fbpx

De Ponti e gli infortuni: semaforo verde o rosso?

La gestione dei segnali forniti dal corpo è parte del bagaglio tecnico dell’atleta, ma alcune indicazioni di massima possono essere tenute presenti da tutti per interpretare al meglio la propria condizione fisica.
Nell’ampia panoramica dell’infortunistica e dei sintomi che possono anticiparla, ci sono delle situazioni per le quali è opportuno concedersi una pausa più o meno prolungata, con motivazioni che sono spesso diverse.

Insieme a Luca De Ponti specialista di ortopedia, sul numero di luglio di Correre vediamo di capire quando è necessario fermarsi e cosa si può fare durante questo periodo.

Il legame con l’età
Per un atleta che si dedica da tempo a un’attività come la corsa la possibilità di fermarsi per un discreto periodo in relazione a eventi di carattere infortunistico è tanto meglio gestibile quanto più giovane è la sua età.
È più facile fermarsi e riprendere per un giovane, mentre nei casi di atleti over le pause devono essere decise con attenzione, riservando le soste prolungate a infortuni che richiedono effettivamente tempi lunghi di guarigione.

A cosa fare attenzione
Ci sono situazioni nelle quali condizioni di affaticamento generale o psichico possono essere causa di infortuni più o meno gravi: sta alla sensibilità dell’atleta, andando al di là di uno spirito di sacrificio talvolta vano, il capire come diminuire o sospendere momentaneamente il carico allenante.
Una delle doti che distinguono un buon atleta è proprio quella di saper ascoltare le sensazioni del proprio corpo, prima, durante e dopo l’impegno fisico. Una qualità non da tutti, che può essere gestita per dosare l’allenamento e l’impegno da profondere in quel determinato momento.

Tempi biologici di guarigione
Vanno rispettati. I processi riparativi richiedono tempo per sanare un danno e affrettare il recupero vuol dire creare i presupposti per ricadute, recidive, mezze guarigioni che risultano alla fine inconcludenti.

Su Correre di luglio maggiori approfondimenti sul tema con le tipologie di infortunio e le tempistiche di recupero. A cura di Luca De Ponti

Articoli correlati

Migliorare in inverno

Come continuare ad allenarsi e a perfezionare le performance nei mesi freddi? E quali sono le sedute più adatte a uscire più volte a settimana senza infortunarsi? Due domande che hanno la stessa risposta. Sul numero di Correre di dicembre Daniele Vecchioni presenta uno schema di allenamento per migliorare in inverno senza farsi male. Un […]

Suddividere l’allenamento

Riportiamo alcune proposte di sedute del nostro direttore Orlando Pizzolato, da svolgere in una sequenza logica. Lo scopo è quello di suddividere l’allenamento e i carichi di lavoro per ottenere il massimo dei benefici prestazionali. Esercitando anche la capacità di correre a recupero incompleto. A proposito di recupero La maggioranza dei podisti si allena in […]

Guarigione da un infortunio, la fretta non paga

Ci troviamo in un momento storico in cui alcuni punti fermi della medicina sembrano vacillare. Diventa allora più che mai importante rifarci ai capisaldi della scienza per curare bene l’atleta. E curare significa anche fare capire quanto sia opportuno a volte saper aspettare. Senza essere impazienti e scalpitare per riprendere a correre anzitempo. Perché la […]

Zanardi trasferito al San Raffaele di Milano: “condizioni instabili”

24 Luglio, 2020

Tornano ad aggravarsi le condizioni di Alex Zanardi. Lo comunica la direzione sanitaria dell’Ospedale Valduce. Alex Zanardi è stato trasferito al San Raffaele di Milano e ricoverato in terapia intensiva. «In data odierna a fronte di intercorsa instabilità delle condizioni cliniche del paziente Alex Zanardi, dopo opportune consultazioni con il Dr. Franco Molteni, Responsabile del Dipartimento di Riabilitazione Specialistica Villa Beretta, […]