Foto 123rf

De Ponti e gli infortuni: semaforo verde o rosso?

La gestione dei segnali forniti dal corpo è parte del bagaglio tecnico dell’atleta, ma alcune indicazioni di massima possono essere tenute presenti da tutti per interpretare al meglio la propria condizione fisica.
Nell’ampia panoramica dell’infortunistica e dei sintomi che possono anticiparla, ci sono delle situazioni per le quali è opportuno concedersi una pausa più o meno prolungata, con motivazioni che sono spesso diverse.

Insieme a Luca De Ponti specialista di ortopedia, sul numero di luglio di Correre vediamo di capire quando è necessario fermarsi e cosa si può fare durante questo periodo.

Il legame con l’età
Per un atleta che si dedica da tempo a un’attività come la corsa la possibilità di fermarsi per un discreto periodo in relazione a eventi di carattere infortunistico è tanto meglio gestibile quanto più giovane è la sua età.
È più facile fermarsi e riprendere per un giovane, mentre nei casi di atleti over le pause devono essere decise con attenzione, riservando le soste prolungate a infortuni che richiedono effettivamente tempi lunghi di guarigione.

A cosa fare attenzione
Ci sono situazioni nelle quali condizioni di affaticamento generale o psichico possono essere causa di infortuni più o meno gravi: sta alla sensibilità dell’atleta, andando al di là di uno spirito di sacrificio talvolta vano, il capire come diminuire o sospendere momentaneamente il carico allenante.
Una delle doti che distinguono un buon atleta è proprio quella di saper ascoltare le sensazioni del proprio corpo, prima, durante e dopo l’impegno fisico. Una qualità non da tutti, che può essere gestita per dosare l’allenamento e l’impegno da profondere in quel determinato momento.

Tempi biologici di guarigione
Vanno rispettati. I processi riparativi richiedono tempo per sanare un danno e affrettare il recupero vuol dire creare i presupposti per ricadute, recidive, mezze guarigioni che risultano alla fine inconcludenti.

Su Correre di luglio maggiori approfondimenti sul tema con le tipologie di infortunio e le tempistiche di recupero. A cura di Luca De Ponti

Articoli Correlati

anca del runner
Occhio all’anca: ecco come evitare problemi
Arch. Correre
Omeostasi, supercompensazione e incrementi decrescenti: impariamo a dosare gli stimoli allenanti
Aumentiamo i tempi di recupero per correre a tutte le età
Tendine rotuleo e running: tutto quello che c’è da sapere
Recupero, ecco il segreto per migliorare
Ginocchia: 5 sintomi da interpretare in modo corretto