione nel carrello
Se corri piano non sempre vai lontano…
Estate, tempo per una dieta sana